email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2021 Concorso

Lucile Hadzihalilovic • Regista di Earwig

“Questo film è nella testa di un uomo che si è perso”

di 

- Il terzo lungometraggio della regista francese è anche il suo primo girato in lingua inglese; l'anteprima europea del film si è tenuta in concorso a San Sebastian, dove Cineuropa l'ha incontrata

Lucile Hadzihalilovic • Regista di Earwig
(© SSIFF/Montse Castillo)

Earwig [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lucile Hadzihalilovic
scheda film
]
è un adattamento del libro dell'artista multidisciplinare britannico Brian Catling, pubblicato nel 2019. È ambientato da qualche parte in Europa a metà del XX secolo e ha come protagonista Paul Hilton nei panni di un uomo di nome Albert, che si prende cura di una ragazza tenuta in isolamento. Nel cast figurano anche Romola Garai e Alex Lawther. Il film è stato presentato in anteprima europea in concorso al Festival di San Sebastian dopo la sua proiezione a Toronto. Abbiamo parlato con la regista Lucile Hadzihalilovic.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il film ha uno stile molto particolare, con una qualità esoterica che spiazza. Perché ha scelto questa estetica?
Lucile Hadzihalilovic:
Prima di tutto, penso che sia perché il libro stesso ha questo tipo di logica onirica. È molto interiore e gran parte di esso si svolge nella mente di quest'uomo. Il film ha questo lato onirico, con aspetti molto misteriosi ed è quello che mi è piaciuto nel libro. Ecco perché il film va in questa direzione, ancor più dei miei film precedenti. Potevo andare ancora più in là in questo territorio e questo film è molto più psicologico.

Com'è per lei come regista realizzare una storia in cui sa già che il pubblico dovrà lavorare sodo?
Non pensavo che dovesse lavorare sodo! Questo film è nella testa di un uomo che si è perso e che ha briciole di ricordi, incubi e allucinazioni, e non conosce la differenza tra loro. Ho cercato di mettere lo spettatore nella sua mente.

L'idea della forbicina (earwig), di un insetto che striscia dappertutto, è questo che ha definito il film?
È buffo, nel romanzo, la forbicina è un insetto, ovviamente. Ma in inglese è anche qualcuno che ascolta. E abbiamo quest'uomo che si nasconde nella sua stanza ed esce solo di notte. Non è l'unico elemento che mi ha interessato nel libro, ma c'è un lato di esso che mi ha fatto davvero pensare ai libri della prima metà del XX secolo, che mi piacciono molto.

Per lei, lavorare in inglese è stato più difficile?
Naturalmente, è stato molto più difficile di quando ho lavorato in francese. Ma come vedete nel film, un vantaggio è che non ci sono troppi dialoghi. La cosa che ho trovato molto difficile sono stati gli accenti perché è molto più difficile per me giudicare la correttezza degli accenti in Inghilterra. Trovare la pronuncia corretta per gli attori britannici che parlano con un attore europeo che parla inglese con un accento e armonizzare il tutto è stato difficile.

È stato difficile anche trovare gli attori?
Avere Romola Garai e Alex Lawther non è stato troppo difficile. Romola, l'avevo già vista al cinema e quindi conoscevo i suoi lavori. Conosceva molto bene i miei film. Quanto ad Alex, non conoscevo il suo lavoro. Un amico mi ha parlato di lui. È venuto a Parigi e ho visto The End of the F**King World, e le cose hanno funzionato rapidamente una volta che ci siamo incontrati. Il più difficile da trovare è stato Paul Hilton perché lavora principalmente in teatro, quindi non avevo visto il suo lavoro. Il direttore del casting in Inghilterra mi ha parlato di lui e quando me lo ha suggerito, Paul stava lavorando in teatro in America. Quando è tornato in Europa ci siamo visti ed ero così felice quando l'ho incontrato perché si adattava così bene al personaggio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy