email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Concorso

Valentyn Vasyanovych • Regista di Reflection

“La tortura disumana avviene non da qualche parte lontano, ma proprio qui in Europa”

di 

- VENEZIA 2021: È impossibile distogliere lo sguardo da questa - l'ultima - rappresentazione della guerra in corso in Ucraina, che arriva sulla scia di Atlantis

Valentyn Vasyanovych  • Regista di Reflection
(© La Biennale di Venezia - Foto ASAC/Giorgio Zucchiatti)

Dopo la vittoria con Atlantis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valentyn Vasyanovych
scheda film
]
, nominato miglior film nella sezione Orizzonti nel 2019, il regista ucraino Valentyn Vasyanovych presenta Reflection [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valentyn Vasyanovych
scheda film
]
nel concorso principale della Mostra del cinema di Venezia. Questa volta si concentra su un chirurgo (Roman Lutskyi), catturato dalle forze militari russe e costretto ad assistere a orribili torture e violenze. Ma una volta tornato a casa, non riesce a parlarne, specialmente con la sua giovane figlia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Ci sono molte storie di uomini che tornano dalla guerra, non come eroi ma come persone spezzate. Come vedeva questo ragazzo, Serhiy, che non parla molto delle sue esperienze?
Valentyn Vasyanovych:
Rispetto al mio film precedente, Atlantis, in cui la guerra non riusciva ad abbattere il protagonista, in Reflection mostro un uomo semplice che prende una decisione emotiva, comprensibile a molte persone in Ucraina: vuole aiutare, salvare la vita dei soldati in prima linea. È un semplice chirurgo civile, non un eroe nel senso convenzionale, ma vuole essere utile al suo Paese. Queste persone costituiscono sempre la maggioranza, in qualsiasi paese. Sono persone che vogliono essere utili alla società in situazioni critiche, ma non sono necessariamente pronte a morire. Al loro ritorno, possono essere trattati in vari modi, ma la società non è pronta ad accettare i loro traumi. Restano soli con i loro problemi. Con il mio film ho voluto prestare loro attenzione ed evocare una certa empatia, nonostante le loro azioni ambigue possano essere interpretate in modi completamente diversi.

Qual è stata la cosa più difficile nel parlare di questa guerra, adesso? E perché ha deciso di mostrarne la brutalità a tal punto?
Per quanto riguarda la crudeltà, mostro solo una piccola parte di ciò che è accaduto, e sta ancora accadendo nelle carceri controllate dai servizi speciali russi nel territorio occupato dell'Ucraina. Ciò è stato confermato dalle persone che sono effettivamente tornate a casa. Il nostro consulente era Stanislav Aseev, un giornalista ucraino che lavorava come corrispondente per Radio Liberty a Donetsk e ha trascorso due anni e mezzo in una prigione chiamata "Isolation". In seguito, ha scritto e pubblicato un libro su questi eventi [In Isolation: Dispatches from Occupied Donbas]. Era stato arrestato con l'accusa di spionaggio e torturato. La decisione di mostrare queste scene dure e traumatiche è stata motivata dal desiderio di mostrare all'Europa – e all'intero mondo civilizzato – la tortura disumana che avviene non da qualche parte lontano, ma proprio qui. Avviene nel XXI secolo; è il risultato della guerra della Russia contro l'Ucraina e nessuno è immune da questa aggressione.

Tende ad essere abbastanza autosufficiente come regista [Vasyanovych ha anche scritto la sceneggiatura, l'ha girata e l'ha montata], ma cosa voleva catturare come direttore della fotografia? Come voleva inquadrare questa storia?
È difficile per me separare il lavoro del cameraman e del regista. La logica di costruire una inquadratura nasce durante le prove. Tutto avviene in modo organico e, nel mio caso, non ha bisogno di verbalizzazione, non ho bisogno di spiegare a qualcun altro cosa voglio. Tutte le mie decisioni vengono prese in modo intuitivo, e quando finalmente nasce il concetto di una scena mi sento sempre soddisfatto.

Per aprirsi con sua figlia, il suo protagonista deve sostanzialmente ammettere che il mondo è pieno di orrori – orrori da cui tutti vogliono proteggere i propri figli. Questa relazione, e il modo in cui cambia, era interessante per lei?
Ciò che mi ha spinto a fare questo film è stato un incidente a cui mia figlia ha assistito: una colomba è volata contro la nostra finestra ed è precipitata. Questo evento ha suscitato molte domande alla mia bambina di otto anni. Domande a cui ho cercato di rispondere, proprio come il mio personaggio principale. Riguardavano la vita e la morte, l'anima e il corpo. Su cosa succede dopo la nostra morte. Le persone cercano risposte a queste domande esistenziali per tutta la vita. E mentre guardavo mia figlia, l'ho vista cercare queste risposte in modo giocoso.

Questo conflitto va avanti da così tanto tempo, eppure sembra che meno persone ne parlino. Era qualcosa che aveva notato e a cui voleva ribellarsi?
Certo. Tutti sono stanchi di questa storia: sia in Ucraina che in tutto il mondo. Ma se non resisti alla politica aggressiva della Russia, l'Ucraina scomparirà come stato indipendente. Il prossimo passo? I paesi baltici e i paesi dell'ex blocco socialista. Forse può sembrare un'esagerazione, ma le ambizioni imperiali della leadership russa porteranno a una ridefinizione del mondo come lo conosciamo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy