email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Concorso

Giorgio Diritti • Regista di Volevo nascondermi

"Era importante esprimere i sentimenti dei dipinti di Ligabue attraverso i colori e l'inquadratura"

di 

- BERLINALE 2020: Cineuropa ha incontrato Giorgio Diritti per parlare di Volevo nascondermi, il suo biopic sull'artista italiano del XX secolo Antonio Ligabue

Giorgio Diritti  • Regista di Volevo nascondermi

Cineuropa ha incontrato il regista italiano Giorgio Diritti al 70° Festival di Berlino, dove Volevo nascondermi [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Giorgio Diritti
scheda film
]
, il suo film biografico sull'artista italiano del XX secolo Antonio Ligabue, con protagonista Elio Germano, è stato presentato in concorso.

Cineuropa: Quando è rimasto affascinato per la prima volta dall'artista Antonio Ligabue?
Giorgio Diritti:
In Italia è abbastanza noto, anche se è un pittore minore. Il motivo per cui è ben noto è che, da un lato, è eccentrico, un artista molto particolare e unico. È stato poco conosciuto per la maggior parte della sua vita. Successivamente, è stato riconosciuto e apprezzato da alcuni illustri rappresentanti della cultura italiana dell'epoca, lo scrittore Cesare Zavattini e l'attore Walter Chiari. Quindi c'è stato un aumento di interesse nei suoi riguardi, ma poi Ligabue si è ammalato ed è morto poco dopo. Però ha vissuto un momento di fama. È un pittore che dipingeva animali e che ha suscitato la mia curiosità sin da bambino. Questo è ciò che spinge i bambini a scoprirlo ancora oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quindi ha scoperto Ligabue quando era bambino?
La prima volta che l'ho scoperto è stato da bambino. Ma poi, l'ho riscoperto negli anni '70, quando la RAI trasmise una serie TV sulla storia della sua vita e della sua carriera. Ma è stato solo di recente, forse sei o sette anni fa, che il mio interesse è cresciuto di nuovo.

Quando ha deciso che i colori del film, le inquadrature e l'estetica rispecchiassero i suoi dipinti?
Quando ho iniziato a parlare con il direttore della fotografia, abbiamo riflettuto su come trasmettere la sensazione dei suoi dipinti attraverso le immagini, senza mostrare sempre i dipinti stessi. Lo facciamo occasionalmente nel film, ma era importante esprimere il senso dei suoi dipinti, e le fonti di ispirazione, attraverso i colori e l’inquadratura.

Lo vede come un film sulla libertà artistica o sulla malattia mentale?
Entrambi, ma meno sulla malattia mentale. Non sappiamo se avesse una malattia mentale; non gli fu mai diagnosticata una malattia. La malattia mentale fa parte dell'esperienza umana. È un film sulla libertà dell'artista, sull'identità e sulla realizzazione dei propri sogni e inclinazioni. È anche un film sul fatto che nonostante lui non fosse stato amato e fosse stato umiliato da bambino, c'era una via d'uscita.

Cosa l’ha spinta a scegliere Elio Germano per il ruolo di Ligabue, nonostante questo significasse sottoporsi a quattro ore di trucco al giorno?
Perché Elio è il migliore! Ogni artista deve provare amore quando vuole raggiungere un risultato artistico e, naturalmente, ciò significa che devono essere fatti dei sacrifici, ed è una lotta per arrivarci. Sì, il sacrificio di Elio è stato di sottoporsi a quattro ore di trucco prostetico ogni giorno, e il mio sacrificio è stato quello di avere meno tempo sul set per girare ogni giorno. Elio ha esattamente l'anima giusta e la sensibilità per interpretare Ligabue. Al di là della tecnica, era essenziale avere un approccio emotivo al personaggio, ciò in cui Elio è particolarmente talentuoso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy