email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Concorso

Fabio e Damiano D'Innocenzo • Registi di Favolacce

"Volevamo mettere gli spettatori in una posizione di disagio"

di 

- BERLINALE 2020: Abbiamo incontrato Fabio e Damiano D'Innocenzo, che tornano a Berlino con Favolacce, la fiaba più inquietante della competizione principale

Fabio e Damiano D'Innocenzo  • Registi di Favolacce
(© Fabio D'Innocenzo)

Favolacce [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Fabio e Damiano D'Innocenzo
scheda film
]
di Fabio e Damiano D’Innocenzo, il loro secondo film alla Berlinale dopo La terra dell’abbastanza [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Damiano e Fabio D’Innocenzo
scheda film
]
nel 2018, vede una piccola comunità alla periferia di Roma che cerca di sopravvivere a un'estate afosa. Ma non c'è ombra che li proteggerà da tutta l'ansia e la frustrazione crescenti, né dallo sguardo dei loro figli, che notano ogni singolo errore che cercano di nascondere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il vostro film ricorda le fiabe oscure che si ascoltano da bambini. L'avete visto anche voi in questo modo?
Damiano D'Innocenzo:
È solo dall'inizio del secolo scorso che le fiabe hanno iniziato ad avere un lieto fine. Ma non è per questo che venivano raccontate, almeno non in origine, e non è questo il loro obiettivo! Dovrebbero insegnarti come sopravvivere nella vita – sono il tuo Manuale delle giovani marmotte, per così dire. Inoltre, sono soprattutto i genitori che devono essere sempre rassicurati sul fatto che tutto andrà bene. Sono loro a capire se possono portare il loro bambino a vedere certi film, se sono appropriati per loro o no. Ma non noi: volevamo che tutto sembrasse molto rustico e crudo. C'è un motivo per cui ci piacciono i fratelli Grimm e le storie russe.

Ricordo il vostro film precedente [La terra dell’abbastanza], e ora è diventato perfettamente chiaro che non avete paura di mostrare persone che fanno cose cattive. È qualcosa che vedete quando guardate il mondo? Anche quando si tratta di bambini?
Fabio D'Innocenzo:
Siamo persone molto sensibili e spesso cadiamo vittime della cattiveria degli altri. Che, almeno nel nostro paese, sembra che continui a diffondersi – è un atteggiamento accettabile ora, e le persone si stanno quasi disumanizzando. Per noi è uno shock, questa epoca in cui viviamo. A volte abbiamo problemi a comunicare con gli altri, e speriamo che un giorno diventi un mondo più gentile. Ecco perché ogni volta che abbiamo l'opportunità di raccontare una storia, non cerchiamo di abbellire la realtà. La mostriamo per come la viviamo, e sì, vediamo cattiveria ovunque. Nel nostro film, i bambini cercano di imitare gli adulti; imitano ciò che vedono. Ecco perché quella spensieratezza, solitamente associata all'infanzia, semplicemente non c'è più.

Perché avete deciso di ambientare il film durante l'estate? Fa sembrare tutti più agitati, con tracce visibili di sudore che li seguono ovunque vadano.
F.D.:
È stata più una scelta stilistica. Avevamo bisogno del sole per controllare la luce, ovviamente, ma anche per sottolineare i tratti volgari dei nostri personaggi adulti e, al contrario, per enfatizzare la gentilezza e la delicatezza dei volti dei loro figli. Avevamo anche bisogno di acqua: è un altro elemento che può abbracciarti amorevolmente o diventare quasi osceno, come nella scena con [uno degli attori principali] Elio Germano. Quando il suo personaggio dovrebbe riposare, fluttuare nel mare, l'acqua che lo circonda è semplicemente sporca. Come in una fogna.

Favolacce ha quasi il suo odore, che non è troppo piacevole. Anche perché qui, con questo caldo estremo, i corpi sembrano causare problemi.
F.D.: Ne abbiamo parlato durante la scrittura ed è vero, la sensazione che è comune alla maggior parte dei nostri personaggi potrebbe essere paragonata all’essere rinchiusi in una gabbia. Ma non si tratta solo del corpo, ma anche della mente e dell'anima. Queste persone sembrano essere completamente imbottigliate. Coltivano il loro risentimento, le loro gelosie e frustrazioni, incapaci di realizzare i loro sogni. Rimuginano su tutto questo, e ciò ovviamente si riflette anche nel corpo. Non riescono a comunicare, soprattutto con se stessi o con i loro figli. Sono perfettamente abituati a nascondere questi sentimenti perché dopo vent’anni di atteggiamento macho di Berlusconi, ci viene ancora detto che è vergognoso mostrare la tua fragilità, specialmente quando sei un uomo. I bambini possono percepire tutte queste incertezze a un miglio di distanza.

Avete sempre voluto che si avesse la sensazione che stesse per accadere qualcosa di brutto? Fin dall'inizio, quando senti per la prima volta in TV una notizia su una tragedia familiare, è come se qualcosa continuasse a gorgogliare sotto la superficie.
D.D.:
Avevamo solo 19 anni quando abbiamo iniziato a lavorare su questa storia, ma sì, era intenzionale. Ciò che avevamo in mente era una lezione impartita dallo [scrittore americano] Raymond Carver. Ha detto che tutte le storie devono avere una sorta di innesco, ma non bisogna sapere subito di cosa si tratta. Questa era la nostra idea: mettere gli spettatori in una situazione di disagio. Pensano che succederà qualcosa, ma non sanno cosa. Anche Robert Altman, nei suoi film corali, lo faceva. I suoi personaggi stanno insieme, e allora? Qualcosa sembra comunque molto, molto sbagliato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy