email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2019 Fuori Concorso

Recensione serie: ZeroZeroZero (Episodi 1 & 2)

di 

- VENEZIA 2019: La serie originale Sky Studios creata da Stefano Sollima e tratta dal libro omonimo di Roberto Saviano debutta nel 2020 su Sky e Amazon Prime Video

Recensione serie: ZeroZeroZero (Episodi 1 & 2)
Gabriel Byrne e Andrea Riseborough in ZeroZeroZero

Gabriel Byrne sdraiato per terra, ferito, sotto una pioggia di vetri e pallottole. Gran bell'inizio per il primo episodio, diretto da Stefano Sollima, della serie originale Sky Studios ZeroZeroZero, tratta dal libro omonimo di Roberto Saviano, in anteprima mondiale come Evento Speciale fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.

La serie, creata da Stefano Sollima, Leonardo Fasoli e Mauricio Katz, è una produzione Cattleya (parte di ITV Studios) e Bartlebyfilm per Sky Studios, Canal+ e Amazon Prime Video. Un cast internazionale, tre continenti - America, Europa e Africa - sei lingue e quasi un anno di riprese per gli 8 episodi, per raccontare la collaborazione e la guerra tra ‘ndrangheta calabrese, cartelli messicani e uomini d’affari nordamericani corrotti per il controllo delle rotte "della merce più distribuita al mondo, la cocaina". Parola di Roberto Saviano, che dopo Gomorra ha pubblicato nel 2013 il romanzo-inchiesta sull'evoluzione dei cartelli sudamericani del "petrolio bianco" e che oggi è tra i produttori esecutivi della serie, oltre a far parte del team di scrittura.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I primi due episodi firmati da Sollima presentati a Venezia - mentre gli altri sono diretti da Janus Metz (True Detective) e Pablo Trapero (The Clan [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) - gettano le basi di una trama piuttosto complessa ma tutto sommato lineare. Le prime immagini, in cui vediamo cadere ferito Gabriel Byrne, sono un rapido prodromo di una scena madre al centro del primo episodio. Byrne è Edward Lynwood, un importante broker navale di New Orleans che tra le centinaia di container che movimenta tra il Nuovo Continente e l'Europa nasconde tonnellate di cocaina. La sua frase chiave, quando discute con i partner, è del tipo "quello che facciamo tiene a galla l'intera economia mondiale". Il suo braccio destro è la figlia Emma, piuttosto avida e determinata, interpretata da Andrea Riseborough, la cattivissima architetto assassina in uno degli episodi più dark di Black Mirror stagione 4. Il fratello minore Chris (Dane DeHaan) ha il destino segnato a causa della malattia di Huntington, che già aveva ucciso la madre, e questo gli renderà più facile prendere il posto del padre senza scrupoli. Mentre i Lynwood si stanno muovendo per coprire il buco creato dal mancato pagamento di una enorme partita di cocaina da parte dei mafiosi calabresi, sui monti dell'Aspromonte in Italia si sta aprendo una faida familiare per la gestione del traffico di cocaina. Sul terzo livello della narrazione c'è la squadra speciale dell'esercito messicano per la lotta ai narcotrafficanti.

Sollima ha già mostrato i muscoli con Suburra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stefano Sollima
scheda film
]
e la serie tv Romanzo Criminale, entrando poi di diritto ad Hollywood con Sicario: Day of The Soldado [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e dimostrando di essere un fuoriclasse del cinema di genere. Per quanto girati benissimo, però, di scontri a fuoco nel traffico o di sparatorie nei mercati affollati di innocenti passanti se ne sono visti ormai troppi. I prime due episodi di ZeroZeroZero abbozzano soltanto i personaggi all'interno di vicende non troppo originali. Quello che manca al momento è un protagonista, e confidiamo nel potenziale sviluppo del personaggio dell'attrice britannica Andrea Riseborough e di Dane DeHaan.

ZeroZeroZero è una delle produzioni legate alla crescita di investimenti in produzioni originali di Sky, annunciati per il recente lancio di Sky Studios, la nuova casa di produzione e sviluppo pan-Europea. La serie è attesa al debutto nel 2020 su Sky in Italia, Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria, su Canal+ in Francia e nei paesi francofoni di Europa e Africa, su Amazon Prime Video negli USA, in Canada, America Latina e Spagna. Il distributore internazionale è StudioCanal TV.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy