email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ONE WORLD PRAGUE 2020

Recensione: Caught in the Net

di 

- Il nuovo documentario dei cineasti cechi Vít Klusák e Barbora Chalupová esplora il mondo oscuro dell'abuso sessuale di minori online e trasforma un esperimento in un intervento sociale

Recensione: Caught in the Net
sx-dx: le attrici Sabina Dlouhá, Tereza Těžká e Anežka Pithartová, e il co-regista Vít Klusák

I cineasti cechi Vít Klusák (The White World According to Daliborek [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vít Klusák
scheda film
]
) e Barbora Chalupová (Theory of Equality) si sono uniti per un esperimento sociale convertitosi in un documentario interventista, Caught in the Net [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale nella competizione ceca del Prague One World International Human Rights Documentary Film Festival prima che il raduno venisse interrotto per l'epidemia di coronavirus.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I cineasti hanno iniziato a esplorare il mondo ben noto ma sottoesplorato dell'abuso sessuale online di minori. Il team di produzione ha realizzato un vero set cinematografico composto da tre stanze di ragazze adolescenti, complete di giocattoli di peluche, lenzuola rosa e poster. Dopo aver ingaggiato tre attrici maggiori di 18 anni ma che sembrano molto più giovani, hanno creato falsi profili di ragazze 12enni su Facebook e altre piattaforme, e le richieste di amicizia da parte di uomini sono puntualmente arrivate. Presto, le tre attrici si sono ritrovate in video chat con uomini di età compresa tra i 25 e i 50 anni, i cui volti sono oscurati. È un esperimento serio con rigide regole di condotta, e ci sono uno psicologo, un sessuologo, un avvocato, il responsabile di un telefono amico e il direttore di un centro per bambini con cui si consultano sul set.

Per chiunque conosca le basi di tale comportamento su Internet, il livello di depravazione non sorprende affatto. Nella maggior parte dei casi, le richieste sessuali arrivano subito dopo il saluto e, spesso, la prima immagine quando inizia la videochiamata è un pene eretto, pixelato per il film. Eppure, il solo numero di uomini che hanno voluto mettersi in contatto con le tre ragazze – oltre 2.500 in dieci giorni – è sbalorditivo.

La premessa del film sembra avvincente, come uno dei tanti documentari true-crime di Netflix, ma è naturale che si trasformi in una visione molto scomoda. Dopo la prima fase, la produzione realizza foto contraffatte delle ragazze nude (una modella posa per il corpo), in modo che possano mantenere il contatto dopo la richiesta di foto. E piuttosto presto, quando un'attrice rifiuta di togliersi i vestiti in una live chat, l'uomo minaccia di condividere le foto online.

Sforzo congiunto della ceca Hypermarket Film e della slovacca Peter Kerekes Film, con la partecipazione dell'emittente pubblica ceca, Czech Television, Caught in the Net è una grande produzione che ha palesemente raggiunto l’obiettivo di intervenire nel mondo reale, piuttosto che limitarsi a esplorare e documentare un problema. Quando gli uomini propongono di incontrarsi di persona, le attrici accettano (in 21 casi) e telecamere e microfoni nascosti, insieme a guardie del corpo sotto copertura, vengono collocati in una pasticceria di Praga. I titoli di coda ci informano che la polizia è in possesso del materiale e sta avviando indagini ufficiali.

Molto presto nel film, un membro della crew individua un uomo che conosce personalmente, qualcuno che lavora quotidianamente con i bambini. La questione se tutti questi uomini siano davvero così depravati viene affrontata all'inizio, e un sessuologo esclude che dietro la pedofilia ci sia un fraintedimento. Il modo spaventoso in cui i loro volti sono sfocati, con solo la bocca e gli occhi visibili e il resto del viso raffigurato come se fosse stato cancellato, suggerirebbe che i registi li considerino dei mostri, ma ciò che emerge è la consapevolezza che il seme di tali istinti esiste nella maggior parte degli uomini e che è il sistema basato sugli incassi pubblicitari dei social network e dei siti di incontri che favorisce e consente a comportamenti come questi di emergere e svilupparsi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy