email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

GALWAY 2020

Guillaume de Fontenay • Regista di Sympathie pour le diable

"Paul Marchand era un personaggio cinematografico forte"

di 

- Incontro con il regista franco-canadese Guillaume de Fontenay il cui primo lungometraggio, Sympathie pour le diable, è proiettato questa settimana al Galway Film Fleadh

Guillaume de Fontenay  • Regista di Sympathie pour le diable
(© Shayne Laverdière)

Dalla sua prima mondiale nell'ottobre 2019, la coproduzione Canada-Francia-Belgio Sympathie pour le diable [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ella Rumpf
intervista: Guillaume de Fontenay
scheda film
]
ha vinto numerosi premi, tra cui il Grand Prix del Festival internazionale del cinema di Saint-Jean-de-Luz (Francia) e tre premi Iris (Quebec). Questo biopic di guerra nel cuore dell'assedio di Sarajevo, che continua il suo tour internazionale, è ora presentato nella sezione Peripheral Visions del Galway Film Fleadh. Abbiamo incontrato Guillaume de Fontenay, regista di questo dramma coinvolgente adattato dall'omonimo libro firmato dal reporter di guerra francese Paul Marchand, ora scomparso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: A quando risale il suo primo incontro con il personaggio di Paul Marchand? Quando e come ha scoperto la sua storia?
Guillaume de Fontenay:
Conobbi Paul per la prima volta tramite il Téléjournal di Radio-Canada, dove era corrispondente di guerra freelance da Sarajevo dal giugno 1992 fino alla sua evacuazione di emergenza nel novembre 1993. Nel 1997, l'ho riscoperto attraverso i suoi racconti in Sympathie pour le diable. Era un provocatore che si prendeva i suoi rischi, aveva scritto sulla sua auto, rivolto ai cecchini, "Morituri te salutant" e "Non sprecare il tuo proiettile, sono immortale". Paul Marchand era un uomo profondamente ferito, una delle intelligenze più acute che io abbia mai incontrato, e per la sua personalità estrema, un personaggio cinematografico forte. Ci siamo incontrati in Francia per la prima volta nel giugno 2006.

Descriverebbe Sympathie pour le diable come un film storico? Perché le è sembrato importante tornare sull'assedio di Sarajevo, questo momento travagliato della nostra storia contemporanea?
Sympathie pour le diable è soprattutto un film sul fallimento di un uomo, di un giornalista che avrebbe voluto mettere il mondo in allerta, migliorarlo, fare la differenza. Dobbiamo rimanere neutrali, schierarci, dobbiamo venire in aiuto delle vittime? Da un punto di vista storico, sono rimasto profondamente scioccato dalla nostra apatia collettiva di fronte a questa guerra, di fronte a questo assedio medievale alle porte dell'Europa che abbiamo tollerato per quasi quattro anni. E mi è sembrato importante tornare su questo conflitto, che è stato dimenticato troppo rapidamente.

Ci parli del modo che aveva Paul Marchand di raccontare la guerra. Come l'ha riportato nel film?
Paul era piuttosto un editorialista che aveva una sua opinione. È l'unico corrispondente che conosco che concludeva i suoi servizi con il suo famoso: "(...) e tutto ciò sotto lo sguardo impassibile della comunità internazionale". In 4/3, l'immagine ha la cornice dei nostri televisori e dei reportage dell’epoca. È più brutale, più claustrofobica. Ho voluto seguire Paul. È attraverso di lui che scopriamo l'assedio di Sarajevo, i suoi abitanti e la professione di corrispondente di guerra. È lui che ci apre la strada, che ci precede per la maggior parte del tempo. Non mi interessa il suo passato e il suo futuro, ciò che mi interessa è il suo rapporto con il presente in questo mondo di sopravvissuti.

Il film è stato girato quasi interamente a Sarajevo. Ci parli di questa esperienza.
Per me è stato molto importante girare l'intero film a Sarajevo, volevo restituire i suoi abitanti e realizzare questo film con loro. Fortunatamente, Boba Lizdek, che è un personaggio centrale nel film, mi ha supportato da quando Paul si è tolto la vita, aiutandomi durante la preparazione e le riprese. Un set molto impegnativo, in pieno inverno, il freddo, le condizioni difficili, a volte pericolose. Quasi tutta la squadra era bosniaca, tutti quelli che avevano più di trent’anni sono stati profondamente segnati da questa guerra. Ti fa essere umile, stimola l'impegno totale e il desiderio di fare un film forte e giusto. Un'esperienza straordinaria con un team eccezionale.

Ha più volte menzionato il suo desiderio di creare una "narrazione sensoriale" per raccontare questa storia allo stesso tempo cruda, violenta e umanista. Può dirci di più sulle sue intenzioni di messa in scena?
È difficile dire molte cose in 1 ora e 40 minuti e ho preferito un approccio più sensoriale per provare a far sentire agli spettatori un po' di questo assedio e di questo mestiere di corrispondente di guerra. Questa urgenza di denunciare che viveva in Paul, volevo trovarla attraverso una narrazione disadorna, una camera in spalla, lunghe inquadrature immersive, evitando i soliti campi e controcampi, essendo il più vicino possibile, facendo sentire la guerra, questa pressione sorda, evitare di essere compiacente, rimanere sui fatti, mostrare la violenza in modo crudo con pudore e moderazione. Raccontare ciò che Paul raccontava. Cercare di essere il più giusto possibile di fronte a un argomento così importante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy