email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

DISTRIBUZIONE / USCITE / ESERCENTI Italia

La Fice lancia “Estate d’autore”, con un appello a non abbandonare le sale

di 

- La Federazione italiana cinema d’essai promuove l’offerta di film di qualità nel periodo estivo, mentre gli esercenti continuano a soffrire l’erosione del pubblico post pandemia

La Fice lancia “Estate d’autore”, con un appello a non abbandonare le sale
Alla vita di Stéphane Freiss

“Nel 2019 Il traditore [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Marco Bellocchio
scheda film
]
, uscito subito dopo il Festival di Cannes, incassò 5 milioni di euro. Quest’anno Nostalgia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mario Martone
scheda film
]
, lanciato anch’esso sulla scia di Cannes e con lo stesso protagonista, Pierfrancesco Favino, arriva a fatica a 1 milione”. È così che Domenico Dinoia, presidente della Fice - Federazione italiana cinema d’essai, esemplifica la crisi nera delle sale cinematografiche nell’Italia post pandemia. L’occasione è stata la presentazione a Roma della IX edizione di “Estate d’autore. Prime visioni al cinema”, l’iniziativa che promuove il cinema di qualità nel periodo estivo, e che si è trasformata in un grido di aiuto degli esercenti a non abbandonare le sale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“I cinema stentano ad uscire dalle difficoltà causate da due lunghi anni di pandemia, con misure rigide e prolungate di contenimento da un lato, dall’altro l’esplosione del consumo domestico di cinema”, spiega Dinoia. “Tuttavia, si stentano a riconoscere politiche rivolte ad assicurare al mercato sala, in particolare al cinema d’autore, visibilità, promozione, spazi vitali nei confronti di realtà ben più potenti economicamente”.

Una regolamentazione delle finestre che individui la sala come elemento centrale, anche per i film stranieri, e una norma che riconosca all’esercizio percentuali di sfruttamento delle opere, sono alcune direzioni indicate dai professionisti per evitare che molti cinema chiudano e non riaprano più.

Intanto, gli esercenti d’essai cercano di resistere come possono e rilanciano il cinema d’autore italiano ed europeo d’estate, “periodo in cui si lavora meglio per un pubblico selettivo che ha voglia di essere stimolato”, secondo la vicepresidente Fice Giuliana Fantoni. L’edizione di quest’anno di “Estate d’autore. Prime visioni al cinema” prevede un programma di 12 lungometraggi di finzione e una selezione di documentari recenti a cui la Federazione assicurerà ampia diffusione e promozione nei mesi di giugno, luglio e agosto, negli oltre 400 schermi associati.

I film selezionati sono (in ordine di uscita): La doppia vita di Madeleine Collins [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antoine Barraud
scheda film
]
di Antoine Barraud, Lo chiamavano Trinità (edizione restaurata) di E.B. Clucher, I tuttofare [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Neus Ballús
scheda film
]
di Neus Ballus, Alla vita [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Stéphane Freiss, Amanti [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nicole Garcia
scheda film
]
di Nicole Garcia, Il paradiso del pavone [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Bispuri
scheda film
]
di Laura Bispuri, Elvis di Baz Luhrmann, Casablanca Beats [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Nabil Ayouch, I giovani amanti [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Carine Tardieu, Secret Love [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eva Husson
scheda film
]
di Eva Husson, Rimini [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ulrich Seidl
scheda film
]
di Ulrich Seidl, 200 metri [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ameen Nayfeh
scheda film
]
di Ameen Nayfeh.

Tra i documentari di qualità che saranno disponibili in sala nei mesi estivi: Los Zuluagas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Flavia Montini, Jane par Charlotte [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Charlotte Gainsbourg, The Princess [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Ed Perkins, Corpo a corpo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Maria Iovine, l'hongkonghese Revolution of Our Time di Kiwi Chow e lo statunitense All the Streets Are Silent di Jeremy Elkin.

Tutti i titoli dell’edizione 2022 di “Estate d’autore” sono consultabili qui.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy