email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2019 Discovery

Recensione: Deux

di 

- Filippo Meneghetti si rivela con un'opera prima molto intelligente e di grande finezza interpretata in modo eccellente da Barbara Sukowa e Martine Chevallier

Recensione: Deux
Martine Chevallier in Deux

"Volevo dirti una cosa importante per me". A volte ci sono confessioni, rivelazioni di segreti intimi, che rimangono improvvisamente bloccati nella gola perché rimettono profondamente in discussione tutto lo scenario della propria esistenza e l'immagine che gli altri hanno di noi. Ma questo silenzio ha delle conseguenze... Con il suo straordinario primo lungometraggio, Deux [+leggi anche:
trailer
intervista: Filippo Meneghetti
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale nella sezione Discovery del 44° Festival di Toronto, Filippo Meneghetti, regista italiano che vive in Francia, analizza con una sottile virtuosità tinta di suspense l'amore clandestino e contrastato tra due pensionate, offrendo ruoli meravigliosi alla tedesca Barbara Sukowa e alla francese Martine Chevallier (membro della Comédie Française).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Charlemagne Youth Prize

"Hai un problema con le vecchie lesbiche?". Quando Nina (Sukowa) scopre che la sua amante Madeleine (Chevallier) non ha avuto il coraggio di fare coming out con i suoi due figli (molto grandi) Anne e Frédéric (Léa Drucker e Jérôme Varanfrain) e che si sta tirando indietro dal progetto di vendere il suo appartamento (in una città di provincia francese) per trasferirsi a vivere in coppia a Roma ("possiamo essere chi vogliamo"), perde il controllo in pubblico ed è con l'agente immobiliare che se la prende. Va detto che le due donne vivono l'amore perfetto, vivendo ufficialmente una di fronte all'altra sullo stesso piano, ma in realtà sempre insieme a casa di Madeleine, e questo da alcuni anni e dalla morte di suo marito. E scopriremo persino che il loro colpo di fulmine risale a vent'anni prima. Quindi è un dramma terribile quando Madeleine ha un attacco cardiovascolare. Devastata e costretta a ritirarsi a casa sua, Nina cerca di interferire, con il pretesto dell'amicizia di vicinato, nel difficile processo di convalescenza di Madeleine, che presto trova la sua casa monitorata 24 ore su 24 da un’infermiera (Muriel Benazeraf) e occupata dai suoi figli. I sentimenti di Nina e la certezza che lei sia in grado di aiutare Madeleine a tornare in vita, spinge Nina a correre sempre più rischi e a suscitare sospetti...

Orchestrando minuziosamente un sottile balletto di variazioni sul tema (un’ottima sceneggiatura che il regista ha scritto con Malysone Bovorasmy, in collaborazione con Florence Vignon) attorno alla logica spaziale e simbolica dei due appartamenti antistanti l'uno all'altro, Filippo Meneghetti mostra innegabili qualità di messa in scena, di un'elegante discrezione, su un soggetto forte di cui le sue due attrici principali restituiscono perfettamente le sfumature. Introducendo un po' di mistero nel prologo e in un'altra scena onirica, il cineasta realizza un raffinato melodramma sentimentale e sociale (le norme sociali, la vecchiaia) particolarmente ben diretto e molto empatico, segnando così un inizio di carriera più che promettente.

Prodotto dalla società parigina Paprika Films con Tarantula Luxembourg e i belgi di Artémis Productions, Deux è venduto da Doc & Film International.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.