email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERGAMO 2021 Premi

Une vie démente è il vincitore del Bergamo Film Meeting

di 

- Il film dei belgi Raphaël Balboni e Ann Sirot è stato incoronato dal pubblico della 39ma edizione del festival. Premiato anche Tailor e il doc Lobster Soup

Une vie démente è il vincitore del Bergamo Film Meeting
I partecipanti alla cerimonia di premiazione da remoto del Bergamo Film Meeting

È Une vie démente [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Raphaël Balboni e Ann Sirot
scheda film
]
, film di Raphaël Balboni e Ann Sirot che tratta con umorismo un argomento come le malattie neurodegenerative, il vincitore della Mostra Concorso della 39ma edizione del Bergamo Film Meeting che si è conclusa sabato con una cerimonia da remoto. Votata dal pubblico, l’opera di produzione belga ha ricevuto il Premio Bergamo Film Meeting del valore di 5.000 euro. La giuria internazionale, presieduta da Martha Otte (senior programmer del Tromsø International Film Festival) e composta da Dominique Cabrera (regista) e Luciano Barisone (giornalista e critico cinematografico), ha invece consegna il Premio per la migliore regia del valore di 2.000 euro all’esordiente greca Sonia Liza Kenterman per Tailor [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sonia Liza Kenterman
scheda film
]
, la storia di un sarto. Una menzione speciale è stata attribuita dalla stessa giuria a Une vie démente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il voto del pubblico ha assegna il Premio Miglior Documentario CGIL Bergamo di 2.000 euro per la sezione Visti da Vicino al documentario Lobster Soup di Pepe Andreu e Rafa Molés, coproduzione tra Spagna, Islanda e Lituania sul locale di un piccolo villaggio islandese destinato a scomparire, mentre il Premio della Giuria CGIL – La Sortie de l’Usine, attribuito dai delegati sindacali di CGIL Bergamo al documentario che meglio affronta i temi legati al mondo del lavoro e del sociale (1.000 euro), spetta a All That I Am [+leggi anche:
trailer
intervista: Tone Grøttjord-Glenne
scheda film
]
della regista e produttrice norvegese Tone Grøttjord-Glenne, che racconta la storia di una sopravvissuta agli abusi sessuali e la sua lotta per essere ascoltata. Menzione speciale al mediometraggio georgiano My Piece Of The Earth di Maka Gogaladze, sui cambiamenti rapidi e radicali portati dal crollo dell'Unione Sovietica a Tbilisi.

I vincitori:

Mostra Concorso

Primo premio
Une vie démente [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Raphaël Balboni e Ann Sirot
scheda film
]
- Raphaël Balboni e Ann Sirot (Belgio)

Secondo premio
Tailor [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sonia Liza Kenterman
scheda film
]
- Sonia Liza Kenterman (Grecia/Germania/Belgio)

Terzo premio
Full Moon [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nermin Hamzagić
scheda film
]
- Nermin Hamzagić (Bosnia-Erzegovina)

Miglior regia
Sonia Liza Kenterman – Tailor

Altri premi

Premio Miglior documentario CGIL Bergamo
Lobster Soup - Pepe Andreu e Rafa Molés (Spagna/Islanda/Lituania)

Premio della Giuria CGIL “La Sortie de l’Usine”
All That I Am [+leggi anche:
trailer
intervista: Tone Grøttjord-Glenne
scheda film
]
- Tone Grøttjord-Glenne (Norvegia)
Menzione speciale
My Piece Of The Earth - Maka Gogaladze (Georgia) (mediometraggio)

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy