email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2021 Concorso

Maria Schrader • Regista di I’m Your Man

"Qui c'è una sorta di manuale su come migliorare le nostre relazioni"

di 

- BERLINALE 2021: Nessuno è perfetto? I personaggi di questo film con Maren Eggert e Dan Stevens lo sono, ma secondo la regista tedesca, questo fa parte del problema

Maria Schrader  • Regista di I’m Your Man

In I’m Your Man [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Maria Schrader
scheda film
]
di Maria Schrader, proiettato in concorso alla Berlinale, Alma (Maren Eggert) testa Tom (Dan Stevens) per tre settimane.È un robot umanoide che, le viene detto, è tutto ciò che ha sempre desiderato, e anche di più.I suoi gesti romantici diventano presto scontati, ma c'è qualcosa in lui.E non solo quegli occhi azzurri.

Cineuropa: Nelle commedie romantiche, in special modo, ci sono alcune idee su come dovrebbe essere un uomo perfetto, o una protagonista femminile. Voleva portare questo aspetto all’estremo?
Maria Schrader:
Sì [ride]. Ricordo quando mi parlarono di questo racconto [di Emma Braslavsky], e l'unica cosa che sentii fu questa: una donna incontra un uomo-robot. Mi ricordava così tanto il tropo ragazza-incontra-ragazzo. Il mio primo pensiero è stato probabilmente Ex Machina [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
, e che sarebbe stato interessante cambiarlo: avere l'uomo come oggetto. Mi sono resa conto che non ci siamo abituati, ad avere un ragazzo così bello trattato in questo modo. Alma lo chiama"questa cosa", o dice: "Mostrami il tuo pene, se è davvero fatto per me". Di solito è il contrario! Le donne sono gli oggetti, che sono lì per renderti felice. È stato così bello avere Dan Stevens come complice perché anche questo è raro: un attore di bell'aspetto che si diverte a prendere in giro se stesso. Gli attori – e lo so perché lo sono anche io – non voglio perdere la faccia. Ma nel momento in cui lo fai, ti senti libero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

In Ex Machina, si capisce subito che la Ava di Alicia Vikander è una macchina. Qui, tutti i meccanismi sono così ben nascosti che è facile dimenticare questo fatto.
Davvero? È interessante. Alcune persone mi hanno detto che non dimenticano mai che è un robot, anche se inizia a piacergli. Ma forse te ne dimentichi in realtà? Non saprei dirlo. La storia di Braslavsky è ambientata nel futuro, quando i robot come Tom hanno questa perfetta forma umana. Fanno già parte della società; si tratta solo di adattarli alle esigenze individuali. Quello che vedi è Dan Stevens, e dice tutte le cose che vorremmo segretamente che il nostro partner dicesse. Alma sa che è perché è programmato in questo modo, ma la sua resistenza è principalmente nella sua testa. Non è perché sembra una macchina. Siamo circondati da algoritmi: Alexa, tutti questi strumenti che rendono la nostra vita più comoda e forse più solitaria, e lui è uno strumento. Uno strumento che forse un giorno potrai sposare. Ma Alma ha questa concezione antiquata di cosa sia l'amore, e forse è l'ultima cosa sulla Terra che ci arriva casualmente. Non è questo che ci rende tutti uguali, desiderare qualcosa che non possiamo comprare? Eppure un altro "esperto" che incontra non lo ha mai sperimentato con un umano.

Quella scena è interessante. Storie come, diciamo, La fabbrica delle mogli sono inequivocabilmente negative su tali concetti, ma ascoltare quest'uomo ti fa capire qual è il punto.
Accettiamo tutti i tipi di amore, feticci, un bodybuilder che sposa la sua bambola gonfiabile. Non dovrebbe esserci alcun giudizio – è piuttosto una questione di come definirlo. Mi piace quando Alma dice che non sta avendo un vero dialogo con Tom, che "il teatro è vuoto". Questa battuta l’ha scritta il mio co-autore Jan Schomburg; altrimenti, non la loderei così tanto [ride]. Probabilmente è così con Alexa. Allo stesso tempo, hai ragione: non volevamo un'altra fantasia su queste creature che prendono il sopravvento. Tom non è guidato dall'ambizione o dalla gelosia; è pura attenzione. Se Alma permettesse a lui e alla sua specie di essere introdotti nella nostra società, forse sarebbero esseri umani migliori? Forse queste imperfezioni di cui andiamo così fieri a un certo punto ci porteranno alla nostra fine?

Lui è anche goffo: all'inizio dice che Rilke è il suo poeta preferito – in Germania, suona come uno scherzo. Ma capisco perché non vuole portarlo a casa: è anche alimentata da queste narrazioni secondo cui l'intelligenza artificiale potrebbe essere pericolosa. Più tardi ho notato questa interessante contraddizione: lei è contraria all'intero concetto, ma presta più attenzione a lui che a chiunque altro. È imprevedibile: se fosse un appuntamento su Tinder, lei lo tratterebbe in modo diverso. Quindi forse dovremmo prestarci un diverso tipo di attenzione? Potrebbe esserci qui una sorta di manuale su come migliorare le nostre relazioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy