email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Semaine de la Critique

Recensione: Dalva

di 

- CANNES 2022: Con il suo primo lungometraggio sobrio e commovente, Emmanuelle Nicot dipinge il ritratto di una bambina sopravvissuta, cresciuta drammaticamente troppo presto

Recensione: Dalva
Zelda Samson in Dalva

"Non sono una ragazza, sono una donna". Eppure Dalva (Zelda Samson) non è davvero una donna, è più una bambola. Una bambola truccata, imbellettata, vestita da suo padre, che l'ha resa la sua piccola donna. Una bambola docile, in cerca di amore.

Dalva [+leggi anche:
trailer
intervista: Emmanuelle Nicot
intervista: Emmanuelle Nicot, Julie Es…
scheda film
]
, il primo lungometraggio di Emmanuelle Nicot, selezionato alla Semaine de la Critique del 72° Festival di Cannes, inizia nel bel mezzo di una crisi. Dalva viene portata via da casa sua, portata via da suo padre. Le viene data un'altra casa, dove dovrà, o meglio potrà, finalmente essere quella ragazza, vivere quell'infanzia che le è stata rubata. La transizione è brutale, ovviamente. Dalva non è altro che sfiducia e resistenza. Senza fiato, interroga gli adulti silenziosi di fronte a lei, chiedendosi da cosa stiano cercando di difenderla.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È ancora un'attrice della storia costruita da suo padre, questa storia d'amore proibita. "Ma noi, non è niente del genere", afferma. Vede la loro separazione come un'ingiustizia. Dovrà essere offerta allo sguardo degli altri, e soprattutto al proprio, perché i condizionamenti a cui è stata sottoposta scompaiano.

A volte, l'emancipazione sta nelle piccole cose, come un paio di orecchini che vengono solennemente rimossi. L'apparenza è al centro della vita di Dalva: a casa, è ciò che le permette di fare ciò che non è, una donna. In istituto, è ciò che le permetterà di riconquistare ciò che le è stato tolto, la sua infanzia e la sua adolescenza. I vestiti che suo padre le comprava la definivano. Quelli che acquisterà lei stessa, con l'aiuto della sua educatrice, le permetteranno di liberarsi. Così come il giubbotto prestatole da Samia (Fanta Guirassi, un'ottima attrice debuttante), la ragazza con cui condivide la stanza e che diventerà sua amica, le permetterà di essere vista come qualcosa di diverso da una bambola, e l'aiuterà ad aprire la porta a una nuova vita.

Dalva parte come un dramma, evocando il crimine dell'incesto, ma il film è comunque una traiettoria di ricostruzione e persino di invenzione. Dalva tende alla luce, e infine sfiora la spensieratezza. Emmanuelle Nicot guarda al dopo, alla riparazione. Qui non è tanto la parola che salva, quanto piuttosto la riappropriazione del corpo. Questo corpo è anche quello di Zelda Samson, la giovane attrice che interpreta Dalva.

Emmanuelle Nicot ha una buona esperienza nello street casting. Già nel suo cortometraggio A l’arraché, la storia era magnificata dalla performance della giovane attrice scoperta per l'occasione. Filmata in 4/3, da vicino, spesso di spalle, Zelda Samson presta la sua energia spumeggiante, prima ribelle poi sempre più luminosa, a Dalva, una bambina contrastata a cui finalmente viene concesso il tempo di scoprire l'adolescenza con il proprio ritmo.

Dalva è prodotto dalla società brussellese Hélicotronc, e dalla società francese Tripode Productions, in coproduzione con Arte, Canal+, la RTBF, Proximus e Shelter Prod. Le vendite internazionali sono guidate da MK2.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy