email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2022 Concorso

Recensione: The Word

di 

- Beata Parkanová fa un tentativo sincero, ma modesto, di raccontare la vita durante il comunismo all'indomani dell'invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968

Recensione: The Word
Gabriela Mikulková, Martin Finger, Lea Bankó e Anton Frček in The Word

Gli eventi del passato tendono a tornare molto tempo dopo essere accaduti, a perseguitare le generazioni successive o almeno a chiedere di essere ricordati. Nel contesto della Repubblica Ceca (e della Slovacchia), quell'evento è l'invasione sovietica della Cecoslovacchia, avvenuta nel 1968, e le sue conseguenze. Ogni famiglia ha probabilmente una storia sul 1968, e Beata Parkanová ce ne racconta una nel suo secondo lungometraggio, The Word [+leggi anche:
trailer
intervista: Beata Parkanová
scheda film
]
, presentato in concorso al Festival di Karlovy Vary.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Václav Vojíř (Martin Finger, un veterano della tv ceca che ha collaborato con Parkanová anche al suo primo lungometraggio del 2018, Moments [+leggi anche:
trailer
intervista: Beata Parkanová
intervista: Beata Parkanová
scheda film
]
) è un uomo di nobili principi. È un esperto di diritto rigoroso e meticoloso e un notaio molto rispettato di una non meglio definita città ceca, oltre ad essere una sorta di figura autoritaria per i suoi abitanti. Ma la sua competenza, la sua reputazione e i suoi principi onesti non sono sufficienti per garantirgli la sua posizione, dal momento che non è un membro del Partito Comunista al governo, ed è persino documentato che ha votato contro i comunisti nel 1946. Il Partito, rappresentato da agenti che visitano il suo ufficio per fargli pressione, afferma che Vaclav deve ad esso tutta la sua carriera e la sua clemenza verso le sue "trasgressioni".

Naturalmente, Václav è preoccupato per il suo futuro, dal momento che siamo all'indomani dell'invasione sovietica, ma sua moglie, Vera (Gabriela Mikulková, vista spesso in televisione), resta fermamente al suo fianco, sacrificando la sua serenità per essere il sostegno di cui suo marito ha bisogno e prendersi cura dei loro due figli. I loro amici consigliano loro di "fare la cosa intelligente" e fare un patto con il Partito, perché in realtà è solo un piccolo fastidio, ma Václav non può tradire i suoi principi. Attende la sua "punizione", che potrebbe essere la revoca della patente, il trasferimento da qualche altra parte, o addirittura essere retrocesso a un lavoro umile che non si sente adatto a svolgere – e l'attesa può rivelarsi una tortura maggiore della “sentenza” stessa.

Parkanová divide il suo film in lunghe scene: queste sequenze guidate dai dialoghi e un po' statiche sono girate sia in campi lunghi e medi sia in una serie di controcampi, quindi non sempre The Word trasmette un effetto "cinematografico". Il senso di assistere a una rappresentazione teatrale è ulteriormente amplificato dalla recitazione, che presenta un'espressività marcata e un tono leggermente declamatorio nella recita delle battute. Brevi intermezzi tra le scene, contenenti fotografie degli attori nei ruoli dei loro personaggi, forniscono un po' di sollievo dall'atmosfera pesante e cupa.

A livello visivo, The Word assomiglia un po' a un film per la televisione per via delle sue immagini non filtrate intrise di colori naturali e della sua scenografia leggermente austera, in cui gli elementi del presente sono rimossi, ma non sostituiti con oggetti tipici dell'epoca che il film ritrae. Tuttavia, da parte sua, Parkanová dimostra di tanto in tanto di avere alcune soluzioni registiche interessanti, e il direttore della fotografia Tomáš Juriček è altrettanto pieno di risorse con alcune delle sue inquadrature lunghe attraenti e ingegnosamente composte.

Alla fine, The Word sembra un film seriamente motivato a raccontare la sua storia. Il problema è che queste storie sono state raccontate in precedenza, quindi potrebbe avere difficoltà a trovare un pubblico al di fuori della sua regione specifica.

The Word è una coproduzione tra Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia. love.FRAME è la principale società di produzione, mentre AZYL Production, Kijora, Bontonfilm Studios e Czech Television sono le società coproduttrici. Bontonfilm si occupa anche della distribuzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy