email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2021 Concorso Tiger

Itonje Søimer Guttormsen • Regista di Gritt

"Non riuscivo ad afferrare il concetto secondo cui saremmo uscite dalla costola di un uomo"

di 

- Abbiamo parlato con la regista norvegese del suo primo lungometraggio, che ritrova l'attrice in difficoltà del suo cortometraggio Retract

Itonje Søimer Guttormsen • Regista di Gritt
(© Ingrid Eggen)

Diretta al Göteborg Film Festival e all’IFFR (Concorso Tiger) dopo una prima mondiale al recente Tromsø International Film Festival, Itonje Søimer Guttormsen torna a Gritt [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Itonje Søimer Guttormsen
scheda film
]
: un'attrice in difficoltà che aveva introdotto nel suo cortometraggio del 2017 Retract. Ora è pronta per affrontare il mondo dell'arte, che questo la voglia o no.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Guardando il film, uno pensa a quanto sia difficile parlare di fallimento. Ma poi capovolge l’idea di ciò che può essere considerato un fallimento!
Itonje Søimer Guttormsen:
Volevo mettere in discussione ciò che consideriamo un successo e ciò che consideriamo attività meritevoli e "produttive". Quando presentavo il progetto, la gente diceva: "Oh, lei è un'artista senza successo". Ma il suo desiderio è quello di contribuire a una causa più grande! Gritt è nata in una comunità cristiana per poi esserne strappata, ma ha ancora sincerità e alti ideali, il che non è così comune, almeno non in Norvegia in questo momento. Per lei è fondamentale manifestarlo, e quando non trova sbocco, anche nel campo dell'arte dove ci sono tutte queste “norme”, deve andarsene. Trova qualcos'altro, nella natura, e si confronta con altri poteri. Spero che questo film permetta agli altri di guardarsi davvero dentro, invece di concentrarsi sul riconoscimento esterno.

È molto sola, però. Ogni volta che la mostra mentre interagisce con gli altri, questi sembrano stanchi di lei. È perché è sempre se stessa?
Non ha bisogno di piacere. Semplicemente non ha quel gene, a differenza di tante donne, quindi ovviamente allontana gli altri. Abbiamo creato questo personaggio insieme alla mia attrice [Birgitte Larsen], e vi abbiamo trovato un po' di umorismo – c'è qualcosa di divertente in una persona che non cerca di sedurre. Certo, questo le renderebbe la vita più facile, malei non è facile.Volevo vedere cosa succede quando siamo irritati da queste persone.Forse è perché non siamo così appassionati, e lo sappiamo?

Una volta che decide di collaborare con i profughi, distrutta e sostanzialmente abbandonata quale è, sembra capirli meglio. Probabilmente perché non viene da un luogo privilegiato.
Non si sente a casa qui in Norvegia, quindi è più facile, ma anche se è per strada, non deve lottare per la sua vita.Come molte cose nel film, anche a me è successo: anche io ho lavorato a un progetto con queste persone, e per questo ho tenuto a inserirli nel film.La vita culturale, almeno in Norvegia, è piena di gente privilegiata, ma ci sono alcuni emarginati come Gritt.Se sei così vulnerabile, è più facile stabilire una connessione reale.Questo è un vantaggio che ha: è curiosa delle persone, empatica.

Ha deciso di evocare l’idea della stregoneria moderna, incorporando nel film alcune discussioni su Lilith [una figura demoniaca del folklore ebraico, conosciuta anche come la moglie di Adamo prima di Eva].
Ho sentito parlare di lei quando avevo 27 anni e ha stravolto il mio mondo – prima ero piuttosto aggressiva nei confronti del cristianesimo o di qualsiasi religione patriarcale.Non riuscivo ad afferrare il concetto secondo cui saremmo venuti dalla costola di un uomo.È stata una rivelazione, non perché l'abbia presa alla lettera, ma perché quel mito ha catturato ciò che sentivo mancava nell'identità di una donna attiva, creativa e audace.Lascia l’Eden, sacrificando la sua sicurezza, quindi volevo darla a Gritt come una sorta di salvezza.Quando non sei riconosciuto come persona, quando non sei visto, l'archetipo della strega può rappresentare qualcuno che trova la verità dentro di sé.Gestisco anche un gruppo di performance che indaga su Lilith.È giocoso per me, ma anche tremendamente serio.

Persone diverse prendono questo film in modi molto diversi: alcuni sono disturbati dal benessere di Gritt, mentre altri sono ispirati. Ci dice qualcosa su dove siamo. Ai nostri tempi, che sono piuttosto apocalittici, avere un certo tipo di flessibilità ed essere autosufficienti può essere molto utile.

C'è una combattente in lei: va in palestra, dicendo che vuole acquistare forza, come se si stesse già preparando per questo viaggio. Ho sentito che potrebbe continuare?
Questo è il secondo film su di lei, in un certo senso.Voglio seguirla finché non sarà vecchia, quindi forse il prossimo sarà più un ibrido?Il mio piano iniziale era di andare negli Stati Uniti per tre mesi e fare qualche ricerca, ma ovviamente non si può fare in questo momento.Potrebbe anche essere un video musicale, chi lo sa?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy