email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Jerôme Paillard • Direttore del Marché di Cannes

Forte presenza di nuovi membri EU

di 

Jerôme Paillard • Direttore del Marché di Cannes

Il Marché di Cannes apre oggi i suoi cancelli (fino al 27 maggio), e Jerôme Paillard, direttore di uno dei maggiori mercati cinematografici al mondo, racconta a Cineuropa le novità e le tendenze del mercato di questa 47ma edizione.

Cineuropa: Quali sono le novità di questa 47ma edizione del Marché?
Jerôme Paillard: È difficile avere novità ogni anno. Vorremmo, soprattutto, consolidare quello che abbiamo già. Come il Network dei Produttori, creato nel 2004. In ogni caso, la vera novità è il nostro sito web, uno strumento che opera tutto l’anno. In termini organizzativi, abbiamo apportato delle modifiche alle sale di proiezione, con quattro nuove sale all’Hotel Grey d’Albion, che conta da 30 a 90 posti. Abbiamo, di fatto, riorganizzato tutte le attrezzature per le proiezioni senza modificare il numero di schermi disponibili (30).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quali sono le tendenze di quest’anno in termini di presenza dei vari paesi?
L’Asia ha mostrato la crescita maggiore (+23%) confrontata alla media di un 8-10% di cambiamento da un anno all’altro. I paesi asiatici con una forte presenza quest’anno sono la Cina, l’India, la Thailandia e l’Indonesia. A livello europeo, possiamo notare una forte presenza dei nuovi membri dell’Unione, duplicati quest’anno, con 300 partecipanti. Questo è un segno importante di sviluppo per le industrie cinematografiche di questi paesi. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il numero di partecipanti e di proiezioni è stabile.

Come giudica questo evento annuale per l’industria cinematografica internazionale?
Piuttosto bene, perché l’ambiente economico del mondo cinematografico non è apatico come è stato negli ultimi anni, e nessun paese è in crisi. Il 2006 sarà l’anno dell’Asia, che è in crescita costante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy