email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Un Certain Regard

Lise Akoka e Romane Gueret • Registe di Les Pires

"Volevamo parlare soprattutto dell'incontro tra questi due mondi agli antipodi"

di 

- CANNES 2022: Le due registe spiegano il meccanismo del loro primo lungometraggio ad altezza bambino e il loro lavoro con i giovani

Lise Akoka e Romane Gueret • Registe di Les Pires
(© Eric Dumont)

Les Pires [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lise Akoka e Romane Gueret
scheda film
]
, il primo lungometraggio delle francesi Lise Akoka e Romane Gueret è stato presentato al 75° Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard.

Cineuropa: Com’è nata l'idea di girare un film dentro un film e con attori non professionisti?
Romane Gueret: Con Lise, ci siamo incontrate sette anni fa per il casting di un film. Lise era la direttrice del casting e io una tirocinante. Siamo andate a incontrare i bambini del Nord, nella zona mineraria e abbiamo avuto l'idea di realizzare un cortometraggio che mettesse in discussione la pratica del casting selvaggio. Questo corto, Chasse royale, è stato poi selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs. Eravamo entusiaste di esplorare un argomento che conoscevamo e poco dopo abbiamo voluto affrontare il tema della realizzazione di un film, raccontando la storia delle riprese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I giovani protagonisti provengono da quartieri difficili e il film dentro il film insiste su questo aspetto. Perché eravate così sensibili a questo?
Lise Akoka: Abbiamo fatto molti casting selvaggi e istruito i bambini per i film, spesso andando nei quartieri popolari per trovarli. Ci stavamo già interrogando sulla responsabilità di cercare bambini che non hanno chiesto nulla, che non hanno nessun desiderio particolare di fare gli attori e che si muovono in ambiti molto lontani dal mondo del cinema. Quali sono i limiti da non superare? Abbiamo anche messo in discussione il fascino ricorrente del cinema d'autore per i ragazzi provenienti da aree difficili, chiedendoci da dove venisse, e l'idea di dare voce a questi bambini dalla nostra posizione di adulti provenienti da un contesto più privilegiato di una grande città. Non si trattava semplicemente di raccontare la loro storia pretendendo di offrire un resoconto esauriente di ciò che sono e di ciò che provano, si trattava innanzitutto dell'incontro tra questi due mondi molto diversi (in termini di età, perché stiamo parlando di adulti e bambini, e provenienza sociale): chiedersi se fosse possibile un vero incontro, e cosa questo comportasse.

Come avete trovato l'equilibrio tra le riprese del film e le loro giovani vite fuori dal set, specialmente in termini di come il loro quartiere percepisce il loro nuovo status?
R.G.: Attraverso il lavoro sulla sceneggiatura, che è stato lungo. Non volevamo solo raccontare la storia delle riprese di un film. Quello che ci interessava di più era fare un film ad altezza bambino, sulle loro emozioni. Anche se ci sono alcuni personaggi adulti, sono sullo sfondo. C'è quindi un primo livello piuttosto vicino ai bambini, a ciò che vivono sul set e fuori dal set (con ciò che questo implica nel quartiere, nelle loro famiglie, con i loro amici, la questione della reputazione in un piccolo quartiere), e alcune scene di set che ci hanno permesso ogni volta di raccontare qualcosa di molto specifico sulla mise en abyme e sul loro rapporto. Ma è stato anche un grande lavoro di montaggio e il film si è davvero riscritto in quel momento.

Evitate accuratamente il manicheismo quando si tratta di come guardiamo questi bambini portati sul set di un film. Per alcuni questo danneggia l'immagine del quartiere, altri pensano che sia un'occasione per loro.
L.A.: Non abbiamo voluto dare risposte del tutto ottimistiche o del tutto disincantate a questa domanda, ma piuttosto chiederci come il cinema possa avere un impatto su ciascuno di questi bambini. Poiché non esiste un bambino generico, ad alcuni cambierà la vita mentre altri potrebbero scoprire una professione o a una vocazione. La scena con le educatrici del quartiere mostra una divergenza di interessi, ma abbiamo voluto abbracciare tutti i punti di vista. L'arte non cerca le stesse cose del mondo sociale, ma questi due aspetti hanno un valore e devono coesistere.

R.G.: Speriamo che questo possa aprire nuovi orizzonti, anche se è solo un sassolino, in una vita. Ma almeno avrà avuto il merito di esistere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy