email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KUSTENDORF 2020

Paolo Virzì tiene una masterclass a Kustendorf

di 

- Il regista e sceneggiatore italiano, ospite al festival cinematografico e musicale fondato da Emir Kusturica, ha incoraggiato i giovani cineasti a non aver paura di sbagliare

Paolo Virzì tiene una masterclass a Kustendorf
Paolo Virzì (a sinistra) durante la sua masterclass a Kustendorf

Drvengrad, che letteralmente significa "città di legno", è stata originariamente costruita per fare da sfondo a La vita è un miracolo di Emir Kusturica. È straordinariamente "pittoresca" e sarebbe la cornice ideale per qualsiasi tipo di residenza per artisti, dove il prossimo La montagna incantata di Thomas Mann o la sceneggiatura di un futuro vincitore di Palma d'Oro potrebbero vedere la luce. Ha perfettamente senso, quindi, che il Festival Internazionale del Cinema e della Musica di Kustendorf, giunto alla sua 13ma edizione, venga inteso come una piattaforma dove i giovani cineasti possono imparare il mestiere da artisti esperti, che quest'anno includono Paolo Virzì, Karim Ainuz e Nadav Lapid.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Charlemagne Youth Prize

Le colline innevate sono fonte di ispirazione, ma non si tratta solo di un concetto romantico: il modo in cui un cambiamento di scenario può essere cruciale per un regista è stato al centro della masterclass del regista-sceneggiatore italiano Paolo Virzì, preceduta da una proiezione della sua commedia dark del 2013 Il capitale umano [+leggi anche:
trailer
intervista: Paolo Virzì
scheda film
]
. Il film è basato su un romanzo americano di Stephen Amidon ed era originariamente ambientato nel Connecticut. Virzì ha spostato l'azione in Lombardia, nel Nord Italia. "Ho fatto molti film divertenti, con battute e sostanza, che all’apparenza avevano tutti quel famoso stile di ‘commedia all’italiana’", ha detto Virzì. “Con questo film, volevo provare qualcosa di nuovo. Sono nato in Toscana, quindi il Nord Italia è un paese diverso per me – con, ad esempio, inverni nevosi e nebbiosi, che sono più tipici in Belgio o in Normandia. Si adattava al tono dark del film. Ho detto al mio team: ‘Non stiamo facendo una commedia all’italiana; pensate all'inverno in Connecticut’".

Il regista ha aggiunto che, in qualità di membro dell'EFA, ha visto molti film europei e si è ispirato a un "certo look" che è più tipico del cinema danese o polacco. La scelta di Virzì di un'estetica "meno italiana" ha avuto un'influenza sul suo processo creativo. Poiché il tema principale di Il capitale umano era lo scontro tra le classi sociali, la stratificazione che – secondo Virzì – è più visibile nel Nord Italia rispetto a, diciamo, Napoli, si è rivelata molto stimolante. "Volevo uscire dalla mia zona di comfort ed essere in un posto che non fosse familiare, dove mi sentissi intimidito dal comportamento delle persone".

Quindi, ha lavorato per trovare lo stile visivo giusto per il film e il suo processo creativo. “Sono uno scrittore e un narratore, ma mi piace fare ritratti divertenti delle persone. Comincio [a preparare un film] prendendo appunti sul mio taccuino e disegnando i personaggi. Cerco di immaginare i loro volti”, ha spiegato Virzì. Ha anche parlato del ruolo di un artista, che vede come un "capro espiatorio" che "ha affrontato la rabbia", e ha analizzato le sfumature sociali ed economiche del Capitale umano.

E così la masterclass si è trasformata in una confessione agrodolce di un artista che cerca di fare commedie in un mondo che diventa sempre più oscuro e dove le voci degli artisti sembrano essere irrilevanti. Ma ha offerto una conclusione ottimista: diffondi la tua visione, aggiungi la tua voce al coro e non aver paura di sbagliare, è la sua preghiera.

Il 13° Festival Internazionale del Cinema e della Musica di Kustendorf si concluderà il 18 gennaio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.