email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

HOFF 2020

Recensione: Chasing Unicorns

di 

- Menzione speciale all'Haapsalu Horror and Fantasy Film Festival, la commedia di Rain Rannu sostiene che se tutti in America hanno una macchina, tutti in Estonia hanno una start-up

Recensione: Chasing Unicorns
Henrik Kalmet e Liisa Pulk in Chasing Unicorns

Aggiungendosi alla lunga lista di film che cominciano con una definizione del dizionario (in questo caso "unicorno"), Chasing Unicorns [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il secondo lungometraggio di Rain Rannu dopo Chasing Ponies, si concentra su una nuova generazione di outsider (oltre a continuare a battere sul tema equestre). Il protagonista è un giovane aspirante imprenditore che sogna di seguire le orme di Steve Jobs e dei suoi discepoli, passando dal lavoro in un garage al successo nel mondo delle start-up tecnologiche. Il film ha ricevuto una menzione speciale al recente Haapsalu Horror and Fantasy Film Festival (HOFF, 8-10 maggio).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia è ambientata in Estonia, il che è verosimile visto che aziende come Skype sono state create dai connazionali di Rannu. Tuttavia, questi ritengono che tutti gli imprenditori se ne siano già andati negli Stati Uniti, preferibilmente a Palo Alto, come indicato dalla felpa del protagonista, Tõnu (Henrik Kalmet), uno zimbello del settore a cui viene consigliato di non creare più aziende. Nonostante la sua incapacità di realizzare profitti e comportarsi come un normale essere umano, Tõnu finisce per unirsi a Õie (Liisa Pulk), una giovane donna rimasta da poco disoccupata, per lanciare una nuova iniziativa: sviluppare il primo bellissimo casco da bicicletta dell'Estonia. Man mano che le loro aspirazioni crescono, decidono di attrarre potenziali investitori, scambiare opinioni con altri imprenditori che hanno avuto successo prima di loro e non pensare alla teoria secondo cui le start-up sono come i videogiochi. Combatti, muori e ricomincia.

Sebbene questa nuova e promettente realtà risulti talvolta un po' esagerata, rimane un mistero come una storia di questo tipo sia stata selezionata per far parte del primo concorso di cinema di genere estone ad Haapsalu (un festival di horror e fantasy, oltretutto). La verità è che la cosa più vicina al sangue che vediamo nel film è un frullato rovesciato, eppure la giovane giuria composta dagli studenti della Läänemaa High School ha deciso di premiare il lavoro di Rannu, con la seguente motivazione: "Il film è unico e molto divertente, oltre che stimolante: se vuoi davvero qualcosa, provaci e non mollare!". Il problema è che, dopo un po', vogliamo che i personaggi si arrendano. Anche se è una visione relativamente piacevole, Chasing Unicorns è anche estenuante. Il film sembra una sorta di lungo spin-off europeo di Silicon Valley, con personaggi che ricordano una versione più pulita e più articolata di James Franco in Pineapple Express, e che a un certo punto parlano davvero di uccidere un unicorno. È una lunga storia.

Lo stesso Rannu è anche un affermato imprenditore, e la storia pare sia basata su eventi reali (di fatto, se ci fidiamo di alcuni dei suoi argomenti, sembra che presto sarà possibile fare sesso su Marte). Tuttavia, il film sembra una successione di sketch e battute locali che poche persone capiranno al di fuori dell'Estonia, a partire dal cameo dell'ex primo ministro. Anche se la sua storia di una "donna forte che cerca di avere successo in un mercato dominato dagli uomini" vacilla di tanto in tanto, almeno il ritmo del film è dinamico, proprio come il camion dei pompieri trasformato in sauna. Per quanto riguarda le aspirazioni internazionali, questa volta potrebbe essere meglio restarsene a casa.

Chasing Unicorns è prodotto da Tõnu Hiielaid e il regista stesso per Tallifornia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy