email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2020 Forum

Paloma Sermon Daï • Regista di Petit Samedi

"Una storia di amore filiale e materno, un film su cosa significhi essere una madre, su cosa significhi essere un figlio"

di 

- BERLINALE 2020: Abbiamo incontrato la belga Paloma Sermon Daï che presenta al Forum della Berlinale il suo primo lungometraggio, il documentario Petit Samedi

Paloma Sermon Daï • Regista di Petit Samedi

Abbiamo incontrato la giovane regista belga Paloma Sermon Daï che presenta al Forum della 70ma Berlinale il suo primo lungometraggio, il documentario Petit Samedi [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paloma Sermon Daï
scheda film
]
, che affronta la questione della dipendenza attraverso l'intenso e travolgente rapporto che unisce una madre sola e suo figlio tossicodipendente, verso una possibile guarigione.

Cineuropa: Perché ha scelto di affrontare questo argomento molto intimo?
Paloma Sermon Daï: Vengo da Sclayn, il villaggio dove è girato il film. Penso di avere molto da dire sul mio territorio e su argomenti che sono molto intimi per me, e questo è sicuramente ciò che di base mi ha spinto verso il cinema documentario. Nel 2018, mio ​​fratello Damien non stava affatto bene, stava cercando di curarsi ma faticava a trovare una struttura adatta a lui. Ho voluto prendere tutto come un grande blocco di terra e dire: "Con tutto questo fango faremo una statua". Ho notato che ogni volta che filmavo Damien da solo, aveva una corazza molto più spessa di quando era con mia madre. All'inizio avevo immaginato qualche scenetta buffa, per dare ritmo al film, ma alla fine, il loro rapporto era così reale, che ho tagliato. È come in cucina, quando hai buoni prodotti, non bisogna aggiungere troppi ingredienti, altrimenti ti perdi i sapori.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Come ha convinto la sua famiglia a fidarsi di lei?
Quando ho affrontato per la prima volta l'argomento con Damien, voleva già aiutare gli altri, in modo che le persone colpite dalla dipendenza potessero dire a se stesse: "Non sono sola". Come dice mia madre nel film, tutte le famiglie hanno problemi, in un modo o nell'altro. E nonostante tutto, le persone che hanno dipendenze come Damien si curano raramente. Ha molti amici che sono morti molto giovani, perché non hanno avuto la stessa forza vitale e un entourage che li sostenesse. Voleva parlare.

All'inizio è un film su Damien, e poi emerge un altro personaggio, quello di sua madre...
Mia madre si occupa molto di Damien, ma è una codipendenza. Anche Damien si occupa molto di mia madre, può contare su di lui. Sono contenta di aver affrontato la dipendenza attraverso una relazione madre/figlio, che sia qualcosa di leggermente diverso, anche nel formato. Infine, è una storia di amore filiale e materno, un film su cosa significhi essere una madre, su cosa significhi essere un figlio. Se Damien non avesse amato sua madre, sarebbe finito male. Lì aveva questa ancora; un motivo per tenere la testa fuori dall'acqua, per essere una persona rispettabile.

Nel corso del film, la cinepresa si avvicina sempre di più ai protagonisti.
Per le prime scene in camera da letto con Damien, quando si fa, l'idea era di parlarne senza parlarne, di mostrarlo senza mostrarlo. Bisognava trovare uno sguardo giusto. Essere frontale con lui in quei momenti bui in cui si faceva del male, non avrebbe portato nulla al film. E poi queste conversazioni ci hanno fatto desiderare di avvicinarci sempre di più alle loro emozioni, perché sentivamo di potercelo permettere. È comunque un film molto statico e volevamo essere sempre più intimi. Questa vicinanza spinge anche lo spettatore a chiedersi cosa avrebbe fatto lui.

Se questo film è incentrato sul rapporto tra Damien e sua madre, il territorio rimane comunque molto presente.
I piccoli villaggi valloni come quello del film sono un po’ trascurati. Se Damien è cresciuto così, è anche una questione di territorio. Faceva parte di un gruppo di giovani che ne combinavano di tutti i colori. Bambini perduti abbandonati a se stessi. Fortunatamente Damien aveva la struttura della sua famiglia come rifugio, ma ha avuto una giovinezza movimentata.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy