email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Concorso

Recensione: Captain Volkonogov Escaped

di 

- VENEZIA 2021: L'attore russo emergente Yuriy Borisov interpreta il capitano fuggitivo del titolo nel thriller di Aleksey Chupov e Natasha Merkulova ambientato durante le grandi purghe di Stalin

Recensione: Captain Volkonogov Escaped
Yuriy Borisov in Captain Volkonogov Escaped

Un thriller politico nell'era di Stalin con la sobria intensità di uno dei film Bourne, Captain Volkonogov Escaped [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
si chiede se la coscienza pulita di una parte di un regime totalitario possa contribuire a scagionarlo in qualche modo. Braccio lungo ben equipaggiato della legge sovietica, l'eponimo capitano del National Security Service sviluppa una crisi di fede per la causa, e la sua fuga e la violazione del segreto di stato scatenano una feroce caccia all'uomo attraverso Leningrado. Ma ogni sogno di "fuga" appare rapidamente come un'illusione, poiché egli finisce per essere un topo che gira intorno agli stessi angoli stretti di una scatola per scarpe. Questo film appassionato, ma a volte laborioso, dei co-registi Aleksey Chupov e Natasha Merkulova ha debuttato in concorso al Festival di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo film, dato il suo straziante soggetto politico e le nostre aspettative tipiche del cinema russo d'autore, ha un'aria stranamente fluttuante e concreta, come se stesse già corteggiando un pubblico di impazienti spettatori delle piattaforme di streaming (infatti, tranne che per la loro eccentrica e molto interessante svolta a Venezia, The Man Who Surprised Everyone [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, i registi hanno lavorato principalmente in televisione). Volkonogov (Yuriy Borisov, il giovane ma imponente attore che quest'anno ha brillato nei film a Cannes, Compartment No. 6 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
e Petrov's Flu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) sta facendo banali chiacchiere su un certo tipo di succo di bacche della mensa con il suo collega Veretennikov (Nikita Kukushkin, dolce e sensibile); chiaramente, un piano sta nascendo, e il pit stop di routine per il rifornimento di succo di bacche è una copertura per qualcos'altro. Poi, come se stesse facendo un'audizione per un ruolo in All the President's Men o in The Post, Volkonogov si spinge con determinazione lungo un corridoio pieno di polvere con un voluminoso fascicolo d'ufficio in mano, e lo nasconde in una piccola fessura di una scala.

Volkonogov è uscito di scena - non si trova da nessuna parte nei suoi alloggi ufficiali o nella mensa degli ufficiali. Recuperando il documento più tardi nel primo atto, in modo surrettizio, vediamo il suo gioco finale. Centinaia di cittadini che sono stati arrestati e apparentemente mandati nei campi di lavoro sono stati in realtà sommariamente assassinati, e Volkonogov (il cui nome è esplicitamente "Fyodor", come l'autore) vuole smascherare l'insabbiamento e fare giustizia. I parenti più stretti di tutti i casi da lui supervisionati vengono visitati - dagli operai della lavanderia ai professionisti medici - e gli viene data la nuda verità, e ci rendiamo conto che la sua missione è un fanatico, onorevole pezzo di vigilantismo. Tuttavia, la narrazione di Chupov e Merkulova sottolinea abilmente i limiti e il discutibile egocentrismo di questa crociata.

In breve, Volkonogov pensa di essere come il burocrate disinteressato eroe in Ikiru di Kurosawa, quando in realtà è perso in un purgatorio che lo spoglierà gradualmente di ogni eroismo. In una ripetizione della posta in gioco metafisica del film precedente dei registi, un emissario dall'inferno appare in una visione, portandolo a chiedere perdono alle persone che ha deluso nella sua veste ufficiale; quando dà loro la notizia ancora più terribile, si possono biasimare i destinatari per non benedire la sua anima?

Una sottotrama che tenta di far sembrare il funzionario che conduce la caccia all'uomo, il maggiore Govnya (Timofey Tribuntsev), simpatico e sensibile, si ritorce contro la sdolcinatezza. Mentre il tempo scorre lento e la causa di Volkonogov si blocca nella ripetizione infelice, l'apparente risonanza odierna di questa parabola storica sembra persa nel tempo.

Captain Volkonogov Escaped è una coproduzione tra Russia, Francia e Estonia, prodotto da Place of Power e Lookfilm, e coprodotto da Homeless Bob Productions e Kinovista.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)


Photogallery 21/11/2021: Tallinn Black Nights Film Festival 2021 - Captain Volkonogov Escaped

26 immagini disponibili. Scorri verso sinistra o destra per vederle tutte.

©2021 Black Nights Film Festival

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy