email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2020 Concorso Film baltici

Veiko Õunpuu • Regista di The Last Ones

"Vorrei che potessimo tornare a una sorta di animismo nel nostro pensiero"

di 

- Abbiamo parlato con il regista estone Veiko Õunpuu, il cui The Last Ones tratta delle persone ai livelli più bassi della società. E dei Roxette

Veiko Õunpuu • Regista di The Last Ones

Recentemente nominato miglior film baltico al Festival Black Nights di Tallinn (leggi la news), The Last Ones [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Veiko Õunpuu
scheda film
]
di Veiko Õunpuu mostra la Lapponia dal punto di vista di un piccolo villaggio minerario e dei suoi abitanti, che si distraggono cantando in un bar karaoke, con l'aiuto di alcuni dei migliori attori finlandesi: da Laura Birn nei panni della bellezza locale Riitta a Tommi Korpela in, come sottolineato dal regista, uno dei suoi ruoli migliori fino ad oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Se c'è un posto dove giocare con un po' di mitologia occidentale, questo è la Lapponia. Come voleva mostrare questo posto e utilizzarlo per la storia?
Veiko Õunpuu:
Speravo che il paesaggio emergesse nel film come un mondo a sé stante, quasi sacro nella sua totale semplicità, come lo è la terra per i nativi americani Hopi. Qualcosa su cui puoi camminare, ma che non dovresti scavare o disturbare in alcun modo. La Lapponia, con i suoi panorami aperti, era perfetta per questo.

Mostra la vita delle persone in due metà: c'è il lavoro e poi c'è una serata alcolica in un bar. Cosa le ha fatto venire voglia di parlare di minatori? Come dimostrato dalla situazione in Slesia in Polonia, per esempio, è una professione in via di estinzione.
Vedo il film non tanto sui minatori quanto su persone ai livelli inferiori della società che vengono sfruttate per il profitto di qualcun altro – mentre il "profitto" stesso può essere un oggetto del desiderio sfuggente in una mente delirante, che vuole controllare e dominare tutti gli altri. Ciò che è interessante è come questa mente delirante sia in grado di manipolare gli altri per seguire, rispettare e persino desiderare.

In una vecchia intervista diceva che ama gli attori, e qui ha riunito alcuni volti finlandesi celebri. Potrebbe dire qualcosa sul lavoro con Tommi Korpela? È un personaggio molto interessante quello che interpreta qui.
Tommi interpreta il sociopatico protagonista, che è carismatico e completamente perso. Poiché l'intero film doveva essere una metafora molto semplice, che poteva essere letta troppo facilmente e liquidata come semplicistica, ho voluto creare una cortina fumogena intorno al centro con una elaborata "trama" di momenti organici, gesti involontari, linguaggio naturalistico e così via, che abbiamo dovuto improvvisare per ottenere l'effetto desiderato. Ho anche cercato di nascondere gli "archi" dei personaggi agli attori in modo che sembrassero più volatili. Tommi e Laura [Birn] hanno portato il metodo a un livello completamente nuovo, anche se è stato piuttosto difficile a volte. E Tommi ha realizzato qualcosa che potrebbe essere uno dei suoi migliori ruoli cinematografici.

Questo conflitto di "vendere, non vendere" [affrontato da uno dei personaggi] è qualcosa che si vede abbastanza spesso nei film di questi tempi. Secondo lei è qualcosa con cui le persone lottano davvero visto che la ricchezza è valutata più della tradizione?
La posta in gioco è più della semplice tradizione. La tradizione in sé non ha alcun significato, oltre ad essere una sorta di abitudine. Ma se perdiamo tutti i modi di vita tradizionali che vedono il pianeta come un organismo vivente e danno valore anche a qualcosa di così apparentemente inerte e senza vita come il mondo minerale, alla fine sarà la nostra fine come specie. Ho questo desiderio utopico che si possa tornare a una sorta di animismo nel nostro pensiero e a vedere tutto ciò che esiste come essenzialmente sacro e degno di venerazione. Allora vivremmo su un pianeta molto diverso, in una società molto diversa.

"Questi sono i momenti in cui gli uomini finlandesi non si arrendono", si dice qui. Aveva intenzione di parlare un po' dell’"essere finlandesi"? Come lo vede? Una tale prospettiva mette le persone sulla difensiva come quando l'Olanda parla della Repubblica Ceca, per esempio?
L'unica cosa che volevo ottenere con quella battuta era sottolineare che un sentimento nazionalistico può essere usato molto facilmente come strumento manipolativo. Non sto dicendo che non si possa amare il proprio paese o essere un membro orgoglioso della propria nazione. Essendo io stesso un estone, un discendente delle persone che hanno perso il loro paese a causa dell'Unione Sovietica mentre i finlandesi la sfidavano e combattevano per il loro, mi rende personalmente invidioso, e rispetto i finlandesi. La battuta nel film non è basata sui finlandesi o sul loro orgoglio per il loro "sisu" [un concetto finlandese descritto come determinazione stoica, tenacia o grinta], ma piuttosto sul Pescatore [il soprannome del personaggio di Korpela], la cui bussola morale disfunzionale gli permette di fare quella bravata, tra le altre cose.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy