email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2021 Concorso Tiger

Recensione: Bebia, à mon seul désir

di 

- Il primo lungometraggio della sceneggiatrice e regista georgiana Juja Dobrachkous è un film drammatico in bianco e nero impressionante, anche se imperfetto

Recensione: Bebia, à mon seul désir
Alexander Glurjidze e Anastasia Chanturaia in Bebia, à mon seul désir

Le voci nuove e coraggiose di registe provenienti dalla Georgia sembrano non mancare. Nel 2020, era Dea Kulumbashvili con Beginning [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dea Kulumbegashvili
scheda film
]
, e ora, in concorso all'IFFR, ci viene presentata Juja Dobrachkous e il suo impressionante debutto, Bebia, à mon seul désir [+leggi anche:
trailer
intervista: Juja Dobrachkous
scheda film
]
. Nonostante i problemi con lo sviluppo del personaggio e alcuni simbolismi confusi, questo splendido film in bianco e nero offre un'esperienza visiva unica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
sofia_meetings_internal

La nostra eroina, Ariadna (la modella Anastasia Davidson nel suo primo ruolo al cinema) viene richiamata da Londra nella sua piccola città nella regione di Mingrelia perché la sua Bebia ("nonna" in georgiano, interpretata da Guliko Gurgenidze) è morta. Non appena entra nella casa di famiglia, viene accolta dai rimproveri della madre arrabbiata, infelice e fumatrice accanita (Anastasia Chanturaia).

La tradizione georgiana è piena di rituali belli e strani, ma questo mingreliano è particolarmente interessante. Poiché Bebia è morta in ospedale, lontano da casa sua, la sua anima deve essere ricongiunta con il suo corpo. Questo viene fatto srotolando un filo dal luogo in cui è morta alla sua bara, e deve essere fatto a piedi. Si tratta di una camminata di 25 km, e spetta al membro più giovane della famiglia farlo, che in questo caso è Ariadna. Quest’ultima cerca di opporsi, ma gli anziani dicono che va fatto, quindi le viene assegnato un compagno di viaggio. Si tratta di Temo (Alexander Glurjidze), un giovane tossico con una visione nichilista, i cui legami esatti con la famiglia non sono chiari fino alla fine del film.

Così Ariadna e Temo camminano attraverso gli splendidi e spesso aspri paesaggi per cui la Georgia è famosa, assicurandosi sempre che il filo non si spezzi. Imponenti rovine e castelli di epoche passate fanno da sfondo alla loro missione mitologica, finché scende la notte e trovano rifugio in un remoto cottage nella foresta dove una povera famiglia li accoglie e li nutre, illuminati da una lampada a petrolio. Quando arriva una tempesta, il tutto si trasforma in una furiosa scena da incubo – uno dei momenti salienti del film.

Tra le scene del presente, Dobrachkous introduce flashback dell'infanzia di Ariadna. Dalle sequenze della sua educazione severa, che includono un duro allenamento di balletto e molte urla di Bebia, emerge che, dopo sua nonna e sua madre, Ariadna sembra essere destinata a diventare un'altra donna arrabbiata e infelice di una lunga serie.

Questo è probabilmente il tema principale del lungometraggio, che va a confondere lo sviluppo del suo fantasioso set-up. Ariadna non sembra trarre molto vantaggio dal suo pellegrinaggio; se esso doveva portarla a liberarsi dal passato familiare in cui le mancava calore e amore, non lo vediamo accadere. Quindi la metafora non funziona: il mito di Teseo ruota attorno al fatto di essere salvato da una persona cara, ma qui non accade nulla del genere.

La fotografia impressionista in bianco e nero della direttrice della fotografia russa Veronica Solovyeva, dove il nero spesso domina sul bianco, è sempre sbalorditiva.Filmando i corpi più che i volti, la regista relega le scene di dialogo da dispositivo narrativo a chiacchiere di sottofondo – e ce ne sono molte. Questo crea un'atmosfera fluttuante difficile da definire, il che rende il film intrigante e originale, nel bene e nel male, a seconda dei gusti del pubblico.

Bebia, à mon seul désir è una coproduzione della britannica Twice a Day, e delle georgiane TEO Films e Metro Productions. Le vendite internazionali sono guidate dalla greca Endorphin Film Sales.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy