email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

REPUBBLICA CECA Slovacchia

Adam Oľha • Co-regista di Athanor - The Alchemical Furnace

"Abbiamo avuto l'opportunità di assistere al processo di creazione da vicino e per un lungo periodo di tempo"

di 

- Abbiamo parlato con Adam Oľha, co-regista del documentario Athanor - The Alchemical Furnace, di come ha catturato il processo di creazione artistica del surrealista ceco Jan Švankmajer

Adam Oľha  • Co-regista di Athanor - The Alchemical Furnace

Cineuropa ha incontrato il documentarista slovacco Adam Oľha, co-regista del documentario Athanor – The Alchemical Furnace [+leggi anche:
intervista: Adam Oľha
scheda film
]
, per parlare di come ha catturato il processo di creazione artistica del surrealista ceco Jan Švankmajer. Oľha ha studiato cinema documentaristico alla FAMU e ha lavorato a documentari di Lucie Králová, Jan Sacher e Pavel Abrahám, nonché per la Televisione ceca. Inoltre, ha girato un documentario sulla sua famiglia, intitolato New Life of Family Album. Ha realizzato The Alchemical Furnace, presentato al recente IFFR, con Jan Daňhel.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Può rivelare di più sulla genesi del progetto The Alchemical Furnace?
Adam Oľha: Jan Švankmajer aveva deciso di utilizzare filmati documentari in Insect [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan Švankmajer
scheda film
]
. Voleva fare un "making of" dei suoi progetti precedenti, ma a quel punto sapeva che il footage sarebbe finito nel film come parte naturale di esso. Si riferiva ad esso come a un tipo di umorismo oggettivo che origina da situazioni imprevedibili durante le riprese. Sono state girate innumerevoli ore, da cui Jan Daňhel e io abbiamo costruito le basi per Insect dopo che il film è stato girato. È stato un punto di partenza per un tipo più profondo di immersione. Jaromír Kallista [produttore dei film di Švankmajer] ci ha detto durante le riprese che sarebbe stato bello girare un film sulla società di produzione Athanor, dove i loro lavori sono stati realizzati dal 1987.

Abbiamo avuto l'opportunità unica di assistere al processo di creazione da vicino e per un lungo periodo di tempo. Le riprese sono proseguite in modo naturale e organico. Švankmajer ha smesso di fare film; tuttavia, da allora, ha scritto due romanzi e attualmente sta lavorando al suo terzo libro. Dedica il suo tempo alla creazione libera e ai viaggi. Siamo tutti d'accordo sul fatto che non volevamo fare un ritratto biografico, ma piuttosto un'immersione nel processo di creazione della sua arte. Abbiamo iniziato a girare il film nel 2017 e abbiamo guardato indietro nel tempo fino all'infanzia di Švankmajer.

Come ha reagito Švankmajer quando ha scoperto che sarebbe stato oggetto di un documentario?
Non avrebbe mai iniziato a girare un film su se stesso da solo; di fatto, non ci aveva nemmeno pensato, dato che sicuramente ha cose più importanti da fare. Credo che l'innesco cruciale sia venuto dal produttore Jaromír Kallista, che ha capito che era tempo di rivelare al mondo ciò che accade dietro le quinte. Švankmajer ha accettato, e ci ha lasciato girare nello spirito dell'"umorismo oggettivo" durante il periodo successivo, senza fare alcun intervento o suggerimento su cosa doveva o non doveva essere nel film.

Credo che il fattore più importante sia stato il fatto che Jan Daňhel sia un membro del gruppo surrealista e che si conoscano da oltre vent‘anni. Esisteva già un legame di fiducia tra loro, quindi siamo stati in grado di passare oltre la definizione obbligatoria dei ruoli.

Ci sono diverse trame parallele nel documentario; come avete effettuato la selezione finale?
Avevamo un sacco di footage – non oso dire quante ore precisamente, ma erano oltre 100. Abbiamo trascorso la maggior parte del nostro tempo a guardare i filmati e selezionando scene che avremmo tagliato senza pietà. Ci è voluto circa un anno e mezzo. Il montaggio stesso è stato un giro sulle montagne russe. Ci siamo detti che volevamo che il film fosse indipendente nella forma, quindi non sarebbe stato un tentativo di copiare lo stile caratteristico di Jan Švankmajer.

Un passaggio molto sorprendente e toccante nel film riguarda la moglie e collaboratrice di Švankmajer, Eva Švankmajerová. Non aveva mai parlato di lei o della loro relazione in pubblico prima.
Švankmajer non aveva parlato pubblicamente di sua moglie Eva; tuttavia, nel suo ultimo libro, Cesty spasení [lett. “Strade della salvezza”] – che è stato anche una delle nostre fonti di ispirazione e che contiene estratti dei suoi diari – scrive di lei. È collegato e fuso con lei completamente, sia professionalmente che privatamente, e naturalmente, ciò ha suscitato il nostro interesse. Non ci aspettavamo che parlasse di lei nella misura che vedete nel film. Penso che sia una figura immensamente importante nella sua vita con cui si relaziona di continuo, anche dopo la sua morte. Ha iniziato a parlare di lei spontaneamente e ha continuato. In quel momento, sapevamo che probabilmente voleva che fosse registrato in qualche modo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy