email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Forum

Recensione: Entre perro y lobo

di 

- BERLINALE 2020: Irene Gutiérrez si immerge nella giungla cubana in questa docufiction dove accompagna tre ex combattenti in un viaggio nella più profonda e radicata delle ideologie e delle psicologie

Recensione: Entre perro y lobo

Irene Gutiérrez ha debuttato nel lungometraggio con il documentario Hotel Nueva Isla [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, ambientato in un vecchio stabilimento turistico e incentrato su un anziano che viveva lì, come un naufrago di un tempo passato, alla ricerca dei suoi leggendari tesori nascosti. Con il suo nuovo film, Entre perro y lobo [+leggi anche:
trailer
intervista: Irene Gutiérrez
scheda film
]
, la cineasta spagnola si immerge nella smisurata area naturale cubana e trasforma lo spettatore nel quarto membro di un piccolo gruppo militare formato da tre veterani della guerra angolana. La scommessa – fisica, psicologica e ideologica – che percorre le strade della finzione e del documentario allo stesso tempo, è presentata alla 70ma Berlinale all'interno della sezione Forum.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Non si tratta solo di un'immersione in una giungla con tutti i suoi elementi riconoscibili da film come Predator, Platoon o Monos [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, ma senza gli effetti e il senso dello spettacolo di questi. Qui Gutiérrez non persegue lo stupore, ma piuttosto si attacca intimamente alla pelle dei suoi amati soldati, in modo naturalistico e poco enfatico, lasciando fluire i loro dialoghi e le loro azioni in modo autentico e realistico. La regista non soccombe neanche al facile stupore fotogenico della Natura: essa si impone da sé e condiziona i fatti senza sottolineare. A voler trovare un legame più stretto, questo potrebbe essere Para la guerra di Francisco Marise, un film ugualmente girato a Cuba e con protagonista un ex militare.

Ciò che questa regista formatasi alla scuola di San Antonio de los Baños ottiene con il suo secondo lungometraggio è di farci comprendere una maniera di stare al mondo, coraggiosa, costante, integrale e assolutamente fedele a un'ideologia. Uno di questi guerriglieri che si allena incessantemente per la battaglia tra alberi e fiumi è definito "essenziale" per il suo paese e la rivoluzione. Bene, anche se i dubbi, i chiaroscuri e le dispute nel gruppo non mancano, il film finisce soprattutto per rappresentare uno stile di vita che – come ha sottolineato la stessa regista nella sua intervista con Cineuropa – non esiste più: poche persone sono capaci di difendere i loro principi in modo così tenace, inamovibile e sincero, fedeli a una religione di cui sono militanti. Come li definisce Gutiérrez, interrogata sul significato del titolo del film: "Si trovano nel mezzo, tra il contadino e il soldato, al di sopra della salvezza o la perdizione".

Entre perro y lobo – che si apre con una scena del documentario Angola: victoria de la esperanza (1976) del cubano José Massip, include notiziari dell’ICAIC (Instituto Cubano del Arte e Industrias Cinematográficos) e si chiude con una canzone del compianto musicista angolano Teta Lando – è una produzione di El Viaje Films (Spagna), Autonauta Films (Cuba) e Blond Indian Films (Colombia). Delle sue vendite si occupa l’agenzia delle Canarie Bendita Films Sales.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy