email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Quinzaine des Réalisateurs

Philippe Faucon • Regista di Les Harkis

"Non ci sono i buoni da una parte e i cattivi dall'altra"

di 

- CANNES 2022: Il cineasta francese colpisce ancora nel segno con il suo film sui soldati locali arruolati dalla parte francese durante la guerra d’Algeria

Philippe Faucon • Regista di Les Harkis

Per la terza volta in vetrina alla Quinzaine des Réalisateurs del 75° Festival di Cannes dopo Fatima [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philippe Faucon
scheda film
]
nel 2015 e Amin [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philippe Faucon
scheda film
]
nel 2018, il cineasta francese Philippe Faucon ha presentato Les Harkis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philippe Faucon
scheda film
]
in cui scruta con la sua perfetta e umile padronanza del mezzo cinematografico la crudele pagina della storia che vede i soldati locali arruolati dalla parte francese durante la guerra d'Algeria.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il tema degli harki lo aveva già in parte affrontato in La trahison [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.  Perché ha voluto tornarci focalizzandosi completamente sull’argomento?
Philippe Faucon: Questo tema è un po' un'ossessione per me perché sono legato ad esso dalla mia storia familiare personale. Sono nato durante la guerra d'Algeria da genitori che l'hanno vissuta. Mia madre è nata in Algeria, ha vissuto lì fino all'età di 24 anni ed era molto legata a questo paese. Da bambina e adolescente, era andata a scuola con algerini che in alcuni casi si trovavano impegnati dalla parte francese e divennero harki, e in altri dalla parte opposta, tra i separatisti. Sono cose di cui ho sentito parlare da bambino e sentivo che era stato vissuto qualcosa di molto complicato. In particolare, ho sentito parlare delle persone che erano state massacrate. Avevo trattato questo argomento in La trahison, ma ero rimasto con la sensazione che avrei potuto raccontarlo in modo più profondo e diverso, ed è ciò che è all'origine di Les Harkis. Ho voluto tornare a questo periodo della guerra d'Algeria tenendo conto dei vinti, di chi ha sbagliato, soprattutto perché è qualcosa che è stato relegato nell'oblio, messo da parte, e non molto raccontato al cinema.

Perché la scelta di un collettivo, questo harki 534, e non di uno o due protagonisti?
Perché è una storia non semplice. Le ragioni per cui gli algerini hanno scelto di diventare harki erano diverse. Ciascuno dei personaggi incarna uno di questi motivi. Per alcuni, è una questione di sopravvivenza perché non hanno altra scelta. A causa della guerra, non possono più vivere della terra e hanno famiglie da mantenere. Questa è una delle cause importanti dell'impegno degli harki nei confronti dei francesi perché nella situazione di penuria dell'epoca in Algeria, quello che un harki guadagnava gli permetteva di sostenere diverse persone. Ci sono anche ragioni di tradizioni familiari perché i padri hanno fatto le guerre di Francia, ma anche ragioni di puro mercenarismo, opportunismo, persino ragioni di adesione come per il sergente capo Amin che è l'unico personaggio del film ad essere lì per convinzione: lui crede ai discorsi ufficiali pronunciati all'avvento della Quinta Repubblica, in cui si afferma che gli algerini avranno d'ora in poi gli stessi diritti dei francesi ed è invece diffidente nei confronti dell'opzione rappresentata dal FLN che vede come pura avventura.

Come ha delineato la cronologia della trama?
Il film si svolge negli ultimi tre anni di guerra. Comincia nel 1959 perché a settembre il generale De Gaulle evoca per la prima volta l'idea dell'autodeterminazione, così inizia a cambiare linguaggio, una scelta che, per chi è attento, può portare all'indipendenza dell'Algeria. Ma allo stesso tempo, è il momento in cui si fa appello in modo importante agli algerini che vengono reclutati in massa e armati contro altri algerini perché le autorità francesi vogliono iniziare a negoziare da una posizione di forza con il FLN. Si configura quindi una contraddizione seria e pesantissima: cercare di porre fine alla guerra ma coinvolgendo ancora algerini contro altri algerini.

Il film evita accuratamente il manicheismo.
Non si trattava di fare un film con punti di vista semplicistici perché le cose sono complesse, i personaggi stessi sono spinti da motivazioni che possono essere contraddittorie, complicate. Non ci sono i buoni da una parte e i cattivi dall'altra. La guerra d'Algeria fu un periodo di estrema violenza, ma da entrambe le parti. Questa violenza è rappresentata nel film, non come uno spettacolo, ma dice cose sui personaggi che subiscono la violenza o la praticano. Ad esempio, vediamo gli harki accanirsi sui prigionieri, ma forse è perché si accaniscono su un'immagine perduta di se stessi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy