email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2021 Concorso

Recensione: The Wedding Day

di 

- Il film di Wojciech Smarzowski racconta un capitolo oscuro nella storia della Polonia in tempo di guerra

Recensione: The Wedding Day

Il pubblico polacco dice che in ogni film di Wojciech Smarzowski ci devono essere un'ascia e un incendio. Inizialmente, era più che altro una starnezza divertente, ma con il progredire della carriera di Smarzowski, questa curiosità è diventata una metafora adatta per l’intero corpus delle sue opere, che spesso raccontano capitoli oscuri della storia polacca. I suoi film precedenti coprivano gli orrori del genocidio (Hatred [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), i crimini commessi dalla chiesa cattolica polacca (Clergy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wojciech Smarzowski
scheda film
]
) e la malvagità quotidiana che può esplodere in qualsiasi momento come un big bang (Traffic Department [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wojtek Smarzowski
scheda film
]
, Dark House). Se un'ascia taglia le ferite purulente causate dalla negazione e dall'omissione, il fuoco pulisce e sigilla i tagli in modo altrettanto brutale, come si può immaginare. I film di Smarzowski sono pieni di scene brutali e immagini che provocano fastidio, ma sono sempre creati per il giusto motivo: far luce su ciò che è stato tenuto all'oscuro per troppo tempo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Non fa eccezione The Wedding Day [+leggi anche:
intervista: Wojciech Smarzowski
scheda film
]
, che ha avuto la sua anteprima internazionale al Festival Black Nights di Tallinn, nella selezione ufficiale. La storia inizia con la celebrazione di un matrimonio nella ricca famiglia Wilk in una piccola città nel nord-est della Polonia. La sposa incinta vuole lasciare presto il Paese e iniziare una nuova vita, mentre lo sposo, che ha inclinazioni nazionaliste, vuole restare e lavorare per suo suocero, Ryszard (Robert Więckiewicz), e uscire con gli amici, che hanno la sua stessa mentalità. Ryszard, proprietario di un allevamento di maiali, è un burattinaio locale che non evita la violenza se può servire al suo scopo.

Poco prima che il matrimonio abbia inizio in chiesa, due israeliani si presentano senza preavviso per consegnare all’anziano padre di Ryszard, Antoni (Ryszard Ronczewski e Mateusz Więcławek nei panni di Antoni giovane), una medaglia di Giusto tra le Nazioni. La cosa suscita scalpore e Ryszard vuole che rimanga un segreto, dal momento che lui e la maggior parte della sua città hanno adottato una linea antisemita. Man mano che la celebrazione del matrimonio va avanti e si inebria di vodka, il motivo che sta dietro questo riconoscimento per Antoni ci viene gradualmente rivelato.

Il regista evoca sia il periodo prebellico che quello bellico per mostrare il complicato rapporto tra polacchi e vicini ebrei. Tutto culmina in una scena che ricrea probabilmente l'evento più vergognoso della recente storia polacca: il massacro di una intera comunità ebraica, che nella realtà storica  ha avuto luogo in una città chiamata Jedwabne. Passato e presente si intrecciano, e Antoni, che soffre di demenza, “vede” persone della sua giovinezza assistere al matrimonio. Simboleggiano la negazione dei crimini commessi, ma sono anche un riferimento ad un classico della letteratura polacca, Il matrimonio di Stanisław Wyspiański. Il film di Smarzowski ribadisce la ben nota, ma spesso ignorata, verità che coloro che non imparano dalla storia sono condannati a ripeterla, che tristemente riecheggia nell'ascesa dei poteri nazionalisti e di estrema destra nella Polonia di oggi.

Rispetto ai suoi film precedenti, The Wedding Day ha più sottotrame e personaggi secondari, il che rende la narrazione un po' confusa, e la quantità di violenza potrebbe essere troppa per un pubblico che preferisce i bisturi alle asce. D'altra parte, è uno di quei film il cui soggetto è più importante della sua qualità artistica. Tuttavia, va detto che i soliti collaboratori di Smarzowski, come il direttore della fotografia Piotr Sobocinski Jr, il compositore Mikołaj Trzaska e la costumista Magdalena Rutkiewicz-Luterek, nonché lo scenografo Marek Warszewski, hanno svolto un ottimo lavoro nel creare il racconto visivo e musicale del film.

The Wedding Day è prodotto dalla polacca Studio Metrage in coproduzione con Krakow Festival Office, Netaria, Zbigniew Chrzanowski Inwestycje e Bob Invest. Le vendite mondiali sono in attesa di essere assegnate.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy