email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Settimana Internazionale della Critica

Gianluca Matarrese • Regista di La dernière séance

“Volevo trasmettere la vicinanza e il sentimento di fiducia che io e Bernard condividevamo”

di 

- VENEZIA 2021: Il regista italiano presenta un ritratto molto intimo e toccante di un'anima ferita e solitaria

Gianluca Matarrese  • Regista di La dernière séance
(© Settimana Internazionale della Critica di Venezia)

Il regista italiano Gianluca Matarrese vive da decenni in Francia. Il suo nuovo documentario, La dernière séance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gianluca Matarrese
scheda film
]
, è stato presentato in anteprima alla Settimana Internazionale della Critica  del Festival di Venezia di quest'anno. Nel film segue quello che è presumibilmente l'ultimo capitolo della vita di Bernard Guyonnet. Abbiamo parlato con il regista del suo approccio e del suo rapporto personale con il protagonista.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come hai conosciuto Bernard e da quanto tempo lo conoscevi prima di avere l'idea di realizzare il film?
Gianluca Matarrese: L'ho conosciuto nel 2015/2016 tramite le classiche app di incontri. Uscivo direttamente da una relazione con un ragazzo che aveva la mia stessa età. Avrebbe visto un gruppo di uomini più anziani che avevano sperimentato l'HIV e l'AIDS direttamente o tramite amici e, come reazione a questo trauma, si erano dedicati, anima e corpo, al sesso hardcore negli anni 90. Quando ci siamo lasciati, mi sono interessato a questo mondo e ho incontrato Bernard. Mi sono reso conto che, come molti altri, porta con sé profonde ferite da ciò che ha visto negli anni '80 e '90, ma non era abituato ad esprimere le sue emozioni se non attraverso il sesso. All'inizio, il sesso era il nostro principale punto di connessione, ma gradualmente la nostra relazione è cambiata e il sesso è scomparso, anche davanti alla telecamera. Bernard si interessò di più alla mia visione di se stesso.

Come hai sviluppato il concept del film?
Il film si è sviluppato gradualmente mentre passavo del tempo con Bernard e durante le riprese. Ci sono elementi che sono costruiti, ma soprattutto volevo catturare le sue reazioni ed emozioni genuine. Un motivo ricorrente è l'idea di affrontare la vita e la morte in un dato momento del film. Quando ascolti Bernard, entrambe le cose sono costantemente presenti per lui. Ho cercato di mostrarlo anche visivamente, poiché a un certo punto vedi un cimitero e un ciliegio in fiore allo stesso tempo. Sono stato fortunato che Bernard avesse questo progetto di trasferirsi in una nuova casa e che sono sia stato in grado di seguirlo all'inizio di questo capitolo finale, che è diventato una parte essenziale del film. Bernard mi diceva spesso che pensava che non avrebbe lasciato alcuna traccia quando fosse morto, e in realtà volevo mostrargli che questo film è proprio la traccia che lui lascerà.

È stato difficile incoraggiarlo a condividere con te il suo passato?
Non aveva mai mostrato queste immagini o parlato di questi argomenti con nessun altro prima. Riordinare le sue cose per il trasloco era un'opportunità per farlo. Anche se ne parla in modo piuttosto analitico, era chiaro che si portava dietro un trauma. C'è così tanto dolore e vergogna che è tipico del mondo gay quando si tratta del trauma legato all'AIDS.

Ci sono stati momenti in cui hai voluto interrompere le riprese o che sono stati particolarmente difficili da filmare?
Il mio film precedente, che ho girato tra il 2012 e il 2017, parlava di come la crisi finanziaria ha colpito la mia stessa famiglia e le ha fatto perdere tutti i suoi 40 negozi di scarpe che aveva in giro per l'Italia. È stato molto difficile essere un membro di questa famiglia e il regista allo stesso tempo, ma ho trovato la distanza necessaria. Questo è stato un esercizio importante per me. Inoltre, i miei anni di lavoro per la televisione e i reality show mi hanno aiutato a trovare la mia posizione come regista. Cerco costantemente i limiti tra realtà e finzione, potrei mettermi in relazione con autori come Jonas Carpignano o Sean Baker.

Hai deciso di concentrarti su Bernard e sul tuo rapporto con lui, tralasciando quasi tutti gli altri.
Non volevo fare una serie TV in cui Bernard assumesse il ruolo di un terapeuta e tutti i suoi ex amanti si presentassero e parlassero della loro esperienza con lui, per esempio. La mia intenzione iniziale era di includerne alcuni, in realtà, ma alla fine ho deciso di concentrarmi sul mio rapporto con lui. Le terze parti che compaiono nel film sono alcune delle signore che incontra per strada o la portinaia del palazzo in cui abita.

Come hai pensato al lato estetico del film?
Era chiaro che non mi sarei presentato davanti a Bernard con una squadra di più persone, ma piuttosto da solo, con una sola telecamera. Volevo trasmettere la vicinanza e il sentimento di fiducia che io e Bernard condividevamo. Volevo che la camera fosse immersiva; doveva mostrare un certo nervosismo che anch'io provavo. Doveva sempre essere un simbolo della mia presenza, anche quando gradualmente non mi vedevo più nel film stesso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy