email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Un Certain Regard

Marie Kreutzer • Regista di Corsage

“Anche nei miei film seri mi piace far ridere”

di 

- CANNES 2022: La regista austriaca ci parla della fusione di dramma e umorismo, del percorso di emancipazione dell'imperatrice Elisabetta... e di cani

Marie Kreutzer  • Regista di Corsage
(© Pamela Rußmann)

La regista austriaca Marie Kreutzer ha ottenuto ottime recensioni per Corsage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marie Kreutzer
scheda film
]
, il suo film sugli ultimi anni dell'imperatrice Elisabetta d'Austria. E dopo la presentazione del film in Un Certain Regard a Cannes, Vicky Krieps ha vinto il Premio come migliore attrice per la sua interpretazione della frustrata monarca quarantenne.

Cineuropa: Corsage è un favoloso mix di serietà e risate. Sembra che tu abbia individuato il tono giusto per un film sull’imperatrice.
Marie Kreutzer: Penso che la maggior parte dei miei film sia un misto di scene pesanti e scene più leggere. Ho fatto una commedia per una volta. Ma anche nei miei film molto seri mi piace creare delle risate.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film è intitolato Corsage [corsetto], pensi che si applichi tanto all'imperatore Francesco Giuseppe quanto all'imperatrice?
No, non credo. Perché lui ovviamente come uomo, come imperatore, ha molta libertà. Ma è anche un’autorità. Ogni volta che parlo di disuguaglianza, dico sempre che gli uomini sono organizzati socialmente in un patriarcato e hanno un ruolo da svolgere in ogni momento. Quindi è un problema comune. Penso che molte delle restrizioni che ha applicato siano state autoinflitte perché ha cercato di essere l'imperatore perfetto, una cosa tra le altre che mi è piaciuta del personaggio. Ha cercato di essere molto modesto e di essere presente per la sua gente. Con l'imperatore volevo creare un personaggio che non fosse semplicemente l'antagonista, un cattivo marito, ma qualcuno che ha difficoltà a trattare con sua moglie.

L'imperatrice è in viaggio verso la libertà ed è spesso fuori rotta, ad esempio quando pensa che suo figlio la disapprovi. Puoi parlare di questo bivio di fronte al quale si trova?
È a un punto di svolta della sua vita, ed è quello che volevo rappresentare. È già molto stufa di quella sua immagine ponderosa che deve sempre tenere e, allo stesso tempo, non è sicura di essere ancora interessata a ricoprire il ruolo di monarca, quindi inizia a chiedersi cosa può fare altrimenti. Le immagini film-nel-film rappresentano il fatto che forse c'è un'altra versione di se stessa che è possibile. Ho pensato che fosse molto interessante il fatto che i suoi figli rappresentassero la monarchia molto più di lei.

Quando ti è venuta l'idea di farle incontrare Louis Le Prince [considerato da molti storici come il vero padre del cinema, prima dei  Fratelli Lumière] quando era in Inghilterra?
Non ricordo quando mi sono imbattuto in Louis Le Prince. Alla scuola di cinema ti insegnano che i fratelli Lumière sono stati i primi. È stato imbarazzante non sapere di Le Prince. Poi ho letto qualcosa, ma non c'era molto. Amavo l'idea che potessero incontrarsi e ho creato la connessione quando ho capito che lei andava in Inghilterra per andare a cavallo.

Infine, puoi dirci qualcosa sui favolosi cani che appaiono nel film?
Sei la prima persona a chiedere dei cani e ho un milione di storie da raccontare su di loro. Non lo farò mai più, è stato estenuante. Forse anche perché volevo cani molto grandi, perché lei ha sempre avuto cani di grossa taglia. Molte delle razze suggerite erano troppo piccole per me e non abbastanza interessanti. Pensavo dovessero essere cani che non vedi tutti i giorni. Le loro caratteristiche sono molto diverse e per il lavoro cinematografico alcune vanno bene e altre no. Gli allevatori di cani hanno detto in tutta onestà che non sapevano nulla di quelli in particolare, ed è difficile lavorarci. Rispetto ai cani con i cavalli è stato più facile!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy