email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2022 Concorso

Ursula Meier • Regista di La Ligne

“Di solito al cinema la violenza viene mostrata attraverso i protagonisti maschi, e quando ci sono le donne, sono per lo più adolescenti”

di 

- BERLINALE 2022: La tragicommedia del regista franco-svizzero affronta la rappresentazione della violenza femminile, mettendo da parte i soliti stereotipi

Ursula Meier • Regista di La Ligne
(© Raphael Zubler)

Dopo Sister [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ursula Meier
scheda film
]
, Ursula Meier torna al concorso della Berlinale con il suo nuovo lungometraggio La Ligne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ursula Meier
scheda film
]
, che racconta la storia di tre sorelle che hanno a che fare con una madre egocentrica ed esigente. Abbiamo parlato con la regista franco-svizzera dei temi principali del film e di come ha sviluppato i personaggi.

Cineuropa: Qui, come nei suoi film precedenti, e in particolare Sister, affronta i temi della famiglia e della sorellanza.
Ursula Meier:
Il punto di partenza è stato il desiderio di raccontare la storia di una donna violenta, della violenza femminile. Stéphanie Blanchoud, con la quale ho scritto il film, ha esperienza nel pugilato e ha già scritto un'opera teatrale su questo argomento. Di solito al cinema la violenza viene mostrata attraverso protagonisti maschili, e quando ci sono donne, sono per lo più adolescenti. Di solito in questi casi ha anche a che fare con la droga o la prostituzione. Non mi interessava questo. Mi sono chiesta come fosse possibile mostrare la violenza di questo personaggio femminile senza dover dare troppe spiegazioni. Poi ho collegato la storia alla famiglia, perché è quella che ci plasma, e perché non volevo parlare di nessun altro tema sociale o politico.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La parte di Margaret, interpretata da Stéphanie Blanchoud, è molto impegnativa, fisicamente. Come vi siete preparate entrambe?
È stato un processo lungo. Mentre scrivevo il film, a un certo punto per me è stato importante vedere il viso danneggiato della protagonista. Era un'immagine essenziale per me per visualizzare il film. Ho iniziato dal suo corpo; è stata l'ispirazione per il film e in qualche modo anche il paesaggio del film. Vedere il viso mi ha fatto capire che era già un'immagine così forte che non sarebbe stato necessario mostrare altra violenza oltre a quella. È stato molto difficile stabilire quanta violenza mostrare. Anche per Stéphanie era importante vedersi truccata, per poter costruire il personaggio. Una volta, è persino uscita in strada così, e ha osservato le reazioni della gente.

Durante il film, ci rendiamo conto che il personaggio della madre di Margaret è ancora più violento della stessa Margaret.
Sì, volevamo che diventasse chiaro gradualmente. È un altro tipo di violenza: abusa dei suoi figli, che è una forma di violenza più nascosta. Ognuna delle sorelle ha reagito in modo diverso. Una cerca di essere normale, ma in realtà non lo è, l'altra si rifugia nella religione, e poi c'è Margaret.

In che modo il tema della religione è entrato nella storia?
È apparso molto rapidamente. Stavamo lavorando al personaggio e ho detto a Stéphanie che immaginavo la più giovane delle sorelle che pregava. È stata davvero un'intuizione. La religione è ciò che la salva: Gesù è il suo unico amico, come dice a un certo punto. Riflette un certo istinto di sopravvivenza. Mi piace pensare a questo tipo di potere che la aiuta ad affrontare tutto. È stato interessante mostrarla come un personaggio che assorbe tutta la violenza degli altri e, alla fine, esplode. È allora che finalmente la madre si rende conto di essere andata troppo oltre, anche se non cambierà molto.

Come ha trovato la giovane attrice?
Abbiamo cercato a lungo e siamo stati davvero fortunati a trovare Elli Spagnolo.

La musica come tema centrale è apparso dall'inizio del processo di scrittura?
Stéphanie è una cantante e ho pensato che sarebbe stato carino se avesse cantato nel film. Ho pensato che avrebbe mostrato un bel contrasto con il suo lato violento. All'inizio non voleva, ma alla fine ha acconsentito. Il suo canto rafforza il carattere della protagonista, che ha anche un lato molto fragile e morbido. Poi, ogni generazione ha il proprio tipo di musica che la rappresenta, ed è la musica che lega tutte loro. È l'unica cosa positiva che la madre ha condiviso con le sue figlie. Inoltre crea un altro legame tra Margaret e il suo ex fidanzato.

Abbiamo bisogno di queste linee visibili e invisibili per poter vivere?
Sì, credo di sì. A volte è necessario creare una distanza tra noi e qualcuno o qualcosa. Io, ad esempio, ho bisogno di una certa distanza per poter osservare la Svizzera. Abbiamo bisogno di limiti, ma dobbiamo anche essere in grado di superarli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy