email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SALONICCO DOCUMENTARI 2020

Recensione: Lady Time

di 

- Nonostante la sua piccola dimensione, il documentario di Elina Talvensaari è una delle più grandi scoperte dell'anno

Recensione: Lady Time

Lady Time di Elina Talvensaari è un vero film spezzacuori. Attualmente in attesa di un'uscita ad aprile nella sua nativa Finlandia dopo aver celebrato la sua anteprima mondiale all'IDFA e aver ottenuto alcuni premi al Tampere Film Festival, il suo potere si insinua dal nulla, poiché invece di affrontare alcuni dei temi più scottanti del mondo, rimane confinato in un piccolo appartamento, facendo ogni tanto una passeggiata intorno all'isolato – come si dovrebbe fare in questi giorni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Eppure è il tipo di opera modesta che non ha bisogno di fuochi d'artificio per rimanere impressa nella memoria, soprattutto quando Talvensaari comincia a intraprendere una piccola indagine fai-da-te, a seguito di un trasferimento in una nuova casa. Questa è ancora piena di oggetti appartenenti alla precedente proprietaria, Sirkka-Liisa, che è morta da sola e dimenticata, senza che sia rimasto nessuno a raccoglierli. “Una donna anziana viveva nell'appartamento prima di noi. L'appartamento era pieno delle sue cose. Tutto ciò che era rimasto della sua vita", afferma la regista senza mezzi termini. Ma invece di riporre tutto in alcune scatole, presto vuole saperne di più. Anche perché non può fare a meno di notare la presenza della donna, nel luogo che era il suo.

Il film racconta come un momento che rappresenta il futuro, con una famiglia in crescita al suo fianco, diventi improvvisamente il suo passato, facendo riflettere su quanto facilmente i ruoli possano essere invertiti. "Morire – questo a un gatto non si fa. / Perché cosa può fare un gatto / in un appartamento vuoto?” scrisse la vincitrice del Premio Nobel Wisława Szymborska. Ma che dire allora dei propri averi? C'è qualcosa di così vulnerabile negli oggetti abbandonati che nessuno è riuscito a nascondere, sull'intera vita di una persona che giace lì, all'aperto, e che completi estranei possono vedere, giudicare o semplicemente eliminare. Ma in Lady Time, risulta estremamente difficile sbarazzarsi di queste ultime tracce, delle caramelle di cioccolato stantie, dei bottoni e delle trecce da bambina – e l'elenco continua. Così porta questi oggetti sotto i riflettori, dando loro un primo vero splendore.

È difficile non pensare a migliaia di storie simili e a quanto velocemente di solito finiscano – all'interno di una busta di plastica nera, si presume. Ma mentre Talvensaari inizia a scoprire nuovi fatti su Sirkka-Liisa, non per curiosità ma per un interesse genuino, volendo ridare una dignità alla sua esistenza conoscendola un po’, è come se la donna rivivesse nel modo più delicato possibile. Non solo fissando inespressivamente da una vecchia fotografia, è come se effettivamente parlasse, attraverso le sue lettere o un diario: ricordando quando si trasferì, nel lontano 1952, e tutte le persone che ogni tanto le stavano accanto. "Per ricordarla, dovrei conoscerla", dice Talvensaari, e poi effettivamente fa uno sforzo per farlo, mentre i suoi figli crescono circondati da gingilli che già considerano propri. Alla fine di tutto, la regista potrebbe aver giusto guadagnato un'amica. Così come chiunque abbia l’occasione di vedere questo film.

Lady Time è prodotto da Emilia Haukka e Jussi Rantamäki, della finlandese Aamu Filmcompany.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy