email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

JIHLAVA 2020

Recensione: A New Shift

di 

- Il film di Jindřich Andrš che ha aperto Ji.hlava è un documentario caldo e leggero che segue un minatore di carbone della Slesia che si riqualifica per diventare un programmatore di computer

Recensione: A New Shift

Il primo lungometraggio documentario del regista ceco Jindřich Andrš, A New Shift [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale come film di apertura del Ji.hlava International Documentary Film Festival e in competizione nella nuova Golden Section di DOK Leipzig, è un’opera calda e spensierata che, tuttavia, esamina alcune questioni sociali attuali comuni a tutto il mondo industrializzato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tomaš è un minatore di 44 anni la cui miniera di carbone in Slesia chiude, costringendolo a cercare un nuovo lavoro. Sceglie di riqualificarsi come programmatore di computer attraverso il programma "New Shift" sovvenzionato dal governo. Comincia con entusiasmo: si taglia i lunghi capelli, si trasferisce in un nuovo appartamento e trova una ragazza tramite una app di appuntamenti.

Uomo piacevole, diretto e con i piedi per terra, Tomaš si diverte a guardare le partite della sua squadra di calcio locale, Branik, va a concerti punk e beve birra. Continua a bere nello stesso pub con i suoi amici della miniera e suo fratello maggiore, con il quale sembra sia in corso una competizione. Lì, gli viene ricordato più e più volte come le sue possibilità di trovare un lavoro nell'IT siano scarse: c’è gente più giovane, i cosiddetti nativi digitali, che sono nati con il computer, mentre lui ha trascorso 25 anni sottoterra.

Tomaš continua a inviare il suo CV a varie società IT e continua a ricevere rifiuti. Allo stesso tempo, sua figlia (ha anche due figli) per i quali paga gli alimenti mensili gli ricorda dolorosamente che il fidanzato di sua madre provvederà a lei se Tomaš non trova un lavoro. Mentre la pressione aumenta, anche se è solo nella sua testa, il nostro eroe trova lavoro come magazziniere in una fabbrica, cosa che odia. Ma sembrano esserci alcune opportunità nell’IT...

La parte di gran lunga più cinematografica del film è il primo segmento, contenente l'ultimo turno di Tomaš nella miniera: facce fuligginose di minatori, rumori industriali, ascensori veloci e carretti contenenti carbone nella semioscurità fanno sempre un buon cinema. Andrš fa seguire a tutto ciò un netto contrasto: un'aula di informatica presso l'Università tecnica di Ostrava.

Seguendo da vicino il suo protagonista con una telecamera prevalentemente a mano (manovrata dal direttore della fotografia Tomáš Frkal), il regista predilige scene per lo più luminose in esterni, quando l'azione non si svolge in uffici IT perfettamente puliti dove Tomaš va per fare colloqui o nel suo pub locale. Ciò mantiene l'atmosfera leggera, insieme allo spirito positivo del protagonista nonostante i numerosi ostacoli sul suo cammino.

Ma A New Shift offre al pubblico anche una buona e ben informata opportunità per riflettere su questioni interessanti come l'automazione del lavoro e i suoi effetti sulla società. Invia inoltre un messaggio più universale senza essere sentimentale: che la nuova era tecnologica non deve necessariamente significare la fine di tutto ciò che è vecchio... O che un vecchio diavolo può sempre imparare nuovi trucchi, se gli viene data la possibilità.

A New Shift è una coproduzione delle società ceche moloko filmCzech TelevisionFAMU e Studio Bystrouška.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy