email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2019 Concorso Film baltici

Recensione: Other Side of Silence

di 

- Il nuovo film del regista lituano Algimantas Puipa è una storia a ritmo lento ed emotivamente carica su due fratelli ai ferri corti

Recensione: Other Side of Silence

"Quando sono cresciuto, e soprattutto dopo aver trascorso del tempo con persone che sono molto malate, ho capito che non c'è nulla di ripugnante nel corpo umano", ha detto l'autore svedese Torgny Lindgren a proposito del suo romanzo “Sweetness”, alla base di Other Side of Silence [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il 21mo film di Algimantas Puipa (Whisper of Sin, Forest of the Gods). Recentemente il film è stato proiettato al Tallinn Black Nights Film Festival, nell'ambito del Concorso Film baltici.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia ruota attorno a due fratelli, Einar (Juozas Budraitis) e Kaspar (Povilas Stankus), che lottano per far funzionare i loro corpi malati, sia per orgoglio che per risentimento reciproco. Quando Isabela (Viktorija Kuodytė), una scrittrice di mezza età che si è data il compito di redigere la storia di San Cristoforo, viene coinvolta nelle loro vite, i dettagli della loro relazione odiosa iniziano lentamente a dipanarsi. Il film è lento e poetico, attirando gradualmente il pubblico nel suo mondo cupo e misterioso.

Einar e Kaspar vivono su un'isola remota con un fiume che separa le loro rispettive fattorie. Le loro case sono piene di cose vecchio stile: mobili, accessori e, naturalmente, i due vecchi stessi. I fratelli sono troppo impegnati a odiarsi a vicenda per concentrarsi su qualsiasi altra cosa. E anche se i loro corpi sono deboli, c'è qualcosa di potenzialmente minaccioso nel loro odio. L'atmosfera è densa di tensione derivante dall'amarezza, ma anche dalla solitudine, dal rimpianto e dal desiderio, e sembra che il tempo si sia fermato. Il passato è sempre presente.

In mezzo a tutto c'è Isabela, che, dopo essere stata risucchiata nell'ambiente tossico, si prende cura altruisticamente e in modo pratico dei fratelli: i loro corpi e le loro anime. San Cristoforo aiutò le persone che "volevano essere pronte a morire", dice, e portò Gesù attraverso l'acqua, con tutti i peccati del mondo sulle sue spalle. Condividendo il suo tempo con i due fratelli, ascoltando le loro storie e prendendosi cura di loro, lei stessa diventa una creatura simile a una santa, che li aiuta a portare il loro carico costituito da anni di rancore e li prepara per la loro morte.

Come suggerisce il titolo, c'è un grande silenzio in sottofondo, che in certi momenti è rotto da una musica inquietante. Ma Puipa usa principalmente suoni diegetici, tra cui gemiti, lamenti, schizzi di urina e lo struscio dei piedi di Einar e Kaspar a malapena funzionanti. A volte sembra che i fratelli siano già morti e che ciò che vediamo siano solo le loro carcasse vuote. La fusione del presente e del passato, le belle inquadrature e la combinazione di colori torbidi – dove ogni tanto spiccano alcuni punti caldi di luce – creano un aspetto simile a un dipinto, generando un senso di realtà dislocata che ricorda le opere del realismo magico.

Other Side of Silence è stato presentato in anteprima internazionale allo Scandinavian International Film Festival ad agosto di quest'anno. Budraitis si è aggiudicato il premio per il miglior attore per il ruolo di Einar, accompagnato dalle convincenti interpretazioni ermetiche di Stankus e Kuodytė, i tre che danno vita in modo impeccabile ai personaggi complicati e intriganti di Lindgren. Le acque chete scorrono profonde, e dall'altro lato del silenzio c'è molto di più di quanto sembri. Pertanto, non sorprende che il lento film di Puipa finisca per colpire lo spettatore con tutto il peso emotivo che si porta dietro sottilmente tutto il tempo.

Other Side of Silence è una produzione lituana, guidata da Studio Uljana Kim.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.