email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2020 Concorso

Dalibor Matanić • Regista di The Dawn

"Compassione, amore e tolleranza rimuovono tutte le tossine"

di 

- Abbiamo parlato con il regista croato Dalibor Matanić in occasione della prima mondiale del suo ultimo film The Dawn in concorso al Festival Black Nights di Tallinn

Dalibor Matanić • Regista di The Dawn
Il regista Dalibor Matanić (al centro) sul set di The Dawn

Dalibor Matanić è uno dei cineasti croati contemporanei più prolifici ed è l’autore di quello che può essere considerato il più grande successo per il cinema croato dall'indipendenza del paese con The [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dalibor Matanic
scheda film
]
High Sun [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dalibor Matanic
scheda film
]
(2015), che ha vinto il premio della giuria del concorso Un Certain Regard a Cannes. Il film è la prima parte di una trilogia e il suo "sequel", The Dawn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dalibor Matanić
scheda film
]
, è ora in competizione al Festival Black Nights di Tallinn.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: In The High Sun, affrontava il passato e il presente. In The Dawn, guarda al futuro prossimo. È più facile analizzare il passato o prevedere e immaginare il futuro?
Dalibor Matanić: In The Dawn continuo a esplorare la questione di quanto possiamo influenzare la nostra realtà attraverso l'arte. È possibile evitare la formula storica che ci insegna che, ogni 40 o 50 anni, si verifica un nuovo conflitto nell'Europa sud-orientale, con l'ascesa dell'intolleranza e di estremismi vari? Abbiamo il coraggio o le conoscenze sufficienti per individuare nuovi populisti e fascisti che potrebbero aver semplicemente cambiato le uniformi che indossano? Mi affido al check-up matematico del passato per prevedere il futuro, ma il 2020 ci ha mostrato che il futuro è imprevedibile, sconosciuto e incline a generare una sensazione di insicurezza. Durante la preparazione di The Dawn, non credevo che il mio "oscuro domani" sarebbe effettivamente arrivato domani. Tuttavia, faccio quello che faccio perché credo che le persone alla fine vogliano solo amore, speranza e pace, e quelle cose che mantengono vivo questo pianeta.

The Dawn è ambientato nella stessa regione di The High Sun e mostra ancora una volta una divisione tra "noi" e "loro", ma questa volta la linea di demarcazione non è solo etnica. In che modo la società croata di oggi e di domani è divisa?
Come in ogni altra parte del mondo, la società è divisa tra chi si nasconde tra la folla e ha paura di guardarsi allo specchio e affrontare le proprie paure e frustrazioni, e chi è più coraggioso. La Croazia è sulla strada della modernizzazione e le persone sono più consapevoli che se qualcuno dice che è un "grande croato", c'è qualcosa di sospetto al riguardo. The Sun Trilogy parla di peccati e di assoluzione nelle tre generazioni della mia famiglia. The High Sun parla di mia nonna, The Dawn parla di mio padre, The Dusk parla di me. Il minimo che posso fare è pentirmi dell'oscurità che c’è stata nella mia famiglia. Non mi interessano i peccati dei miei “vicini”, ma i peccati commessi dalla mia nazione e la possibilità di essere assolti per il male che facciamo.

Il legame con The High Sun non è solo il contesto, ma anche lo stile, il direttore della fotografia, l'attrice protagonista... Questa volta, tuttavia, non abbiamo un trittico. Oppure sì?
C'è un trittico, nell'anima del protagonista e nei congegni in cui cade mentre cerca di completarsi come persona per affrontare le sfide di tempi nuovi e turbolenti. Negli anni '30, i nazisti parlavano a persone insoddisfatte che erano affamate, disoccupate, ignoranti e frustrate. Non è stato difficile trasformare quelle persone in bestie. L'Europa sta affrontando di nuovo queste sfide. Se la pandemia sfocia in un collasso economico, le bestie riaffioreranno di nuovo, incoraggiate dal populismo e dalle fake news? L'uomo calmo e completo avrà a meglio sugli estremisti, questo è l'obiettivo primario della nostra protagonista Matija.

Anche nell'apocalisse riesce a trovare la bellezza, per affrontare con gioia la tragedia. La cosiddetta gioia che ritrae, tuttavia, è piuttosto tossica e distruttiva. Come mai?
Non sappiamo che aspetto abbia il "nuovo male", il nuovo vampiro, fascista o demone. È di destra o di sinistra? Quali uniformi sono pericolose? Le persone che ci guideranno rideranno o saranno serie? In un mondo saturo di informazioni, dove l'attrazione visiva artificiale detta i contenuti, non sappiamo come sia il "nuovo Hitler". La cosa che sappiamo è che la compassione, l'amore e la tolleranza rimuovono tutte le tossine. Con i miei film, mi sforzo di mantenere stabile il mondo. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy