email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2021 Concorso

Philip Barantini • Regista di Boiling Point

"Volevo non dare respiro al pubblico"

di 

- Il regista britannico racconta a Cineuropa le prove e il travaglio dietro la realizzazione del suo nuovo film one-take

Philip Barantini • Regista di Boiling Point
(© Film Servis Festival Karlovy Vary)

Boiling Point [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Philip Barantini
scheda film
]
vede uno chef con problemi sia personali che economici avere una notte piuttosto burrascosa nel suo nuovo ristorante. Il lungometraggio ha debuttato in concorso al Festival di Karlovy Vary, e abbiamo colto l'occasione per parlare con il regista, Philip Barantini.

Cineuropa: Quando hai realizzato il cortometraggio da cui è tratto questo film, avevi pensato di farne poi un lungometraggio?
Philip Barantini: Per via del mio background, avendo lavorato come cuoco per 12 anni, ho avuto l'idea di ambientare un film in una cucina. Non ho pensato alla sua lunghezza finché non abbiamo deciso di fare il cortometraggio, quasi come una prova di concetto. La cosa del one-take è avvenuta dopo averne parlato con il direttore della fotografia, dicendo: "Voglio girarlo come qualcosa di realistico e abbastanza erratico, con dialoghi sovrapposti, qualcosa di veloce..."

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È stato difficile trasformare il corto in un lungometraggio?
James Cummings, il co-sceneggiatore, ed io avevamo un sacco di idee su come farlo. Ho parlato con Stephen Graham, che era nel corto, e gli ho chiesto se sarebbe stato interessato a fare Boiling Point come lungometraggio, e lui ha detto: "Certamente". Una delle idee era quella di usare il cortometraggio, rielaborato, come i 20 minuti iniziali di un lungometraggio e farlo svolgere in modo più convenzionale, con dei montaggi. Tuttavia, la cosa non mi entusiasmava. La cosa della ripresa unica e l'esperienza immersiva eccitava tutti - tutti gli attori, io e il direttore della fotografia - così mi sono seduto a letto una notte e ho pensato: "Come potremmo fare questo come un lungometraggio in una ripresa unica? Per rispondere alla tua domanda, non è che abbiamo pensato che dovesse essere un lungometraggio finché non abbiamo visto come è stato accolto il corto.

Nel corto si segue solo il personaggio di Stephen; perché è cambiato per il lungometraggio?
Ho pensato che seguire solo Stephen sarebbe stato piuttosto limitante per quanto riguarda ciò che possiamo vedere e fare perché lui può andare solo in certi posti. Come chef, non andrebbe a quei tavoli. Andrebbe solo ai tavoli importanti, non andrebbe in nessun altro posto del ristorante. Così ci siamo dati delle regole: Non volevo lasciare un attimo di respiro al pubblico, quindi la regola del cortometraggio di non lasciare mai Stephen, era diventata quella di non lasciare mai una persona nel lungometraggio. La telecamera non poteva andare in giro da sola. Doveva sempre essere motivata da qualcuno.

Quante volte hai pensato di girare il singolo ciak? Per quanto tempo avete ingaggiato gli attori?
Beh, è stata una sfida in sé. Abbiamo deciso di darci quattro notti per girarlo; l'avremmo fatto due volte per notte. È ambientato a marzo, quindi fuori c'è ancora un po' di luce. Saremmo arrivati alle 18:00. Ma poi il coronavirus ha cominciato ad esplodere. Il secondo giorno, tutti si sono riuniti e hanno detto che stava diventando troppo claustrofobico e troppo rischioso. C'erano più di centocinquanta persone allo stesso tempo. Così abbiamo avuto solo due giorni.

Come hai pianificato tutti i movimenti della macchina da presa?
Ho fatto le prove con il direttore della fotografia ogni giorno per due settimane, prima con il suo telefono, dove avrei interpretato ogni personaggio che correva intorno al ristorante. Poi abbiamo portato una DSLR e abbiamo fatto così. Poi abbiamo costruito un supporto per la telecamera che era quasi come uno zaino, che gli permetteva di avere il corpo della telecamera sulla schiena, l'obiettivo poteva staccarsi e lui poteva tenerla come una DSLR, con il peso distribuito sul corpo. Questo gli ha permesso di fare quelle lunghe riprese. Per il cambio della batteria, ogni volta che andavamo al tavolo di Jason Flemyng, cambiavamo la batteria e le schede. Abbiamo girato molte riprese dietro le quinte e potremmo potenzialmente trasformarle in un documentario di 30 minuti per mostrare alla gente cosa abbiamo passato!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy