email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIESTE 2021

A Trieste il cinema dell'Europa centro orientale on line

di 

- Dal 21 al 30 gennaio sulla piattaforma digitale la 32ma edizione del Trieste Film Festival con oltre 50 titoli da 38 Paesi. Apre Underground di Emir Kusturica, Palma d'oro nel 1995

A Trieste il cinema dell'Europa centro orientale on line
Andromeda Galaxy di More Raça

Il meglio del cinema dell'Europa centro orientale torna in versione digitale imposta dall'emergenza sanitaria, con il 32mo Trieste Film Festival, dal 21 al 30 gennaio. Gli oltre 50 titoli in programma nella rassegna diretta da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo si potranno vedere online sulla piattaforma MyMovies. Questa edizione avrebbe dovuto avere il proprio fulcro nel ricordo del trentennale delle guerre balcaniche (1991/2021), “un progetto a cui stavamo lavorando da anni”, spiegano i direttori artistici. Ma la pandemia ha costretto il festival a posticiparlo, “perché di molti dei film che avremmo voluto proporre esistono soltanto le copie in 35mm, impossibili da ‘proiettare’ in un festival online. L'appuntamento è dunque rimandato (speriamo già in primavera), ma ci sembrava doveroso che a un anniversario così importante fossero dedicati due momenti simbolici”. Infatti ad aprire il festival sarà Underground la favola anarchica e surreale sulla dissoluzione della Jugoslavia di Emir Kusturica, Palma d'oro a Cannes nel 1995, mentre a chiuderlo ci sarà un altro grande film, Lo sguardo di Ulisse di Theo Angelopoulos, vincitore del Grand Prix in quella stessa edizione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Nucleo centrale del programma si confermano i tre concorsi internazionali dedicati a lungometraggi, cortometraggi e documentari. Tredici i titoli del Concorso lungometraggi (in giuria la regista Adina Pintilie, la produttrice Ewa Puszczyńska, il programmer e critico cinematografico Paolo Bertolin). Due storie di paternità con il serbo Father [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srdan Golubović
scheda film
]
di Srdan Golubović (Premio del pubblico nella sezione Panorama dell'ultima Berlinale) e Andromeda Galaxy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: More Raça
scheda film
]
di More Raça, ambientato in Kosovo. Tra Kosovo e Germania si muove anche Exile [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Visar Morina
scheda film
]
di Visar Morina, passato al Sundance, mentre tra Polonia e Irlanda è ambientato I Never Cry [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Piotr Domalewski
scheda film
]
di Piotr Domalewski, sguardo realistico sulle difficoltà che affrontano le famiglie separate dall’emigrazione. Di immigrazione si parla anche nel bulgaro Fear [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ivaylo Hristov
scheda film
]
di Ivaylo Hristov, dramma che vira in commedia su una donna pronta a mettersi contro l'intero villaggio per ospitare un migrante. Dall’Europa di oggi a quella dell'immediato dopoguerra con A Frenchman di Andrej Smirnov, la Mosca del 1957 vista con gli occhi di un ragazzo francese, e In the Dusk [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
di Šarūnas Bartas, selezionato al Festival di Cannes e presentato in prima mondiale a San Sebastian. Dalla Grecia arriva Pari [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Siamak Etemadi
scheda film
]
di Siamak Etemadi, una madre iraniana per le strade di Atene alla ricerca del figlio studente. Dalla Romania la commedia satirica The Campaign [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marian Crişan
scheda film
]
di Marian Crișan, con un politico a caccia di voti per un seggio a Strasburgo, mentre il serbo My Morning Laughter [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Marko Đorđević racconta il coming of age fuori tempo massimo di un trentenne. E ancora, due dei film più sorprendenti della scorsa stagione: il polacco Sweat [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Magnus von Horn
scheda film
]
di Magnus von Horn, anche questo selezionato a Cannes, tre giorni nella vita di una “fitness-influencer”, e il georgiano Beginning [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dea Kulumbegashvili
scheda film
]
di Dea Kulumbegashvili, selezionato a Cannes e vincitore a San Sebastian, storia di una donna, Yana, Testimone di Geova attaccata da un gruppo estremista. Per finire, So She Doesn't Live [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Faruk Lončarević, sul più efferato caso di omicidio della Bosnia post-bellica. Evento speciale fuori concorso, dall'Azerbaigian, In Between Dying [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hilal Baydarov, presente anche nel concorso documentari col suo Nails in My Brain.

Dieci i titoli del Concorso documentari: Acasă, My Home [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Radu Ciorniciuc
scheda film
]
del rumeno Radu Ciorniciuc, premiato al Sundance; l’armeno Blockade di Hakob Melkonyan; due titoli dalla Croazia, Landscape Zero [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bruno Pavić e Once Upon a Youth [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Ivan Ramljak; dalla Russia Town of Glory [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dmitrij Bogolyubov; il tedesco Garage People [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Natal’ja Jefimkina;  dall’Austria, Please Hold the Line [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pavel Cuzuioc; il rumeno Holy Father [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Andrei Dăscălescu; il lituano Gentle Warriors [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Marija Stonytė e il già citato Nails in My Brain.

Due nuove sezioni integrano l'impianto tradizionale dei concorsi: Fuori dagli sche(r)mi, dedicata alle nuove forme cinematografiche, e Wild Roses: Registe in Europa. Cinque le registe “presenti”, seppure in streaming, (e che parteciperanno a un panel): Hanna Polak con Something Better To Come [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
; Agnieszka Smoczyńska con The Lure [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Agnieszka Smoczyńska
scheda film
]
; Anna Zamecka con Communion [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
; Anna Jadowska con Wild Roses [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anna Jadowska
scheda film
]
; Jagoda Szelc con Tower. A Bright Day [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jagoda Szelc
scheda film
]
.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy