email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2022 Concorso

Sophie Linnenbaum • Regista di The Ordinaries

"Solo rivolgendoci consapevolmente e mettendo in discussione questi meccanismi narrativi possiamo diventare noi stessi narratori"

di 

- La regista spiega il suo film e di come lascia che il discorso sull'identità, le classi sociali e la rappresentazione dei media formino un meta-mondo al suo interno

Sophie Linnenbaum • Regista di The Ordinaries
(© Jonas Ludwig Walter)

Sebbene alcuni affermino che il cinema riflette il nostro modo di vivere quotidiano, di solito i riflettori provengono dall'interno della struttura narrativa per illuminare l'esterno. Nel suo lungometraggio d'esordio, Subtext [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sophie Linnenbaum
scheda film
]
, Sophie Linnenbaum inverte questo processo e lascia che il discorso esterno dell'identità, della casta sociale e della rappresentazione mediatica costituisca un metamondo all'interno del suo film. Subtext è stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Karlovy Vary, nel Concorso Crystal Globe.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Hai già visitato questo mondo di scene fuori campo con il tuo cortometraggio Out of Frame. Questo film è una sorta di sequel o un mondo completamente diverso? O è semplicemente un tema che ti affascina?
Sophie Linnenbaum:
È una nuova versione di quel mondo. L'idea di Out of Frame, con il protagonista che si sente così solo da uscire dall'inquadratura, mi è rimasta impressa. Direi che mentre in Out of Frame tutte le cose sono collegate emotivamente, in Subtext abbiamo cercato di costruire una società allegorica con questo meta-universo cinematografico.

Da un lato, c'è l'idea che tutti siano protagonisti, che tutti valgano qualcosa. Ma dall'altro lato, c'è il presupposto che se non sei presente, non sei nessuno. Sono ideologie molto diverse che si intersecano. Dove vedi le aree di tensione?
Fondamentalmente, questi due campi si intersecano nella domanda "Come raccontiamo le nostre storie e su chi raccontiamo le nostre storie?". Si tratta quindi di capire chi è abbastanza degno di essere visto come individuo e come ci siano certi gruppi di persone plasmati dalle storie che li riguardano. A causa di questa esclusione, a certi gruppi viene negato il diritto di presentarsi e vengono invece spesso definiti dalla narrazione degli altri. Solo rivolgendosi consapevolmente a questi meccanismi narrativi e mettendoli in discussione possiamo diventare noi stessi narratori.

C'è un proverbio che dice che si dovrebbe raccontare solo ciò che si conosce. Hai paura di essere un po' troppo superficiale quando fai un meta-film sui film e sulle immagini?
Era il nostro obiettivo, cercare di non trovare metafore elitarie per il nostro meta-mondo cinematografico, ma cercare sempre di tradurre le cose intuitivamente nel linguaggio cinematografico. Di conseguenza, credo che questo sia un film in grado di comunicare con il pubblico. Questo è, dopo tutto, il tema di fondo. Si ha la sensazione che le narrazioni cerchino di raccontare la realtà, ma spesso la plasmano.

La tua protagonista è alla ricerca del padre, cosa che è radicata nell'affermazione dello status sociale e nella ricerca di se stessi.
Sì, il personaggio è alla ricerca della sua identità, cercando di trovare la confezione giusta in cui inserirsi. Nel corso di questo viaggio, potrebbe chiedersi se c'è qualcosa al di fuori di quelle confezioni.

Anche l'aspetto del tuo film ricorda molto l'apice di Hollywood, gli anni cinquanta e sessanta.
Quel look si è prestato per noi su diversi livelli. Da un lato, da una prospettiva meta-filmica, per così dire, c'è questo periodo di grandi produzioni hollywoodiane in cui tutto è splendente e bello, ma all'interno di una società molto rigida. La tendenza era quella di mostrare tutto perfetto, liscio e bello all'esterno. Ma dall'altro lato, era anche un'epoca in cui vigevano l'oppressione e la discriminazione.

Ci sono molte citazioni nella trama, ho riconosciuto Forrest Gump e Pleasantville. Può dirmi quanti riferimenti hai nascosto nel film?
Un numero infinito. Scherziamo sempre sul fatto che abbiamo bisogno di un sito web, 100 cose che non sapevate su Subtext. Per esempio, il discorso motivazionale del mentore: l'abbiamo messo insieme da cinque film diversi con monologhi motivazionali classici.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy