email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

La festa del cinema belga

di 

La festa del cinema belga

Con le feste natalizie torna anche la festa del cinema belga: il BE Film Festival. Il nome cambia, ma la formula resta la stessa. La squadra dell'associazione senza fini di lucro Un soir… Un grain (già organizzatrice del Festival del cortometraggio di Bruxelles) ha riunito le migliori uscite dell'anno, provenienti sia dal Nord che dal Sud.

Il pubblico potrà gustarsi sul grande schermo i film che non ha avuto occasione di vedere durante l'anno. Ci saranno gli immancabili titoli di Cannes come Il matrimonio di Lorna [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arta Dobroshi
intervista: Jean-Pierre et Luc Darde…
intervista: Olivier Bronckart
scheda film
]
dei fratelli Dardenne (il maggior successo francofono dell'anno in Belgio con le sue 60 000 entrate, seguito da Eldorado [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bouli Lanners e i suoi 41 000 ingressi) e Aanrijding in Moscou [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Christophe Van Roompaey, secondo campione d'incassi belga dell'anno con i suoi 180 000 spettatori, e poi lo spettacolare Loft [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Ma il BE Film Festival sarà l'occasione per (ri)scoprire anche un'altra perla del festival cannense 2008, il poetico e bizzarro Rumba [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charles Gillibert
intervista: Dominique Abel e Fiona Gor…
scheda film
]
di Abel, Gordon e Romy.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La manifestazione proporrà anche titoli meno noti: Cowboy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Benoît Mariage
scheda film
]
di Benoit Mariage, il recente Une chaine pour deux [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Frédéric Ledoux, e film fiamminghi poco diffusi a Bruxelles come Happy Together di Geoffrey Enthoven uscito lo scorso febbraio, Linkeroever di Pieter Van Hees uscito a marzo, e Los di Jan Verheyen, vincitore del premio della migliore regia e della migliore sceneggiatura all'ultimo Festival del Cairo.

Bouli Lanners avrà carta bianca con una selezione di film d'essai, un allegro assortimento di videoclip, cortometraggi e altre creazioni audiovisive di varia natura. Infine, il BE Film Festival svelerà in anteprima il nuovo film dei fratelli Guillaume e Stéphane Malandrin, l’originale Où est la main de l’homme sans tête? [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, prodotto da La Parti production, con un cast eterogeneo: il sopracitato Bouli Lanners e, nei ruoli principali, Cécile de France e Ulrich Tukur.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy