email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

MONACO 2019

A Monaco Chili discute di (T)VOD competitor in Europa

di 

- La piattaforma italo-europea sbarcata nel Regno Unito, Germania, Polonia e Austria organizza un panel con i professionisti tedeschi al Festival del Cinema di Monaco a fine giugno

A Monaco Chili discute di (T)VOD competitor in Europa
Giorgio Tacchia, fondatore e a.d. di Chili

La catena del valore per le produzioni audiovisive sta attraversando un processo di cambiamento fondamentale. C'è una vera e propria corsa per il consolidamento delle piattaforme online esistenti; nuovi, grandi player stanno entrando energicamente nel mercato. La crescita delle offerte globali è accompagnata dalla possibilità di rendere disponibile una gamma più ampia di contenuti per un vasto pubblico. Questo argomento sarà discusso in un panel dal titolo "Euroflix? On the road to strong (T)VOD competitors in Europe", organizzato dalla piattaforma TVOD italo-europea Chili in collaborazione con l'associazione dei produttori indipendenti tedesca Produzentenverband e.V., venerdì 28 giugno nell'ambito del Festival del Cinema di Monaco 2019.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un gruppo di key expert tenterà di rispondere a domande fondamentali su una delle più importanti sfide strutturali per l'industria cinematografica attuale. Come dovrebbero posizionarsi in questo nuovo paesaggio i produttori tedeschi ed europei? Le piattaforme online e i distributori di film sono concorrenti per definizione o sono possibili modelli di business cooperativi? In che modo le piattaforme online cambiano l'importanza e la disponibilità dei contenuti tedeschi ed europei? Tra i partecipanti al panel, Feo Aladag, regista, attrice e produttrice dal 2005, quando ha fondato a Berlino la società Independent Artists; Wasiliki Bleser, produttore, a.d. di Starhaus; Philipp Kreuzer, produttore, a.d. di Maze Pictures; Giorgio Tacchia, fondatore e a.d. di Chili. Come spiega Giorgio Tacchia a Cineuropa, "il cinema europeo avrà sempre più spazio su Chili, siamo molto felici di discutere una opportunità di crescita dei produttori tedeschi e di altri professionisti dell'industria cinematografica e televisiva. Una opportunità che non dovrebbe essere considerata come un confronto tra piattaforme digitali da una parte e sale cinematografiche dall'altra in cui solo una parte può vincere. La strada per il successo risiede in una relazione reciprocamente vantaggiosa tra tutti i partecipanti al mercato".

Chili, società nata a Milano nel 2012, è oggi una piattaforma transnazionale per film e serie TV on-demand e propone un'ampia libreria di titoli grazie ai suoi accordi con le più importanti case di produzione, distributori locali e etichette indipendenti. Ha sviluppato il primo e unico Marketplace centrato sull'entertainment. È disponibile senza costi mensili o di attivazione su Smart TV, Blu Rays, PC, tablet e smartphone. Grazie al successo italiano, Chili si è poi espansa nel Regno Unito - dove ha già raggiunto i 400.000 utenti dall'apertura lo scorso anno -, Germania, Polonia e Austria. In ciascuna delle sue divisioni nazionali la piattaforma pone grande enfasi sui titoli locali. Nel 2018, Torino 1895 Investimenti SPA (Famiglia Lavazza) si è unita a Paramount Pictures, Sony Pictures Entertainment, 20th Century Fox, Viacom e Warner Bros in qualità di azionista della società.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.