email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Russia

Klim Shipenko • Regista di Text

"Molto spesso, la famiglia è la causa principale di tutti i nostri traumi"

di 

- Il cineasta russo parla del suo thriller psicologico e drammatico Text, presentato nell'ambito del Festival del cinema russo sulla piattaforma Filmin

Klim Shipenko  • Regista di Text

Text [+leggi anche:
intervista: Klim Shipenko
scheda film
]
, un film sul senso di colpa, l'ambizione e la vendetta diretto da Klim Shipenko (Mosca, 1983), è presentato nell'ambito del Festival del cinema russo, sulla piattaforma Filmin (leggi la news).

Cineuropa: È stato facile adattare il romanzo originale al film? Qualcosa è stato sacrificato e modificato nel processo?
Klim Shipenko:
Lo stesso autore del romanzo, Dmitry Glukhovsky, ha lavorato all'adattamento. E dopo aver ricevuto la sceneggiatura da lui, abbiamo fatto qualche piccolo perfezionamento insieme. Quindi, il processo complessivo non mi è sembrato complicato. Il problema è che quando qualcuno legge un libro, lo mette in scena e lo immagina nella sua mente. E mentre la letteratura normalmente offre al lettore spazio per l'immaginazione, il cinema è una forma d'arte molto precisa e specifica. Quindi, sì, abbiamo dovuto fare delle scelte e sacrificare alcune cose. Ad esempio, il romanzo fornisce descrizioni dei sogni del protagonista... Ho pensato che non fosse davvero necessario inserirli nel film. La necessità di alcuni cambiamenti significativi è emersa durante le riprese. Quindi, sì, l'adattamento per lo schermo è un mestiere a sé stante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Impersonare qualcun altro oggi è più facile che mai, grazie alla tecnologia?
Sì, lo è. La tecnologia moderna consente non solo di passare per qualcun altro, ma anche di diventare letteralmente quell'altra persona. I social media ti consentono di giocare con il tuo nome, le immagini, il profilo, tutto... Su Internet puoi effettivamente avere la vita di una persona completamente diversa e nessuno scoprirà mai chi c'è dietro quella personalità digitale. Non è né buono né cattivo, è così. Dobbiamo adattarci e abituarci. Ognuno fa le proprie scelte, se vuole giocare a questo gioco oppure no. E se lo fa, che tipo di persona sarà? Questo è il modo in cui viviamo adesso.

Il protagonista del suo film è sotto forte pressione da parte di sua madre. La famiglia può essere un problema psicologico per alcune persone?
Certamente. Molto spesso, la famiglia è la causa principale di tutti i nostri traumi e problemi. La maggior parte dei nostri problemi della vita adulta sono radicati nella nostra infanzia e nelle relazioni che abbiamo avuto con i nostri genitori. In questo caso particolare, il nostro personaggio principale ha una relazione molto complicata con sua madre. Anche dopo la sua morte, segue ancora la sua guida. Fa ancora certe cose, ricordando quello che lei gli diceva, le sue istruzioni e le sue opinioni.

Il film contiene alcune sequenze di scene molto dinamiche. Come contribuiscono alla narrazione?
In questo film, puoi sentire molto chiaramente il ritmo. Alcune parti avevano lo scopo di far immergere il pubblico in profondità nella storia: così abbiamo queste scene one-shot, riprese lunghe, per far dimenticare alle persone che stanno effettivamente guardando un film, con il regista che controlla la loro attenzione. E poi, all'improvviso, senti l'azione accelerare, con un montaggio dinamico. Questo è stato certamente il nostro concept consapevole, le scelte tecniche che mi hanno permesso come regista a un certo punto di spostare il focus su ciò che sentivo fosse importante.

Qual è stata la scena più complessa da girare in Text?
Quando hai a che fare con un dramma, è sempre difficile filmare le parti emotive, perché si tratta di vivere la verità e il dolore del momento. Devi essere molto preciso nel ritrarre le condizioni in cui si trova il personaggio. Anche in Text quelle scene erano le più complicate, quando immaginavamo il personaggio che attraversava una certa gamma di emozioni e prendeva certe decisioni. Ad esempio, la scena del delitto, o quando dice addio a sua madre o parla con il cadavere. In termini di processo, tutti questi episodi emotivamente intensi sono stati molto complessi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy