email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

MONS 2020

Mehmet Akif Büyükatalay • Regista di Oray

"Gli umani sono troppo complessi per poter scegliere tra due parti; dobbiamo imparare a combinare identità diverse"

di 

- Abbiamo parlato con il regista tedesco di origini turche Mehmet Akif Büyükatalay del suo Oray, vincitore del premio Cineuropa al Festival di Mons

Mehmet Akif Büyükatalay  • Regista di Oray

Il vincitore del Premio Cineuropa al 35° Festival di Mons, Oray [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mehmet Akif Büyükatalay
scheda film
]
del regista tedesco di origini turche Mehmet Akif Büyükatalay, è un’opera prima eccezionalmente compiuta, con il grande Zejhun Demirov nel ruolo principale. La trama apparentemente semplice del film porta a una sottile esplorazione di numerosi problemi relativi alle comunità di immigrati musulmani in Europa. Abbiamo parlato con il regista del film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è la motivazione dietro la realizzazione di Oray?
Mehmet Akif Büyükatalay: All'inizio del film, il protagonista afferma che a volte dobbiamo scegliere tra inferno e paradiso. Penso che l'essere umano sia troppo complesso per poter scegliere tra due parti; dobbiamo imparare a combinare identità diverse. Questa è la cosa più importante che volevo dire.

Ci sono elementi autobiografici nel film?
Oray è molto personale, ma non è autobiografico. Non ho mai dovuto scegliere tra la religione e mia moglie. Inoltre non conosco nessuno che abbia pronunciato la formula del divorzio che Oray pronuncia contro la coniuge. Ma la sensazione di essere "l'altro" nel paese era molto personale.

Come ha trovato l'attore che interpreta il personaggio principale?
La ricerca dell'attore principale ha richiesto molto tempo. Abbiamo trovato Zejhun Demirov dopo un anno. È pio lui stesso, o cerca di vivere in maniera pia; è stato anche con i salafiti per un po'. Abbiamo spostato la comunità da Hagen, dove sono cresciuto, a Colonia. Ecco perché anche mio padre, mio ​​fratello e mio cugino sono lì. Volevo mostrare un sentimento di familiarità e intimità quasi omoerotica tra i personaggi.

Si potrebbe dire che il film è una critica al potere manipolativo della religione in generale?
Dipende dal pubblico. Molte persone hanno affermato che è un film di propaganda per la religione islamica. Altre persone, dal canto loro, hanno detto che stavo criticando l'Islam. Paradossalmente, l'estrema destra tedesca e gli islamisti hanno adottato la stessa posizione, sostenendo, ad esempio, che l'Islam non è compatibile con la democrazia.

Non giudico. Ho cercato di presentare i fatti e do allo spettatore la libertà di interpretare il film secondo la propria esperienza. Volevo mostrare la dinamica di una comunità. Puoi cambiare l'argomento dell'Islam e come viene visto tra gli hooligan del calcio o le comunità omosessuali. C’è anche stato qualcuno appartenente ai Testimoni di Geova che mi ha detto che si vedeva rappresentato nel film.

Burcu [la moglie di Oray] è una donna più avanzata di Oray. Lei è più indipendente.
La comunità mostrata nel film non rappresenta i 3,5 milioni di musulmani in Germania. Esistono molte comunità diverse e ognuna può avere una diversa interpretazione dell'Islam. Per quanto riguarda il ruolo delle donne, molto sta accadendo nella comunità musulmana ora in Germania, dato che siamo già alla terza generazione. Ciò significa una parziale ascesa dalla classe operaia alla classe media e sempre più musulmani istruiti. C'è un aumento dell'autodeterminazione tra le donne.

Quali sono i registi che l’hanno influenzata di più?
I fratelli Dardenne mi hanno ispirato per Oray, ma anche il neorealismo italiano, Rainer Werner Fassbinder e il cinema rumeno. In Romania, senti l'urgenza di fare di più con il mezzo cinematografico a livello formale. Da un punto di vista più generale, considero Pasolini un eroe e un vero modello da seguire. Inizia con il realismo e diventa sempre più estetico, ma non perde mai di vista la politica.

Dopo aver vinto il premio per la miglior opera prima alla Berlinale, ha ricevuto molte proposte, anche dalle major di Hollywood e da Netflix. Perché ha detto di no a loro?
Per via della libertà. Voglio fare i film che mi piacciono. E il secondo film è sempre il più difficile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche