email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Concorso

Juho Kuosmanen • Regista di Compartment No. 6

“Mi piace sempre ricordare una buona regola detta da qualche saggio cineasta: cerca di mentire il meno possibile”

di 

- CANNES 2021: Il regista finlandese ci parla della sua ultima fatica, che segue il film vincitore a Un Certain Regard nel 2016 The Happiest Day in the Life of Olli Mäki

Juho Kuosmanen  • Regista di Compartment No. 6
(© Henri Vares)

Dopo il successo di The Happiest Day in the Life of Olli Mäki [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
, vincitore nel 2016 di Un Certain Regard, il finlandese Juho Kuosmanen sale un po’ più in alto nella scala degli autori con il suo nuovo film, Compartment No. 6 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juho Kuosmanen
scheda film
]
, selezionato nel concorso principale del Festival di Cannes di quest’anno.

Cineuropa: Che cosa l’ha attratta del romanzo di Rosa Liksom e le ha fatto venir voglia di trasformarlo in un film?
Juho Kuosmanen:
Penso che i punti di partenza siano stati lo scenario, il treno, la Russia e la connessione umana tra questi due personaggi molto diversi. Il libro ha un protagonista finlandese, quindi, in quanto finlandese, sento di avere la licenza per farlo. Ero affascinato dal poter fare un film sul suolo russo; è un paese che ho visitato tante volte, anche in treno, a San Pietroburgo, a Mosca, e anche a Ulan Bator, quindi ho avuto modo di vederne molto. Mi piace l'aspetto del paese, mi piacciono le persone, mi piacciono i treni e mi piacciono molto i film sui treni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

A proposito di Ulan Bator, è esattamente dove Laura, la protagonista, va nel libro. Questa è una delle cose che cambia nel film, dato che lei si reca invece a Murmansk. Perché questa alterazione?
Beh, mi piace dire che Compartment No. 6 il film si ispira a Compartment No. 6 il libro, piuttosto che esserne un adattamento. Per Murmansk ho sentito che il freddo e la vicinanza al mare ne fanno un luogo dove è facile respirare. Ho considerato che se avessimo finito il film molto lontano in Mongolia, anche se ci sono paesaggi enormi e impressionanti, è principalmente sabbia, e ho sentito che alla fine doveva esserci molta aria e luce, qualcosa di rinfrescante. Abbiamo esplorato Ulan Bator durante i preparativi, ma abbiamo anche dato un'occhiata al percorso di Murmansk per vedere se poteva sembrare qualcosa che assomigliasse alla ferrovia transiberiana. Ma poi ho pensato: se stiamo filmando questa rotta, perché dovremmo fingere che sia un'altra? Per me, la storia non ha a che fare con un luogo specifico; si tratta di un lungo viaggio. E mi piace sempre ricordare una buona regola detta da qualche saggio cineasta: cerca di mentire il meno possibile.

È stato facile ottenere il permesso di girare in treno, in stazione e così via?
È stato incredibilmente difficile. Non per me, personalmente, durante le riprese, ma per il location manager, il line producer e i loro colleghi. Hanno dovuto lavorare con le autorità ferroviarie russe, chiedendo il permesso di affittare il treno, di usare i loro binari, di farglieli programmare per noi. All'inizio, i produttori russi hanno sconsigliato di farlo in questo modo: pensavano che l'idea fosse decisamente stupida, cosa che capisco perfettamente dal loro punto di vista. Ma dal mio punto di vista, non amo il controllo. Mi piace avere un piano, ma poi mi piace anche vedere cosa posso ottenere da quel piano in quel momento.

La storia nel libro si svolge nell'era sovietica, ma lei l'ha spostata in avanti in quella russa. Perché questo cambiamento?
Di nuovo: cerca di mentire il meno possibile. Avremmo dovuto costruire uno scenario sovietico, ma in questo modo avremmo potuto semplicemente mostrare le cose come appaiono oggi. Inoltre, il libro, credo, tratta dell'Unione Sovietica come uno stato mentale, piuttosto che come un paese, quindi ho anche voluto evitare questa cornice geografico-politica, che penso avrebbe distratto. Quello che voglio che tu guardi sono questi due esseri umani, senza commenti sul tempo o sul luogo.

E i controllori sono scontrosi adesso come lo erano allora, a giudicare da quello che vediamo?
Sì, più o meno. Ma sta cambiando. Di recente, ho comprato un biglietto per la metropolitana di Mosca e l'addetto alla biglietteria mi ha sorriso!

C'è un denominatore comune nelle storie che sceglie di raccontare?
L’umorismo, credo. E questo amore per le persone vere, goffe e imperfette, forse. Nessuna opinione, nessun messaggio, ma questo è il modo in cui vedo il mondo e come lo mostro. Lo mostrerò di nuovo nel mio prossimo film, ma in modo diverso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy