email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Spagna

Lucas Figueroa • Regista di Renaceres

"Una mascherina ci costringe a prestare più attenzione allo sguardo di qualcuno"

di 

- Il regista argentino Lucas Figueroa ha filmato Madrid al tempo del Covid-19 per Renaceres, un poema cinematografico esaltato dalle voci di José Sacristán e Imanol Arias

Lucas Figueroa  • Regista di Renaceres
(© Martin Mendez - Heroes Agency)

Lucas Figueroa (Buenos Aires, 1978) ha presentato il suo documentario di debutto, Renaceres [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lucas Figueroa
scheda film
]
: un ritratto dell'esperienza emotiva della pandemia di Covid-19 vissuta nella capitale spagnola. Prima di questo primo lavoro di non-fiction, Figueroa ha diretto una serie di cortometraggi e lungometraggi, tra cui Despido procedente e Viral [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Lo abbiamo incontrato per saperne di più.

Cineuropa: Ha trovato difficile il passaggio dalla finzione al documentario?
Lucas Figueroa:
Vedo Renaceres come un'opera di sperimentazione poetica. Girarlo è stato delizioso, come dipingere un quadro; non è stato affatto come fare un film. Aveva più a che fare con il mondo dell'arte che con il mondo del cinema.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film è anche una specie di ode d'amore per Madrid.
Mio padre è di Vigo e mia madre è di Almería, anche se sono nato in Argentina. Sono venuto a Madrid più di vent'anni fa e devo tutto a questa città, quindi questo è il mio omaggio.

Il modo in cui affronta la pandemia è piuttosto sobrio: non ci sono quasi scene in ospedale.
Non ho mai voluto che questo fosse un film sul Covid-19. L'idea era quella di affrontarlo come un evento storico e fondamentale che ha costretto tutti a rallentare, dandoci questa possibilità di porci alcune domande più profonde: dove sta andando la mia vita? Che tipo di rapporto ho con le altre persone e con l'ambiente? Cosa sto facendo? Questa è stata certamente la mia esperienza e stavo cercando di catturarla su pellicola.

Ha anche coinvolto alcuni suoi amici con cui ha lavorato prima, come Imanol Arias, per recitare poesie: sono testi originali di Figueroa?
L'idea iniziale era quella di rendere omaggio a Madrid e ai grandi della letteratura spagnola, come Bécquer, Lope de Vega e Quevedo, recitando le loro poesie su immagini statiche di tre minuti della città, come dipinti, quindi riunirle in una mostra di trenta pezzi. Dopo aver iniziato, mi sono reso conto che le poesie andavano bene, ma non avevano molto a che fare con le immagini. Avevo scritto un libro di poesie, quindi la sera guardavo le riprese che avevo fatto, scrivevo una poesia per accompagnarle e le inviavo ad Alejandro Sanz e José Sacristán. Uno per uno, ne abbiamo coinvolti altri: nel film ne sentiamo cinque, ma ce ne sono altri, come Lolita e Ana Belén, che fanno parte di questa futura mostra di trenta pezzi. Tutte le poesie sono mie tranne la prima, letta da Imanol. Questa è attribuita a Borges, ma in realtà non sappiamo chi l'abbia scritta. Le altre sono state tutte scritte da me.

Perché ha scelto di filmare in 8K?
I cinema hanno lo schermo in 2K, quindi è insolito filmare in 8K, ma ho iniziato con l'idea di creare un archivio per la memoria storica. Era importante documentare ciò che stava accadendo con la massima qualità possibile (8K), anche se al momento nulla è proiettato in quel modo. Spero che tra qualche anno saremo in grado di guardarlo in 8K. Per ora, ho una parete di armadi per server dove archiviare tutto il materiale che abbiamo filmato, e in un prossimo futuro mi tornerà molto utile.

Il film mostra anche noi lavoratori in hotel vuoti e bambini che indossano mascherine, sottolineando il potere degli occhi.
Abbiamo immagini di persone con la mascherina, altre senza mascherina o con le maschere indossate a metà. Il taglio finale mostra solo un piccolo campione di tutti i volti che abbiamo filmato, ma il punto è che non siamo abituati a concentrarci sugli occhi. Una mascherina ci obbliga a prestare più attenzione allo sguardo di qualcuno. La parte del film in cui vediamo i volti di bambini, adulti e anziani è la mia preferita: solo un umano che guarda un altro, lo spettatore, attraverso lo schermo. Penso che sia davvero potente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy