email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2021 Concorso

Recensione: Espíritu sagrado

di 

- Con il suo primo lungometraggio, sulla scia di numerosi cortometraggi avvincenti, Chema García Ibarra continua a dimostrare di essere eccellente nel creare atmosfere, storie e sensazioni uniche

Recensione: Espíritu sagrado

Avete mai visto un UFO arrivare dallo spazio? La Vergine vi è mai apparsa in una cava? Credete nelle leggende metropolitane e nel traffico di organi? Se è così, forse potresti identificarti con il gruppo di protagonisti di The Sacred Spirit [+leggi anche:
trailer
intervista: Chema García Ibarra
scheda film
]
, opera prima di Chema García Ibarra (Elche, Alicante, 1980), in concorso nella sezione ufficiale del Festival di Locarno. È un film che si distinguerà senza dubbio tra gli altri titoli proposti nel programma della rassegna, perché è difficile da incasellare, cosa che avveniva anche con alcuni suoi cortometraggi di successo, come, tra gli altri, Misterio, La disco resplandece, Uranes e Protopartículas, selezionati da festival come San Sebastián, Berlinale, Sundance e la Quinzaine des Réalisateurs di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con la collaborazione del suo direttore della fotografia abituale, Ion de Sosa (con il quale ha co-diretto il cortometraggio The Golden Legend nel 2019), che ha girato su pellicola 16 mm (e talvolta 35 mm) per dare più fisicità ai colori e una certa aura fantasmagorica all'illuminazione, García Ibarra ha filmato in luoghi domestici e urbani della sua città natale, trasformandola in un luogo molto particolare dove cinque persone, di età svariate, professioni e personalità diverse, sono unite dalla loro fede negli avvistamenti di dischi volanti, nell'occulto e in altri fenomeni paranormali.

Liberamente ispirato a fatti realmente accaduti nella sua città, con un'armoniosa simbiosi tra fantascienza e documentario che scorre nelle inquadrature, il regista ha reclutato attori non professionisti che, pur non aspirando alla perfezione nelle loro interpretazioni, finiscono comunque (con le loro espressioni un po' distanti e le loro battute pronunciate in un modo che non è affatto usuale nel cinema mainstream) per turbare il pubblico - una sensazione che García Ibarra è abile nel suscitare. Dallo schermo trasmettono un misto di spontaneità, dilettantismo e commedia (a cavallo tra oscuro e affettuoso, strano e misterioso), piuttosto simile ai film di Aki Kaurismäki.

Indagando sul proprietario di un bar diventato leader di questa strana setta, interpretato da Nacho Fernández, lo scrittore-regista rivela la natura e la vita quotidiana di coloro che soccombono alle ideologie, alla parapsicologia e alle credenze più eccentriche, usando un cocktail sensato e ben dosato di umorismo e inquietudine, senza mai cadere nel dramma o confondere lo spettatore, anche se il pubblico non sa se ciò a cui sta assistendo è una terribile tragedia, una commedia involontaria o un'enorme scherzo cosmico.

La produzione di The Sacred Spirit ha coinvolto Spagna, Francia e Turchia, con Jaibo Films, Apellaniz y de Sosa, La Fabrica Nocturna Cinéma e Teferruat Film. Le vendite internazionali sono curate da Heretic Outreach.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy