email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

HOT DOCS 2021

Recensione: Life of Ivanna

di 

- Il primo lungometraggio documentario di Renato Borrayo Serrano è un ritratto senza compromessi di una donna dura che vive in condizioni difficili

Recensione: Life of Ivanna

Il primo lungometraggio documentario del regista nato in Guatemala e residente in Russia Renato Borrayo Serrano, Life of Ivanna, presentato in anteprima mondiale nella sezione World Showcase di Hot Docs, è un film su una donna dura che vive in mezzo a condizioni difficili. Ambientato nel nord brutalmente inospitale della Siberia, tra la popolazione Nenets, racconta la sua storia in modo intransigente, risultando una visione difficile e spesso disturbante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Ivanna vive con i suoi cinque bambini piccoli in una cabina sulla neve, in quella che potrebbe essere definita la versione di un parcheggio per roulotte nella tundra siberiana. Membro dell'etnia Nenets, dipende dalle renne per il riparo, il cibo, i vestiti e il trasporto. Mentre fuori imperversano le tempeste di neve, la famiglia cucina, mangia, dorme e gioca nell'unica, minuscola stanza.

A causa dell'approccio osservativo inizialmente senza compromessi di Serrano, lo spettatore si immerge profondamente in questo ambiente raramente visto, caotico e distante prima di sapere come Ivanna abbia finito per allevare da sola cinque figli all'età di soli 26 anni. Ciò avviene tramite un'intervista e alcuni filmati VHS, dove apprendiamo che la sua famiglia ha preso con sé quello che sarebbe diventato suo marito, Gena, dopo che i suoi genitori sono annegati. I due hanno iniziato a vivere insieme a 14 anni e, dopo essere rimasta incinta a 16 anni, ha lasciato il collegio russo in cui era iscritta.

Ma non incontreremo Gena fino a quando non sarà trascorsa più della metà della durata del film. Ha effettivamente lasciato la famiglia nel tentativo fallito di trovare un lavoro con Gazprom a Tukhard, a 200 km dalla tundra. Ivanna prepara la cabina e i bambini, prepara le renne, e dopo un viaggio che lo spettatore percepisce come una macchia di neve nel buio della notte, arrivano in una casa che Gena condivide con diversi altri uomini che passano il loro tempo a bere e a combattere. Presto si scopre che l'uomo stava risparmiando un bel po’ della sua energia violenta per sua moglie, sotto forma di un misto di lussuria inarticolata e aggressività. Ma Ivanna, che ha già dimostrato la sua forza e il suo forte atteggiamento mentale, dissipa rapidamente qualsiasi idea di essere una vittima impotente di abusi domestici.

Ancor prima del secondo atto da incubo alimentato dalla vodka a Tukhard, il documentario di Serrano non risparmia nulla. Una scena nella tundra vede Ivanna e i bambini mangiare la carne di una renna sventrata, prima che il resto venga gettato ai cani.

Una domanda interessante è: come è stato girato questo documentario? La cabina di Ivanna sembra troppo piccola per ospitare l'intera famiglia, figuriamoci una persona con la telecamera. A un certo punto della primissima sequenza, una ripresa fissa e prolungata di Ivanna che pulisce i piatti nella cabina, la donna si gira per guardare la telecamera e ride, come se si fosse appena ricordata che era lì.

Anche se il documentario ha un inevitabile aspetto etnografico, in fondo è uno studio del personaggio e un ritratto di una persona al contempo comune e straordinaria. Nella sua dimensione sociale, sfida gli stereotipi e le aspettative. Non che Ivanna pensi mai in termini di diritti delle donne, però: ha problemi più urgenti da affrontare e non accetterà sciocchezze da nessuno, per non parlare del marito buono a nulla.

Life of Ivanna è una coproduzione della russa Ethnofund Film Company, la norvegese Ten Thousand Images, la finlandese Illume Oy e la estone Baltic Film Production. CAT & Docs detiene i diritti internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy