email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZAGREBDOX 2021

Recensione: The Wire

di 

- Tiha K. Gudac dimostra che se si vuole dividere ulteriormente l'Europa, il filo spinato in stile fai-da-te è la strada migliore da percorrere

Recensione: The Wire

Nel caso qualcuno si stesse chiedendo del fiume Kupa, che forma un confine naturale tra Croazia e Slovenia, i volantini turistici hanno tutte le risposte. “Quale fiume ha la sua sorgente in uno degli otto parchi nazionali della Croazia e la cui sorgente è protetta come monumento naturale? Quale fiume è adornato dalla valle conosciuta come "la meravigliosa valle delle farfalle"?" Potrebbero anche non farlo, e non solo perché le domande retoriche sono generalmente noiose.

In The Wire [+leggi anche:
intervista: Tiha K. Gudac
scheda film
]
di Tiha K. Gudac purtroppo le farfalle sono fuori e il recinto di filo spinato è dentro, installato dal governo sloveno per impedire ai rifugiati di entrare in Europa. Certo, non è l'unico nel suo genere: il muro di Trump potrebbe aver attirato tutta l'attenzione, ma iniziative simili sono spuntate in tutta Europa, sotto silenzio. Alcuni accettano, o addirittura accolgono con entusiasmo le nuove costruzioni; altri, come l'artista slovacco Tomáš Rafa, per esempio, si impegnano a dipingerli per protesta. Ma il documentario di Gudac - mostrato al ZagrebDox, nella Competizione Regionale - dimostra quanto siano veramente tossici per tutte le persone coinvolte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

C'è anche qualcosa di molto aggressivo in questa particolare barriera, così impenitentemente brutta e piantata proprio nel mezzo di un luogo che originariamente sembrava così accogliente. “Sembrava” perché una volta lì, è quasi come se tutta la bruttezza fosse stata invitata a spuntare, pronta a crogiolarsi allo scoperto. "Sotto questi ponti è stato fatto l’amore!" si lamenta un uomo, desideroso di tornare ai bei vecchi tempi, quando tutti si univano, nella carne e nello spirito. Ma poi, sono mai esistite davvero? O c'era sempre stata un po' di oscurità, soprattutto considerando quanto poco ci vuole perché i vecchi conflitti e le accuse divampino ancora una volta.

Parte di un progetto più grande, una raccolta di sei film documentari incentrati su "confini" simili in Europa, The Wire fa un buon lavoro nell'osservare dinamiche su piccola scala e cattiverie quotidiane, come sempre in agguato dietro l'angolo. È il tipo di storia che sarebbe perfetto per un romanzo che attraversa un decennio, ma nonostante il suo specifico bagaglio storico, è ancora universale, così come le grida dei rifugiati (o "clandestini", a seconda di dove ci si trova), intrappolati in quella che chiamano "la giungla". Con così tanta sofferenza in corso da una parte e allegre maratone dall'altra, Gudac mostra un luogo con un disturbo della personalità, mangiato vivo dalla sua nuova, tagliente aggiunta. “Cosa c'è di europeo in questo? Niente", dice qualcuno qui, ormai demoralizzato. Per come stanno andando le cose, tuttavia, una simile affermazione potrebbe non essere esattamente vera.

The Wire è una produzione lituano-croata-slovena-belga-norvegese di Off World, Kinoteka, URGH!, In_Script e Relation04 Media.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy