email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Spagna

Recensione: Rocambola

di 

- Juan Diego Botto interpreta un personaggio vendicativo in questo thriller con sorprendenti colpi di scena e pochi luoghi, totalmente indipendente e carico di tensione psicologica e violenza

Recensione: Rocambola
Jan Cornet e Juan Diego Botto in Rocambola

Rocambola [+leggi anche:
trailer
intervista: Juanra Fernández
scheda film
]
è il terzo film diretto da Juanra Fernández, che ha debuttato nel 2012 con Para Elisa e ha firmato sei anni dopo De púrpura y escarlata. Ora si avvale di un cast ricco per dar vita a questa tragedia crudele e tesa in cui i ruoli talvolta si invertono, e disseminata di sorprese e colpi di scena che avvengono in poche location. Fra tutti spicca il suo attore principale, Juan Diego Botto, che costruisce un ruolo centrale – cambiando il tono della voce, rendendolo più grave – che si avvicina al cattivo incarnato da Robert de Niro in Cape Fear.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il protagonista dell’ancora inedito Los europeos interpreta qui Saeta, un demone in carne e ossa, cieco di vendetta, ferito dal tradimento di una persona amata. Affronterà Dante, a cui dà vita Jan Cornet, che torna a lavorare con Juanra Fernández e a subire cattività, molestie e manipolazione altrui dopo averlo fatto in La pelle che abito [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Almodóvar
scheda film
]
di Pedro Almodóvar. Completano il cast Sheila Ponte e, in brevi interventi, Elisa Matilla e Ana Alvárez.

Diviso, come La Divina Commedia, in tre parti – Inferno, Purgatorio e Paradiso – ma disposte inversamente nella sceneggiatura firmata dallo stesso Fernández, Rocambola prende il nome da un altro personaggio letterario: il Rocambole dei romanzi sui ladri in guanti gialli del XIX secolo, immaginato dal francese Pierre Alexis Ponson du Terrail. Ma qui la torbidità, l'aggressività e l'ambizione sono molto maggiori e, soprattutto, estreme.

Con il fattore sorpresa che pervade le sue prime scene, Rocambola è una prova di cinema indipendente che si avventura a mettere tre personaggi unici in una casa in modo che vengano seguiti continuamente e cresca così la tensione tra di loro. A volte quell'effetto riesce; altre volte è forzato da un'azione esagerata o francamente illogica, ma sempre in un'atmosfera claustrofobica, soffocante e aggressiva.

Rocambola, film girato a Toledo e a Cuenca, è una produzione di Marcianetes Films ed è distribuito da Begin Again Films. Esce in Spagna oggi, venerdì 5 giugno, sulla piattaforma Filmin.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy