email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Orizzonti

Recensione: White Building

di 

- VENEZIA 2021: Salutiamo l'edificio bianco del titolo situato a Phnom Penh, nello scintillante film d'esordio del regista cambogiano Kavich Neang

Recensione: White Building

White Building [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, del regista cambogiano Kavich Neang rispetta un saggio consiglio, per quando il gioco si fa un po' duro: se sei in ballo, devi ballare. Il film inizia con il nostro personaggio principale Samnang, detto anche Nang (Piseth Chhun), e i suoi due amici che praticano la danza hip-hop sincronizzata per un concorso, e non sono affatto male. Aiuta a compensare l'oscurità - oscurità splendidamente colorata e illuminata, va detto - che finisce per consumare questo impressionante primo lungometraggio di finzione, compagno del documentario del 2019 del regista, Last Night I Saw You Smiling [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(sulla vendita della casa popolare della sua famiglia e, più in generale, sulla gentrificazione locale). Il film è stato presentato in anteprima nella sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia, e il prossimo mese sarà proiettato nel Concorso opere prime del BFI London Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Opera profondamente personale e mutevole, White Building segue le fortune di Nang e di sua madre (Sokha Uk) e suo padre (Sithan Hout) malati e malinconici, insieme al White Building, che è stata la loro casa per generazioni ed è un prezioso pezzo di edilizia sociale di Phnom Penh, e che ora viene messo sul mercato per gli investitori giapponesi e cinesi. Siamo transitori, raramente lo siamo ancora, sì, ma il White Building ha una certa funzione simbolica, essendo sede di una vivace classe di artisti e dipendenti pubblici locali, e dalla sua costruzione nel 1963 (in uno stile funky e modernista che corrisponde all'ascesa dell'architettura brutalista nel Regno Unito), un silenzioso testimone dei tragici sconvolgimenti sociali della Cambogia.

Nel suo film del 2009 Fish Tank [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Arnold
scheda film
]
, Andrea Arnold ha stabilito un precedente interessante per le riprese di immagini archetipiche del realismo sociale britannico (proprietà comunali,  anguste cucine di cemento) in uno stile più astratto e lirico. Non è lontano da ciò che Neang vuole ottenere qui, fino all'importante motivo della danza (danza altamente professionale, non un ondeggiare in un angolo di una discoteca) come un modo per purificarsi e liberarsi dal dolore. Dopo che i tre amici, Nang, Ah Kha e Tol, si sono resi conto dei limiti del loro talento di danzatori di alto livello durante un'esibizione pubblica deludente - che tristezza vedere morire i sogni! — l'attenzione si sposta sulla fuga dei genitori dall'edificio, una preoccupazione ancora più pessimistica.

Ciò è simboleggiato dal diabete del padre di Nang (che rimane senza nome), causato da un problema con un dito del piede che i medici del sistema sanitario a pagamento suggeriscono di amputare. Il padre è risoluto, e preferisce rimedi naturali come un composto di miele; ironia della sorte, sembra un individuo meno pragmatico di suo figlio appena ventenne, che vede come la Cambogia sta cambiando e condivide la determinazione della sua generazione a fare qualcosa al riguardo. E così, come il regista del film, Nang si dedica al cinema.

Ci sono momenti in cui la durata di White Building - 90 minuti esatti - sembra più un obbligo che qualcosa di giustificato dal piccolo numero di eventi consequenziali che si verificano. Anche Neang sta provando cose: intermezzi documentaristici statici e di lunga durata dei corridoi fatiscenti, poi una sequenza fantasy minimalista simile al quella del suo ispiratore dichiarato Apichatpong Weerasethakul, sperimentando in un modo che a volte sembra incostante e provvisorio più che da maestro. Ma per una coproduzione cambogiana così insolita, il film ci suggerisce che Neang potrebbe alla fine diventare un narratore locale articolato - un poeta di vite catturate nella storia - quello che il suo coproduttore Jia Zhangke è per la Cina continentale.

White Building è una coproduzione tra Cambogia, Francia, Cina e Qatar di Davy Chou per Anti-Archive e Marine Arrighi de Casanova per Apsara Films. Les Films du Losange si occupa delle vendite. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy