email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2021

Nuovi talenti e vecchie mani a Pardi di domani 2021

di 

- Con Locarno in procinto di partire, Cineuropa assaggia un un po' di cortometraggi europei disponibili nella selezione Pardi di domani 2021

Nuovi talenti e vecchie mani a Pardi di domani 2021
The Sunset Special di Nicolas Gebbe

La sezione Pardi di domani del Locarno Film Festival, dedicata ai corti e ai mediometraggi, è da sempre un evento eclatante e diverso dagli altri, il festival stesso lo definisce come “un terreno di ricerca espressiva e poetica in formati innovativi”. Come negli anni precedenti, vi sarà un Concorso internazionale e un Concorso nazionale, ma quest’anno è stato introdotto anche il Concorso Corti d’autore, una selezione di cortometraggi realizzati da registi affermati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Concorso internazionale presenta alcune opere sperimentali. Una di queste è FIRST TIME [The Time for All but Sunset - VIOLET] (Nicolaas Schmidt, Germania), che ha inizio con la pubblicità della Coca-Cola degli anni 80 accompagnata dalla canzone “First Time” di Robin Beck. Si passa poi direttamente a un viaggio in treno dove la telecamera riprende due passeggeri per quasi tutti i 50 minuti del film. I protagonisti non parlano tra di loro ma si guardano, si sente soltanto la musica mentre osserviamo i loro sguardi e la vista fuori dalla finestra. Ciò che inizialmente sembra essere un esercizio per stuzzicare il pubblico si trasforma presto in un viaggio commovente e genuino alla scoperta del potere trasformativo della musica e della memoria come anche della sottigliezza delle interazioni umane nella vita di tutti i giorni.

Un film più satirico è The Sunset Special (Nicolas Gebbe, Germania) nel quale due protagonisti – doppiati tramite sintesi vocale – esplorano la vita perfetta. Il film è una satira agghiacciante sulla futilità delle ambizioni della classe media e sulla natura insulsa di gran parte della vita moderna e presenta un’animazione composta da codici informatici anomali.

Vi è un’animazione più tradizionale nel film Steakhouse di Špela Čadež (Slovenia/Germania/Francia) nel quale un’accanita discussione per una bistecca bruciata prende una brutta piega. Mentre il finale rimane impresso nella mente, il film nella sua interezza rappresenta un’idea ingegnosa mostrando come la rabbia nascosta che rimane sepolta all’interno di molte relazioni è sempre pronta ad esplodere.

Diana Cam Van Nguyen utilizza l’animazione nel suo documentario Love, Dad (Repubblica Ceca/Slovacchia) quando legge attentamente le lettere scritte 15 anni fa da suo padre. Attraverso un approccio frammentario e discontinuo, il film mostra ricordi sconnessi e il dolore che si prova nell’affrontare le verità del passato.

Un altro documentario che affronta la tematica del passato è In Flow of Words (Eliane Esther Bots, Paesi Bassi) dove tre interpreti del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia raccontano le loro storie. Attraverso un distacco estetico, il film mostra l’esperienza dei protagonisti il cui lavoro consiste nel rimanere impassibili di fronte a orribili racconti che vanno al di là dell’immaginabile. Si ottiene una storia commovente e incredibile che affronta il trauma sia individuale che collettivo.

Nella sezione Concorso Corti d’autore, uno dei film in gara è il nuovo cortometraggio realizzato dal regista Radu Jude vincitore dell’Orso d’oro di quest’anno: Caricaturana (Romania) esamina una serie di celebri litografie del XIX secolo di un truffatore senza scrupoli e – con una satira sottile che è tipica dei film di Jude – le osserva con una visione moderna. Il regista di Un couteau dans le coeur [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nicolas Maury
intervista: Yann Gonzalez
scheda film
]
, Yann Gonzalez, offre in Fou de Bassan una storia carica di contenuti tipicamente erotici, ricca di effetti realizzati attraverso luci al neon e sintetizzatore, mentre Patrick Bresnan e Ivete Lucas – il cui precedente cortometraggio Skip Day ha riscosso un grande successo al circuito del festival – tornano con Happiness Is a Journey (Stati Uniti, Estonia), un emozionante documentario su dei lavoratori che la notte prima di Natale preparano i giornali che andranno consegnati. È un film che parla dell’impegno umano di fronte a un mondo talvolta insensibile.

Il programma completo delle varie sezioni dei Pardi di domani è disponibile qui sotto:

Pardi di domani - Concorso internazionale

The Infernal Machine (A Máquina Infernal) - Francis Vogner Dos Reis (Brasile)
And Then They Burn the Sea - Majid Al-Remaihi (Qatar)
Suncatcher (Atrapaluz) - Kim Torres (Costa Rica/Messico)
Christmas (Dōng dōng de shèng dàn jié) - Fengrui Zhang (Cina/Stati Uniti)
Neon Phantom (Fantasma Neon) - Leonardo Martinelli (Brasile)
FIRST TIME [The Time for All but Sunset - VIOLET] - Nicolaas Schmidt (Germania)
Giochi - Simone Bozzelli (Italia)
Home (Imuhira) - Myriam Uwiragiye Birara (Ruanda)
In Flow of Words - Eliane Esther Bots (Paesi Bassi)
Night (Layl) - Ahmad Saleh (Germania/Qatar/Giordania/Palestina)
The Demons of Dorothy (Les Démons de Dorothy) - Alexis Langlois (Francia)
Love, Dad - Diana Cam Van Nguyen (Repubblica Ceca/Slovacchia)
Mask - Nava Rezvani (Iran)
Dad's Sneakers (Papyni krosivky) - Olha Zhurba (Ucraina)
Sound of the Night (Somleng reatrey) - Chanrado Sok, Kongkea Vann (Cambogia)
Squish! - Tulapop Saenjaroen (Tailandia/Singapore)
Steakhouse - Špela Čadež (Slovenia/Germania /Francia)
The Sunset Special - Nicolas Gebbe (Germania)
Strawberry Cheesecake - Siyou Tan (Singapore)
Time Flows in Strange Ways on Sundays (Yi Yi) - Giselle Lin (Singapore)

Pardi di domani - Concorso nazionale

After a Room - Naomi Pacifique (Regno Unito/Paesi Bassi /Svizzera)
Dream Racing (Cavales) - Juliette Riccaboni (Svizzera)
Strangers (Chute) - Nora Longatti (Svizzera)
Dihya - Lucia Martinez Garcia (Svizzera)
Thing (Ding) - Pascale Egli, Aurelio Ghirardelli (Svizzera)
It Must (Es muss) - Flavio Luca Marano, Jumana Issa (Svizzera)
Four Pills at Night - Leart Rama (Kosovo/Svizzera)
Mr. Pete & the Iron Horse - Kilian Vilim (Svizzera)
Real News - Luka Popadić (Svizzera/Serbia)
The Life Underground - Loïc Hobi (Svizzera)

Pardi di domani - Concorso Corti d’autore

CaricaturanaRadu Jude (Romania)
Creature (Criatura)María Silvia Esteve (Argentina/Svizzera)
Dead Flash - Bertrand Mandico (Francia)
Fou de Bassan - Yann Gonzalez (Francia)
Happiness Is a Journey - Ivete Lucas, Patrick Bresnan (Stati Uniti/Estonia)
Hotel Royal - Salomé Lamas (Portogallo)
How Do You Measure a Year? - Jay Rosenblatt (Stati Uniti)
Gotta Fabricate Your Own Gifts (Il faut fabriquer ses cadeaux) - Cyril Schäublin (Svizzera)
Penalty Shot (Kazneni udarac) - Rok Biček (Croazia/Slovenia/Austria)
Se posso permettermi - Marco Bellocchio (Italia)

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ilaria Croce)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy