email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FRANCIA

Frédéric Farrucci • Regista di La Nuit venue

"L'intrigo criminale è spesso solo un pretesto"

di 

- Frédéric Farrucci ripercorre la genesi del suo accattivante primo lungometraggio, La Nuit venue, un film noir d'atmosfera incentrato su un taxi clandestino cinese a Parigi

Frédéric Farrucci  • Regista di La Nuit venue

Prodotto da Koro Films e venduto nel mondo da WTFilms, La Nuit venue [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Frédéric Farrucci
scheda film
]
, primo lungometraggio di Frédéric Farrucci, è stato lanciato il 15 luglio nelle sale francesi da Jour2Fête. Interpretato da Guang Huo e Camélia Jordana, questo film noir d’atmosfera rivela un regista molto promettente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: La comunità asiatica in Francia raramente viene trattata nel cinema francese. Come è arrivato a questo soggetto?
Frédéric Farrucci:
Per caso. Il mio co-sceneggiatore Nicolas Journet aveva avuto una cocente relazione amorosa con una spogliarellista e voleva indagare su queste giovani donne. Ha scoperto che la maggior parte di loro sono anche callgirl e che hanno tutte un tassista accreditato, che viene a prenderle alla fine del loro show per offrire loro una sorta di sicurezza, di camera di decompressione. Quindi mi ha proposto una storia d'amore tra una spogliarellista e un autista. Ero mediamente motivato dalla storia d'amore in sé, ma ciò che mi ha attratto di più è stato il tassista notturno. Perché mi piace molto la notte parigina, con i margini che si mescolano con la norma e gli incontri che non sarebbero possibili durante il giorno, che è molto divisivo. Quindi, abbiamo indagato sul mestiere di tassista notturno e una leggenda urbana tornava regolarmente: la mafia cinese equipaggia taxi falsi e mette al volante i clandestini. Non siamo mai stati in grado di verificare queste storie, ma questo mi suggeriva tante cose. Innanzitutto in termini di genere cinematografico perché mi immergeva nel cinema noir, con l'aggiunta di una comunità considerata molto misteriosa. C'era anche l'aspetto della schiavitù moderna, un argomento che mi interessa: la condizione degli immigrati che sbarcano in Francia, che sono sgraditi e che spesso si trovano sotto il controllo delle mafie intracomunitarie. La comunità cinese è quindi arrivata quasi per caso, ma dato che è molto poco mostrata al cinema ed è ancora abbastanza coerente in Francia, mi sono detto che era anche una buona idea per portare un po' di diversità sullo schermo.

Perché il genere del film noir l’attira così tanto?
Spesso, con il pretesto di un intrigo criminale, si tratta di film che descrivono un'era, un luogo, una società, anche un'umanità: film con un alto contenuto sociale. L'intrigo criminale è spesso solo un pretesto, una specie di cavallo di Troia, a differenza del genere poliziesco in cui è in primo piano. Poi il film noir è un cinema d'atmosfera, molto urbano, che descrive la città di notte, in una forma estetica molto marcata, anche musicalmente. Volevo prendere i codici di questo genere per applicarli alla Parigi in cui vivo, alla Parigi contemporanea. Spesso sono anche film che trattano degli svantaggiati, e oggi non esiste persona più svantaggiata di un immigrato clandestino che lavora per una mafia.

Lei mostra delle aree molto povere di Parigi che si possono vedere in alcuni documentari, ma molto poco nella finzione.
Non è glamour, ma volevo usare il travelling naturale dell’automobile per spostarmi in luoghi che ci allontanano un po' dalla cartolina di Parigi e mostrare ciò che vede il mio personaggio principale. E nella sua situazione precaria, è naturale che sia attratto dai bengalesi che vendono rose nei ristoranti o dagli africani che vendono le torri Eiffel ai piedi della Torre Eiffel. Ma c'erano anche aspetti estetici, il desiderio di avere un nero profondo, squarciato dalle luci al neon.

A parte Camélia Jordana, il film è interpretato da numerosi non professionisti. Perché questa scelta?
Il tema della comunità cinese mi affascinava, ma ero molto preoccupato per la legittimità e la correttezza. Quindi ho studiato in particolare con una ricercatrice del CNRS di origine cinese e che lavora sulle migrazioni tra Cina ed Europa. Ho anche incontrato molte persone di questa comunità per immergermi, fare domande. Per il casting, durante i provini con attori francesi di origine cinese, oltre al fatto che ce ne sono pochissimi, c'era già qualcosa di molto occidentale nel loro modo di esprimersi, di muoversi: avevo la sensazione di una mancanza di precisione mentre invece volevo trattare di persone che venivano dalla Cina. Dal momento che il film aveva un budget limitato, non c'erano nemmeno i mezzi per portare attori dalla Cina. Di conseguenza, abbiamo finito per fare casting selvaggio per strada, tramite associazioni, anche tramite WeChat, un'applicazione ampiamente utilizzata dalla comunità cinese. Ho avuto la fortuna che Guang Huo abbia risposto all’annuncio, e per i ruoli secondari mi sono avvalso della collaborazione di una direttrice di casting cinese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy