email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2020 Concorso

Peeter Simm • Regista di On the Water

"I bambini si aiutavano e si completavano a vicenda con sorprendente professionalità"

di 

- Abbiamo parlato con il veterano regista estone Peeter Simm, che ha presentato la sua nuova dramedy di formazione On the Water a Tallinn

Peeter Simm • Regista di On the Water
Il regista Peeter Simm sul set di On the Water

Abbiamo parlato con Peeter Simm del suo ultimo lungometraggio, la dramedy di formazione On the Water [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Peeter Simm
scheda film
]
, presentato nel concorso principale del Festival Black Nights di Tallinn. Prodotto dallo studio Filmivabrik di Tallinn, la storia è basata sull'omonimo libro di Olavi Ruitlane e ruota attorno alle avventure e alle disgrazie di un adolescente mite chiamato Andres (Rasmus Ermel), cresciuto sotto la guida della nonna premurosa (Maria Klenskaja) e suo nonno cinico (Kalju Orro) nell'Estonia sovietica rurale del 1982.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quando ha cominciato a lavorare sul film?
Peeter Simm:
Mi è stata offerta la possibilità di unirmi al team di On the Water circa tre anni fa. Per me, la decisione era complicata dalla mancanza di una drammaturgia convenzionale e dal gran numero di personaggi coinvolti. Ci ho pensato un po', ho letto sia la sceneggiatura che il romanzo. Abbiamo fatto tagli piuttosto significativi, ma abbiamo concordato con i produttori di non vietare le improvvisazioni durante le riprese. E quindi abbiamo trovato un accordo!

Com'è andata la collaborazione con Olavi Ruitlane [autore del romanzo originale e sceneggiatore del film]?
In passato ho lavorato con autori di opere letterarie e uno dei miei principi è non farsi saltare i nervi a vicenda. Fortunatamente, Olavi Ruitlane e io ci conoscevamo prima e le nostre opinioni coincidevano. So quanto sia vaga una parola e quanto sia specifica un'immagine. Al momento, sono molto contento che Olavi sia soddisfatto del risultato.

Come ha scelto il giovane protagonista, Rasmus Ermel?
L'inizio delle riprese è stato ritardato di oltre un anno. Col senno di poi, è stato utile per il film. Abbiamo trovato inquadrature interessanti e rifinito la storia. Abbiamo trovato la location principale dove, dopo aver rimosso un'auto parcheggiata, era praticamente l'anno 1982. Al centro del cortile c'era una grossa nave. Non avevamo idea che questo posto fosse a poche centinaia di metri dall'antica residenza dei Ruitlane. Quindi c'erano tutte le condizioni necessarie perché i suoi ricordi si materializzassero. Parlando del cast… Purtroppo, l’attore bambino che avevamo scelto inizialmente è cresciuto troppo, e così ha finito per interpretare il ruolo dell'antagonista, Peter. Guardando i video del vecchio casting, abbiamo notato un ragazzo che un anno e mezzo prima ci era sembrato troppo piccolo. Era Rasmus Ermel.

In genere è difficile dirigere efficacemente i bambini sul set, ma qui ha fatto un ottimo lavoro. Come ha lavorato con Rasmus Ermel e Aurora Künnapas [l'attrice che interpreta la prima cotta di Ermel] sul set?
Nei film, i bambini sono o molto buoni o molto cattivi. Pertanto, la cosa più importante per me era che i bambini avessero un solo compito principale da eseguire durante la scena, in modo che potessero arricchirlo con reazioni personali coerenti. È stata una fortuna che sia Rasmus che Aurora provenissero da famiglie di artisti ed entrambi fossero già saliti sul palco un paio di volte. All'inizio Rasmus non voleva sentir parlare del film perché pensava che l'intero testo, come in teatro, dovesse essere memorizzato subito. Devo dire che entrambi i bambini si sono aiutati e si sono completati a vicenda con sorprendente professionalità.

Che tipo di cinema l’ha ispirata?
Sono stato incoraggiato dai film per ragazzi che piacciono agli estoni e che spesso hanno un background romantico. Ero confortato dal fatto che i personaggi principali non devono necessariamente essere eroi o avere un destino predeterminato, mentre sfidano o incontrano la morte o il trionfo. Immaginavo che stessimo girando un road movie in cui l'asse non fosse topografico bensì temporale.

Ha qualche nuovo progetto cinematografico in vista?
Insieme alla stessa squadra, stiamo progettando di realizzare un film su una nazione perduta, vale a dire quella dei tedeschi baltici che hanno vissuto accanto ai nostri antenati in Estonia per secoli. In questo caso, la base è effettivamente un testo teatrale. Sta maturando nelle nostre teste da un po' di tempo e ora ci stiamo rendendo conto che forse non deve essere necessariamente tragico, potrebbe anche essere leggermente comico!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy